thumbnail Ciao,

Roma nel mirino dopo i gravi incidenti della notte, il sindaco non ci sta: "Colpa di alcuni teppisti da stadio". Intanto all'Olimpico la Curva Nord intona cori anti-semiti.

Giovedì di passione per Roma dopo il grave fatto di cronaca che ha insanguinato le vie del centro capitolino. Sulla questione è voluto intervenire anche il sindaco Gianni Alemanno che, come riportato da 'Gazzetta.it', ha derubricato il tutto ad un episodio di teppismo da stadio trasferitosi sulle strade cittadine.

"Quello di questa notte a Campo de' Fiori è un episodio di teppismo da stadio trasportato nel cuore di Roma. Un gruppo di sedicenti tifosi, in realtà teppisti, che si sposta appositamente per fare una incursione, per colpire il giorno prima i tifosi della squadra avversaria è impressionante" - ha dichiarato il primo cittadino della Capitale.

Intanto, nonostante la festa ad inizio match per il ritorno all'Olimpico di Paul Gascoigne, il clima antisemita che sembra aver armato anche le mani dei delinquenti durante il raid punitivo di stanotte, ha contagiato la Curva Nord. Gli ultras della Lazio hanno infatti intonato il coro "Juden Tottenham, juden Tottenham" intorno al decimo minuto della gara di Europa League, per poi esporre uno striscione con la scritta 'Free Palestina'.

Sullo stesso argomento