thumbnail Ciao,

Chelsea travolto in Champions, Conte si toglie un sassolino: "Abbiamo risposto a chi ci criticava, la miglior Juventus deve ancora arrivare"

Il tecnico bianconero ha commentato il match vinto contro il Chelsea, sottolineando il gioco espresso dai suoi: "Pratichiamo un calcio non italiano, un calcio europeo".

La Juventus travolge i campioni d'Europa del Chelsea e si candida per il passaggio agli ottavi di finale. Il tecnico Antonio Conte, a margine dell'intitolazione del corso davanti allo 'Juventus Stadium' a Gaetano Scirea,  ha commentato il match di ieri sera, facendo il punto della situazione sul cammino dei suoi in Champions League.

L'allenatore salentino ha subito espresso la sua felicità, lasciando trapelare un velo polemico nei confronti dei più scettici: "La soddisfazione sicuramente deve essere una spinta in più per migliorare, sono contento per i ragazzi che meritavano questo successo, senza dimenticare che non abbiamo fatto ancora niente. Anche se abbiamo fatto un passo signifcativo e abbiamo dato risposte importanti a chi ci criticava".

Conte sottolinea poi come la sua non sia una squadra che gioca 'all'italiana': "Si è definita sempre la Juventus una squadra che gioca un calcio non italiano, un calcio europeo, la risposta di ieri ne è stata la conferma. E' stata una considerazione fatta sempre dai giornalisti, non lo sto dicendo io. E' inevitabile che dobbiamo migliorare tanto e dobbiamo crescere nel nostro campionato, perchè si sta creando troppo divario tra il nostro calcio e quello degli altri paesi".

Per quanto riguarda il cammino europeo, il ct bianconero cerca di frenare gli entusiasmi: "Juve sorpresa in Champions? E' prematuro parlarne, l'importante è superare questo turno sotto tanti punti di vista, per noi, per motivi economici e per l'Italia, per risalire nel ranking. Rispettiamo tutti ma non abbiamo paura di nessuno, sapendo benissimo che possiamo incontrare squadre che sono più forti di noi ma la nostra filosofia non cambia".

Infine uno sguardo al campionato, che li vedrà impegnati sul campo del Milan: "Sappiamo benissimo che domenica ci aspetta una partita importante contro una grande squadra come il Milan. I rossoneri in questo momento non fa parte del lotto delle squadre per vincere il campionato, ma hanno tutte le caratteristiche, la rosa per tornare in corsa, quindi dovremo fare una grande partita".

Sullo stesso argomento