thumbnail Ciao,

Nel dopopartita del match di Champions contro il Barcellona, l'Ad rossonero si impegna a cercare di risolvere il problema: "L'Inter deve capire che ci costa punti".

Più che di Messi e Ibra, al termine del match di Champions League tra Milan e Barcellona, il grande protagonista del dibattito è stato il terreno di gioco di San Siro, stroncato all'unanimità dagli illustri ospiti, con qualcuno che ha anche lanciato velate accuse ai rossoneri sull'aver 'apparecchiato' una situazione tecnica sfavorevole agli avversari.

Non si trattiene Pep Guardiola, per solito molto pacato: "Il campo era scivolosissimo e tenere il pallone era un'impresa. E' un problema anche per Inter e Milan. I campioni che ci sono in queste due squadre meriterebbero di meglio. Credo che il problema sia lo stadio: il prato non respira e non arriva la luce del sole. Siamo venuti qua per fare spettacolo, ma è normale che in queste condizioni sia più complicato. Qualcosa l'Uefa dovrà fare per forza".

E pare che il tecnico del Barcellona abbia parlato anche di questo argomento, nell'incontro 'riservato' avuto con Silvio Berlusconi negli spogliatoi nel dopo partita: "Ma come fate a giocare su un terreno del genere? Così finite per perdere un sacco di punti", è il virgolettato riportato dal 'Corriere dello Sport'.

Più caustico, invece, Gerard Piquè, che lancia un'accusa ben precisa all'ambiente milanista: "Hanno usato il trucco di non bagnare il prato, perchè sanno che con la palla che scivola di più noi giochiamo meglio...".

Sulla questione interviene a fine partita anche Adriano Galliani, preannunciando la volontà di cambiare le cose drasticamente: "Poichè su questo stadio noi e l'Inter abbiamo uguali diritti, invito pubblicamente il club nerazzurro a passare a un terreno naturale sopra e sintetico sotto. A questo proposito attendiamo l'okay dell'Inter, che però non è ancora arrivato. E' un problema da risolvere, noi quest'anno abbiamo patito un sacco di infortuni su questo terreno. Noi lo abbiamo già fatto a Milanello. A fine campionato, se troviamo l'accordo, si può fare in due mesi. Mi batterò per questo nuovo terreno. Anche l'Inter, che non è ancora completamente d'accordo, deve capire che si perdono punti preziosi...".

Sullo stesso argomento