thumbnail Ciao,

L'amministratore delegato rossonero ha fatto i complimenti ai rivali bianconeri, per la bella vittoria sul Chelsea. Ma adesso tocca al 'Diavolo' cercare il passaggio del turno.

La Juventus domina il Chelsea e spiana la strada al proprio passaggio del turno: l'amministratore delegato del Milan Adriano Galliani, giunto a Bruxelles per seguire la sua squadra contro l'Anderlecht, ha fatto i complimenti ai bianconeri. Ma adesso tocca al 'Diavolo' provare ad ipotecare l'importante traguardo degli ottavi di finale.

Mostrandosi ai giornalisti in occasione del classico pranzo dell'Uefa, il dirigente rossonero ha espresso parole d'elogio verso i rivali bianconeri, che saranno i prossimi avversari anche in campionato: "Ho visto tutta la partita e devo farle i complimenti. È stata ammirevole e ha messo in campo una foga incredibile. Le fatiche di coppa si faranno sentire? Pensiamo a passare il turno, poi penseremo ai bianconeri".

Nella testa di Galliani dunque c'è un solo ricorrente pensiero, quello di raggiungere assolutamente gli ottavi: "Siamo testa di serie e tra le prime otto squadre del ranking. È chiaro che dobbiamo passare il turno a tutti i costi. La formazione? Allegri stia sereno e metta in campo l'undici più adatto".

Per quanto riguarda il capitolo Pato, Galliani è fiducioso: "E' stato fuori molto tempo, ha bisogno di tornare in forma. Ci facciamo affidamento. Deve recuperare la condizione fisica, ma non dimentichiamo che nel 2011 è stato decisivo per la vittoria dello scudetto quando ha dovuto sostituire l'assenza di Ibra. Pato, Robinho e Boateng sono importanti, costosissimi e devono far bene per forza".

L'importante però è fare tre punti contro l'Anderlecht: "Stasera sarà ultrafondamentale fare risultato. Il Milan mi è piaciuto anche nel primo tempo a Napoli, non solo nel secondo. Stasera la trecentesima di Abbiati? E' un caro amico, verso di lui nutro un affetto paterno".

A guidare il Diavolo sarà ancora una volta il 'Faraone', osannato anche dalla stampa belga: "El Shaarawy a noi sembrava un buon giocatore: sono molto contento che giochino due '92; volevate un Milan giovane, eccolo. Occorre un minimo di pazienza, questa squadra crescerà".

Sullo stesso argomento