thumbnail Ciao,

Il massimo organismo calcistico europeo ha deciso di aprire un procedimento nei confronti del club biancoceleste, per via dei presunti insulti al calciatore di colore degli Spurs.

Lazio nei guai. L'Uefa, infatti, ha aperto un procedimento disciplinare nei confronti del club biancoceleste, in merito ai presunti ululati razzisti rivolti dalla tifoseria all'indirizzo dei calciatori di colore del Tottenham, nel match giocato ieri sera e valido per la prima giornata di Europa League.

Nel mirino, in particolare, Jermain Defoe, ma anche, a quanto pare, Aaron Lennon e Andros Townsend. Il tecnico degli Spurs, Andrè Villas Boas, interpellato sulla questione, aveva però negato di aver sentito ululati o insulti a sfondo razzista verso i suoi giocatori.

"Non posso puntare l'indice contro nessuno perché non ho sentito davvero nulla", le parole del portoghese nel dopogara. Sulla stessa falsariga le dichiarazioni di Vladimir Petkovic.

A questo punto, non è da escludere che si sia trattato di un equivoco, in quanto Defoe sarebbe stato effettivamente preso di mira dai supporters laziali, ma solo per via di un duro scontro di gioco con un avversario. Da qui, probabilmente, le urla e gli insulti - comunque deprecabili, per carità - ma che, forse, non sarebbero stati di tipo razzistico. Solo supposizioni, naturalmente, in attesa degli accertamenti ufficiali dell'Uefa.

Sullo stesso argomento