thumbnail Ciao,

Domenica avrà di fronte la Juve. Il Milan ‘solito’ potrebbe non bastare. Ci vorrebbe forse un qualcosa in più, una variabile impazzita.

Solito’ é questa la parola che contraddistingue questo Milan. Solito primo tempo a marce ridotte. I rossoneri non giocano cattivi, non pressano e la palla é troppo spesso nei piedi degli avversari. Solita ripresa. La squadra cambia negli spogliatoi, ha un altro ritmo e trova buone giocate.

Solito attacco. Qualche errore in appoggio e nell'ultimo passaggio ma alla fine altri tre goal. Solito El Shaarawy. Il Faraone non si ferma più. Ennesima rete, dopo una grande giocata, e un assist per Pato simile a quello per Pazzini con il Chievo. Freddezza e capacità di aiutare i compagni bisognosi di fiducia. Non male per un ragazzo di venti anni. Solito Pato. Lui comunque segna ma nello stesso tempo continua a camminare.

É lui il motivo della sofferenza finale del Milan seppur in superiorità numerica. In questi casi bisogna saper
LA PARTITA | ANDERLECHT-MILAN 1-3

TIRI
IN PORTA
POSSESSO
ANGOLI

CARTELLINI

FUORIGIOCO

ANDERLECHT
8
2
60%
6
3
2

MILAN
4
4
40%
2
2
6

tener palla, far salire la squadra, prendere qualche fallo. Niente di tutto questo. Praticamente si gioca dieci contro dieci. Solito Montolivo. Solito da un mese a questa parte. Concreto, sempre nel vivo del gioco e leader come forse nemmeno nella Fiorentina con la fascia al braccio. Solita difesa. Attenta per quasi tutta la partita, concede il solito goal facile. Questa volta almeno é ‘brava’ nell' aspettare il secondo tempo.

Solito quasi tutto, nel male, sempre meno, ma da un po' di tempo soprattutto nel bene per un Milan che ha conquistato un passaggio del turno che a settembre, dopo l'andata con l'Anderlecht sembrava un'impresa. La squadra sta migliorando, ha ancora qualche lacuna, ma sta prendendo forma e sta trovando una sua identità. Oltre che "solito" il Milan sta diventando anche un po' più solido. Solido nel gioco, nello stare in campo e soprattutto di testa.

Domenica avrà di fronte la Juve. Il Milan ‘solito’ potrebbe non bastare. Ci vorrebbe forse un qualcosa in più, una variabile impazzita, una piccola deviazione al di fuori dell' ordinario. Un po' come al bar. Milan, il solito? Stasera no, dovrebbe essere la risposta. O meglio dammelo, perché ad El Shaarawy e Montolivo é meglio non rinunciare, ma aggiungici una spruzzata di buon primo tempo e di solidità difensiva. Mescola il tutto, offrilo ai bianconeri e vediamo se così facendo si riesce a farli ubriacare.

Sullo stesso argomento