thumbnail Ciao,

Il pubblico di San Siro ha tributato un lungo applauso al classe '94 croato, uscito nel finale della gara col Cluj per far posto a Jonathan. E' nata una stella?

Mateo Kovacic ha stupito tutti. Il giovane centrocampista croato, impiegato ieri dal 1' contro il Cluj, ha subito preso in mano il centrocampo dell'Inter, mostrando tecnica e personalità. Stramaccioni lo ha posizionato davanti alla difesa, e la risposta di Kova è stata ottima. Ciliegina sulla torta, l'assist a Palacio per il goal del 2-0.

Al momento della sostituzione con Jonathan, nel finale di partita, il pubblico di San Siro gli ha tributato un lungo applauso. Lo stesso pubblico che, già calato in pieno clima-derby, ha dimostrato di aver dimenticato alla grande un certo Balotelli, di cui "non ce ne frega niente", come da coro udito nei minuti finali dell'incontro.

Adesso la stella del futuro in casa nerazzurra è croata e si chiama Kovacic, che Massimo Moratti, come confessato nel pregara, ha preferito a Paulinho ("Non ero convinto del brasiliano", ha spiegato il patron), e che Strama si coccola già come un punto fermo: "Le sue qualità sono sotto gli occhi di tutti, ha personalità, vuole sempre avere la palla. L'assist corona una grande prestazione, ora però fari spenti".

Anche Fredy Guarin ha omaggiato il ragazzo, che è stato l’acquisto più costoso dell'Inter a gennaio: "Dobbiamo fargli i complimenti, è giovane e non è facile inserirsi in una grande squadra. Ha fatto vedere ottimi numeri, ma deve andare avanti con calma e tranquillità, senza strafare".

Infine, l'ex campione Luis Figo, oggi 'ministro degli Esteri' nerazzurro, ha definito Kovacic, ai microfoni di Mediaset Premium, come "un elemento di grande qualità. Speriamo che si adatti al più presto e che sia un buon investimento per la nostra società".
Final
Sevilla FC Sevilla
v
SL Benfica Benfica
#B1with_Sevilla
#B1with_Benfica

Sullo stesso argomento