thumbnail Ciao,

Mircea Lucescu non le manda a dire, e avverte i bianconeri e i 'Blues': "Nel nostro girone la squadra che gioca il miglior calcio non è né la Juventus né il Chelsea, ma è la mia".

E' un Mircea Lucescu scatenato quello intervistato al Forum Uefa dedicato agli allenatori. Il suo Shakhtar Donetsk è stato sorteggiato nel girone E assieme a Chelsea, Juventus e Nordsjaelland, ma il tecnico rumeno non si dà per vinto. Anzi ha rilanciato con dichiarazioni scoppiettanti che accendono la competizione, a meno di due settimane dal via ufficiale: 'Nel nostro girone di Champions la squadra che gioca il miglior calcio non è né la Juventus né il Chelsea, ma è la mia. I bianconeri e i Blues partecipano a due campionati importanti, ma quanto a spettacolarità, siamo superiori noi".

L'ex tecnico dell'Inter ha anche parlato dei numerosi tentativi effettuati da molti club europei nei confronti dei suoi calciatori più affermati, tutte richieste rimandate direttamente al mittente: "Per Willian abbiamo detto no a Chelsea e Tottenham, la Juve si era informata su Luiz Adriano, Fernandinho è un talento che è cresciuto diventando una realtà, ma anche Douglas e Texeira stanno maturando in fretta. Possiamo far bene e soprattutto vogliamo tornare a vincere dopo la scorsa stagione deludente".

Il rumeno ha poi puntato i fari sul campionato italiano, snocciolando un'attenta analisi e dimostrando quindi che la Serie A è sempre rimasta nel suo cuore: "La Juve? Mi aspettavo che lo scorso anno vincesse lo scudetto perché i bianconeri erano i più affamati di tutti e hanno la storia e la tradizione dalla loro parte. Il nuovo stadio, poi, ha fatto guadagnare loro dei punti".

Infine, in pieno stile Lucescu, ha lanciato la sfida a tutte le contendenti del girone E. Una dichiarazione di guerra, probabilmente con lo scopo di riscaldare il suo ambiente: "Ma noi non partiamo battuti. Né con la Juventus né con il Chelsea. Vedrete...".

Sullo stesso argomento