thumbnail Ciao,

Borussia tosto e disciplinato, Petkovic mette in guardia la Lazio: "Dobbiamo confermarci e migliorarci, serve attenzione sulle palle ferme"

Vigilia di Europa League per la formazione biancoceleste, reduce dal pari di campionato. "Favre è uno dei migliori tecnici degli ultimi dieci anni" l'elogio al collega.

Conferenza stampa di vigilia per Vlad Petkovic. La Lazio, infatti, domani sarà impegnata in Germania a casa del Borussia Monchegladbach. Impegno sicuramente non facile, visto e considerando che ogni squadra arrivata ai sedicesimi venderà cara la pelle.

"Abbiamo a che fare con un avversario tosto, disciplinato, pericoloso sulle ripartenze e sulle palle ferme" le prime parole del tecnico biancoceleste in conferenza stampa. "Conosciamo bene il Borussia, ma questa è un aspetto secondario. L'importante è confermare la prestazione dell'ultima gara e migliorare".

Elogio assoluto per il collega: "Favre è uno dei migliori allenatori degli ultimi dieci anni, cerca sempre di giocare un buon calcio con le sue squadre. Ci siamo già incontrati in un Hertha Berlino-Young Boys, i suoi risultati sono molto apprezzabili".

Serve migliorare sulle palle ferme: "Ho dato un imput alla squadra per avvisare i giocatori, queste situazioni sono molto importanti. Nelle ultime partite, così come a inizio stagione, siamo entrati un po' in difficoltà. Domani mi aspetto una marcatura più stretta, sopratutto a fine gara".

Turover ragionato per domani: "Dall'inizio ho sempre parlato di questo, cercherò di mettere una formazione che possa darmi garanzie di passare il turno. Floccari in un gran momento, è merito suo ma anche dei compagni. Sergio è uno splendido ragazzo, sa cosa vuole fare, ha aspettato tanto e adesso sta sfruttando le sue opportunità".

Nell'ultimo match il Napoli ha pareggiato allo scadere: "Hanno messo tanti attaccanti in campo abbiamo avuto comunque tre occasioni per chiudere la partita. Non abbiamo sofferto in molte occasioni, anche dopo il pareggio abbiamo avuto alcune chance per vincere la partita. Domani ci saranno momenti in cui riusciremo a fare gioco, ma anche momenti in cui dovremo soffrire. Sappiamo fare entrambi".

Cavanda pare essere seriamene fuori rosa: "E' un'assenza concordata con la società". Probabile spazio nella ripresa per Ederson: "Sta tornando dopo due mesi di riposo, saremo tre giorni qui in Germania ed avrà la possibilità di recuperare anche un po' di fiducia".

Sullo stesso argomento