thumbnail Ciao,

Il tecnico dei londinesi in bilico, ma la pressione non lo tocca più di tanto: "Quando alleni una grande società come questa è normale che ci siano delle critiche".

Rimarrà nella storia come il tecnico che ha portato il Chelsea a vincere quella Champions League, il grande cruccio di Roman Abramovich e dei tifosi Blues. Roberto Di Matteo, però, ora non se la passa affatto bene nella massima competizione europea.

Raggiunto dai microfoni di 'Mediaset Premium' a fine gara, il mister italo-svizzero ha dichiarato di essere ancora, in parte, fiducioso per la qualificazione agli ottavi: "La speranza c'è ancora, matematicamente possiamo ancora farlo".

Si parla del 3-0 subito contro la Juventus: "Abbiamo sprecato tre grosse occasioni prima del goal di Quagliarella:.La prima rete in una partita importante come questa è decisiva, loro sono stati un po' fortunati sul tiro di Pirlo, c'è stata una deviazione decisiva".

"Quando sei allenatore di una grande società come questa è normale che ci sono delle critiche se non arrivano i risultati" ha continuato l'ex West Bromwich. "La pressione? C'era anche lo scorso anno, da questo punto di vista non è cambiato niente".

Sullo stesso argomento