thumbnail Ciao,

Domani sera il Milan affronterà a San Pietroburgo lo Zenit di Spalletti. Impegno fondamentale per Allegri, che in casa di risultato negativo vedrebbe la sua panchina in pericolo.

Domani sera il Milan scenderà in campo a San Pietroburgo, dove affronterà lo Zenit di Luciano Spalletti per la seconda giornata della fase a gironi di Champions League.

Una partita molto importante per entrambe le squadre, "la partita dell'anno" l'ha definita Spalletti. E lo stesso è per Massimiliano Allegri, che vede passare anche dalla sfida di San Pietroburgo il suo prossimo futuro sulla panchina rossonera.

"Sapevo che il nostro era un girone equilibrato - ha detto Allegri in conferenza stampa - e lo sarà, con Zenit e Milan che si giocheranno la qualificazione fino all'ultima giornata".

"Spalletti sta dimostrando di essere un ottimo allenatore - ha proseguito il tecnico rossonero - Ha sfiorato lo scudetto con la Roma e qui in Russia ha vinto subito. E' un allenatore che riesce a dare un'identità di gioco precisa alle sue squadre".

Quella contro lo Zenit sarà per Allegri una sorta di 'prova del nove', assieme al derby del prossimo weekend, in cui si giocherà la panchina rossonera. Sono già diversi i nomi che circolano per una sua eventuale sostituzione, ma Allegri non sembra preoccuparsene... "Io penso solo al Milan e non ai nomi relativi alla panchina rossonera, che cambiano ogni giorno. A Parma non abbiamo vinto, ma abbiamo giocato bene".

Allegri torna poi sulla partita con lo Zenit... "Domani dobbiamo dimostrare di essere un'ottima squadra, sia caratterialmente che a livello tecnico. Certo, dobbiamo ancora migliorare molto. Lo Zenit? Ho visto partite sia prima della loro crisi che dopo e devo dire che rimangono comunque un'ottima squadra".

"Il Milan quest'anno ha cambiato molti giocatori - ha detto ancora Allegri - e dal momento che sono arrivati giocatori nuovi abbiamo cambiato un po' anche il sistema di gioco".

A proposito di nuovi arrivi, allo Zenit quest'estate sono arrivati due pezzi da novanta... "Il calcio russo è in grande evoluzione - ha commentato Allegri - con molti campioni che vengono a giocare qui. Hulk e Witsel, ad esempio, hanno fatto fare un salto di qualità allo Zenit".

Sullo stesso argomento