thumbnail Ciao,

La squadra di Petkovic ha concluso al comando il girone di Europa League, e in campo continentale non perde da 8 gare. Meglio ha fatto solo Eriksson tra il 1998 e il 2000.

E' una Lazio a due facce, o quasi: perché se in campionato è quarta a 2 punti dalla zona Champions, è in realtà in Europa che la squadra di Petkovic dà il meglio di sé. La qualificazione - da prima - ai sedicesimi di Europa League ha riacceso gli entusiasmi dell'ambiente.

Come sottolinea la 'Gazzetta dello Sport', la goleada in casa del Maribor ha permesso ai biancocelesti di rimanere imbattuti in campo europeo, a fronte delle quattro sconfitte rimediate in Serie A. Inoltre, la Lazio ha chiuso i gironi con due sole reti al passivo, primato condiviso con i tedeschi del Bayer Leverkusen.

Ancora, Klose e compagni non perdono da 8 partite complessive, anche se superare il record di 18 stabilito dallo squadrone di Eriksson tra il 1998 e il 2000 appare estremamente complicato. Intanto la Lazio si tiene il primato nel girone: era accaduto solo nel 1999-2000, nei due gruppi di Champions.

Un dato in controtendenza rispetto al trend recente, in cui le squadre italiane snobbano sempre più una competizione ritenuta di secondo piano come l'Europa League. Anche se pure il Napoli, altro baluardo tricolore in campo europeo, si è qualificato in tranquillità.

Il segreto, forse, risiede in un turnover più moderato di altri. Dal campionato alla coppa cambiano pochi elementi: in generale, gioca soprattutto chi sta meglio. Petkovic ha ripetuto spesso che per lui il campionato e l'Europa League hanno la medesima importanza. Sta dando seguito coi fatti alle parole.
Final
Sevilla FC Sevilla
v
SL Benfica Benfica
#B1with_Sevilla
#B1with_Benfica

Sullo stesso argomento