thumbnail Ciao,

Il dirigente bianconero è in grande tensione per il match che la Juventus gioca con lo Shakhtar e in cui i bianconeri sono chiamati a conquistare perlomeno un punto.

La Juventus è attesa a Donetsk dall'ultimo match della fase a girone di Champions e dall'obiettivo di conquistare almeno un punto contro lo Shakhtar. Basta infatti un pareggio ai bianconeri per conquistare la qualificazione agli ottavi di finale.

Un obiettivo che fa tremare i polsi anche all'Amministratore Delegato bianconero, Giuseppe Marotta, che ai microfoni di Sky Sport ha espresso le emozioni sue e dell'ambiente Juve nell'attesa di questo match, fondamentale per il proseguo della stagione bianconera.

"Quelo di questa sera è senza dubbio un esame importante - ha detto Marotta - E' un esame a cui siamo arrivati con grande fatica, ma orgogliosi di esserci, per cui cercheremo di superarlo, anche se sappiamo che ci saranno delle difficoltà da affrontare. Conte in tribuna per l'ultima volta? Questo è un appuntamento a cui avrebbe voluto partecipare e la sua presenza in campo sarebbe stata molto importante. Però devo dire che la squadra l'ha preparata molto bene, sia dal punto di vista tattico che dal punto di vista motivazionale, per cui io mi auguro che i giocatori possano rispondere allo stesso modo con il quale il loro allenatore li ha preparati".

"Quando la Juventus partecipa a qualsiasi competizione deve sempre cercare di ottenere il massimo - ha proseguito il dirigente bianconero - Noi siamo ancora in una fase di crescita, però è evidente che il superamento di questo turno ci porterebbe poi ad affrontare anche con un pizzico di fortuna dei turni che possono diventare più semplici. Quindi, siamo consapevoli di essere ancora in una fase intermedia del nostro progetto, però visto che ci siamo vogliamo onorarlo nel migliore dei modi".

Su eventuali movimenti di mercato, poi, contando anche sull'introito del premio Uefa per l'approdo agli ottavi, Marotta non lascia spazio a voli pindarici sulla caccia al famoso top-player... "Devo dire che questo è un gruppo che ha già risposto a quelli che sono gli obiettivi societari, quindi oggi non valutiamo quello che è l'eventuale vantaggio economico, ma un vantaggio di prestigio nel conseguire il superamento del turno. Poi dal punto di vista economico, è chiaro che l'obbligo della società è quello di valutare attentamente che cosa offre il mercato di gennaio".

Sullo stesso argomento