thumbnail Ciao,

Il portiere è stato decisivo per la vittoria in Champions con le sue parate, tanto da meritarsi gli elogi di Spalletti a fine gara: "Ha fatto due o tre interventi incredibili".

Il Milan contro lo Zenit San Pietroburgo ha ottenuto la prima vittoria in Champions della stagione. Se i rossoneri hanno vinto in Russia, però, devono una grossa fetta di questo risultato, oltre ad uno straordinario El Shaarawy, al loro portiere Christian Abbiati, che con le sue parate ha tenuto in piedi la squadra di Allegri nel momento più difficile della partita.

L’estremo difensore ha salvato la propria porta in almeno cinque occasioni nitide per gli avversari: gli interventi più difficili sul finire di primo tempo sulla punizione bomba di Hulk, poi nella ripresa sul tiro al volo di Anyukov.

Parate che valgono come dei veri e propri goal, tanto da meritarsi, come riporta oggi ‘La Gazzetta dello Sport’,  i complimenti del tecnico avversario Luciano Spalletti. “E’ stato davvero bravo – ha detto di lui l’allenatore toscano – ha fatto due o tre interventi incredibili, andando a togliere il pallone da dentro la porta”.

Il diretto interessato, tuttavia, minimizza sulla sua prestazione di ieri sera. “Ho fatto delle buone parate, ma anche un errore come sul secondo gol dello Zenit. — ha analizzato lucidamente a fine gara —L'intervento più difficile è stato quella sulla punizione di Hulk: è un campione, calcia veramente forte e mi fanno ancora male le braccia a causa dei tiri del brasiliano. Comunque è stata una vittoria della squadra, del gruppo”.

Modestia a parte, quelle di Abbiati sono state sicuramente parate determinanti per il risultato, tanto che, come riferisce stamane ‘Il Corriere dello Sport’, fanno inevitabilmente balzare in primo piano la questione del rinnovo di contratto, dato che quello attuale scadrà il prossimo giugno.

La società rossonera, onde evitare altri casi come quello relativo a Pirlo, sarà dunque chiamata a fare uno sforzo economico per l’estremo difensore, che ha dimostrato di meritarsi sul campo quella maglia.

Sullo stesso argomento