thumbnail Ciao,

Le ha provate tutte, ma non è bastato, quanta amarezza per Ranieri: "Più di questo, la mia Inter non poteva dare. Una gara che fotografa la stagione..."

Il tecnico nerazzurro è giustamente amareggiato per l'eliminazione: "Loro hanno fatto tre tiri in due partite, ma questo è il calcio. Rifondazione? Semmai ristrutturazione...".

La più inutile ed amara delle vittorie. L'Inter batte il Marsiglia 2-1, ma saluta la Champions dopo l'1-0 subìto al Velodrome. "Loro hanno fatto tre tiri in due partite, ma alla fine vince chi fa goal, quindi complimenti a loro", dice a fine gara uno sconsolato Claudio Ranieri, intervenuto ai microfoni di Sky.

La squadra, a suo giudizio, non ha demeritato: "Forse avevamo giocato meglio a Marsiglia, ma direi che in entrambe le gare abbiamo avuto le occasioni migliori. Certo, prendere goal nel finale lì e anche stasera è difficile da digerire. Questa partita è un po' la fotografia della nostra stagione, più di quello che abbiamo fatto non potevamo fare...".

Questa la sua analisi della gara: "Nel primo tempo abbiamo giocato cercando di restare corti, ma non sempre ci siamo riusciti. Nel secondo ho chiesto a Sneijder di fare da punto di riferimento, ma si è fatto male. Con l'ingresso di Obi siamo stati più incisivi. Nel complesso abbiamo subìto una condanna ingiusta, pensavo che col successo sul Chievo il vento sarebbe cambiato, ma mi sbagliavo. Stasera ci è mancata soprattutto la fortuna".

Ora bisognerà sforzarsi di andare avanti: "Le motivazioni? Le troveremo in noi, questa squadra ha dato tutto e deve continuare così. Al terzo posto ci crediamo ancora, ma deve cambiare il vento...". In estate, poi, scatterà l'Ora X della rifondazione: "Basterà una ristrutturazione, puntellando alcuni ruoli".

Sullo stesso argomento