thumbnail Ciao,

L'attaccante argentino rileva Menez al 74' e lascia il campo all'81' prendendo a calci un frigo portatile. Il tecnico rivela: "Ha avuto un problema all'adduttore".

Notte da incubo per Ezequiel Lavezzi. Doveva essere quella del riscatto dopo un fastidioso infortunio, invece per l'attaccante del Paris Saint-Germain la gara col Porto si è trasformata in una vera e propria 'odissea'. Entra al 74', viene sostituito sette minuti dopo.

Ancelotti, col Psg in difficoltà, decide di dare maggiore vivacità all'attacco richiamando in panchina l'ex romanista e affidandosi al 'Pocho' chiamato con la sua velocità a scardinare l'attenta retroguardia lusitana. Un paio di spunti, un fallo richiesto ma non fischiato, poi accade l'impensabile.

Al minuto 81 Pastore è pronto a entrare, a fargli posto è clamorosamente proprio Lavezzi. L'abbraccio tra i due, poi il lento tragitto verso la panchina intervallato da un furioso calcio ad un frigo portatile posizionato a bordo campo. Tra lo stupore generale, il match dell'ex napoletano dura solo 420 secondi. (Clicca qui per il video)

A fine partita Ancelotti ha parlato di guaio fisico ("Ha avuto un problema all'adduttore e purtroppo non ha potuto giocare"), ma i continui richiami al 'Pocho' dal suo ingresso e la veemente reazione del numero undici avevano lasciato il dubbio: infortunio o bocciatura tecnica?

Ma alla fine, il 'mistero' è svelato: stiramento all'adduttore per Lavezzi, che adesso rischia di dover star fuori altri venti giorni. Brutta tegola per l'argentino, appena rientrato dopo aver saltato le ultime uscite del Psg proprio a causa di uno stiramento.

Sullo stesso argomento