thumbnail Ciao,

"Qui pensiamo che con squadre di campionati minori si possa vincere facilmente - dice il difensore - ma non è così. L'impegno non è mancato, ma dobbiamo migliorare nel gioco".

Tra i giocatori dell'Udinese che si presentano in sala stampa per rilasciare dichiarazioni dopo la sconfitta contro lo Young Boys, il più critico è Maurizio Domizzi. Il difensore bianconero è visibilmente amareggiato dopo il 2-3 che lascia la squadra di Guidolin all'ultimo posto del girone A di Europa League.

"Credo che questa sconfitta sia un po' lo specchio del calcio italiano - afferma il romano - Abbiamo sempre pensato che contro squadre di campionati minori si sarebbe vinto facilmente, e invece le partite semplice in Europa non ci sono più, come ha dimostrato la gara con gli svizzeri. In passato vincevamo grazie ai colpi dei fuoriclasse, ora ci siamo indeboliti mentre all'estero stanno crescendo".

"Non credo che a questa squadra manchi il carattere - continua Domizzi - anche stasera l'impegno non è mancato. Abbiamo creato tante palle goal e il loro portiere ha compiuto grandi parate. Certo, queste occasioni sono arrivate per via piuttosto estemporanea, e allora vuol dire che sul piano del gioco dobbiamo migliorare".

Meglio lasciarsi alle spalle la gara del Friuli: è già tempo di pensare al campionato, domenica c'è il Chievo. "Dobbiamo concentrarci sulla sfida coi gialloblu, perché la classifica è sempre pericolosa. Stanchezza per il doppio impegno? Non credo: dobbiamo distinguere le due competizioni, sono due cose completamente diverse".
Final
Sevilla FC Sevilla
v
SL Benfica Benfica
#B1with_Sevilla
#B1with_Benfica

Sullo stesso argomento