thumbnail Ciao,

Il popolare editorialista stronca le ambizioni di alto profilo del Diavolo dopo l'umiliante disfatta di Londra: "E se Abate si gira sul goal per non prendere una pallonata...".

Se i tifosi del Milan stanno ancora ringraziando l'oggetto del desiderio Van Persie per essersi mangiato con uno improvvido 'scavino' il goal che avrebbe spedito i rossoneri dritti all'inferno dei supplementari contro l'Arsenal, la critica si è invece abbattuta senza pietà sugli uomini di Allegri, condannando sia le prestazioni individuali dei giocatori che l'impronta tattica data al match dall'allenatore.

Entrambi i capi d'accusa sono stati abbondantemente sviscerati da Franco Rossi sul suo blog, con potenza di fuoco ad alzo zero. Non si salva nessuno... "E' vero che al peggio non c'è mai fine, ma quel che è successo a Londra ha sfiorato il raccapriccio. Il Milan ha confermato di essere solo una squadra clandestina in Europa, capitata casualmente ai quarti. Magari con sorteggio particolarmente fortunato potrà fare come lo Schalke o4 che l'anno passato finì casualmente alle semifinali".

"Limiti caratteriali e di bravura - affonda Rossi - agghiacciante la palla goal concessa da Thiago Silva (uno che sta facendo il giro delle sette chiese per offrirsi a mezza Europa) in occasione del secondo goal dell'Arsenal. Del primo meglio non parlare nemmeno, con Abate che si gira per non prendere una pallonata: quando un difensore fa una cosa del genere significa che la bravura è scesa sotto ogni livello di guardia. La differenza tra la classe e la broccaggine è che alla classe c'è un limite...".

Il popolare editorialista si 'dedica' poi ad Allegri: "Ha confermato la sua mediocrità, con buona pace delle varie truppe cammellate che in questi giorni hanno tanto esaltato (a comando? chissà...) proponendo addirittura un sondaggio nel quale la domanda più seria era: Ibra vincerà il Pallone d'Oro? Il disfattismo è l'ultima cosa che mi passa per la mente, ma assistere a una partita come quelle del Milan a Londra, fa passare anche la voglia di dire che si è qualficato per i quarti...".

Sullo stesso argomento