thumbnail Ciao,

Il tecnico nerazzurro ha spiegato: "Giochiamo in uno stadio che dà un vantaggio alla squadra di casa, perché molto caldo, e loro sono più avanti con la preparazione".

Domani l'Inter farà il suo esordio ufficiale stagionale con il terzo turno preliminare di Europa League, che opporrà i nerazzurri all'Hajduk Spalato. Alla vigilia, il tecnico Andrea Stramaccioni ha tenuto la consueta conferenza stampa, analizzando la gara che attende la squadra milanese.

"Abbiamo cercato di preparare al meglio questa partita, - ha detto - abbiamo grande rispetto per l'Hajduk che in queste partite iniziali ha dimostrato di crescere gara dopo gara. Loro sono cresciuti nelle quattro gare che hanno fatto, per loro è un vantaggio aver cominciato prima. noi arriviamo a questa gara con neanche un mese di lavoro e probabilmente per una squadra italiana non è mai facile giocare il 2 di agosto come abitudine, ma pensiamo lo stesso di poter fare bene".

Un altro problema per i nerazzurri sarà il clima infuocato dello Stadio Poljud: "Si gioca in uno stadio che dà un grande vantaggio alla squadra di casa, - ha sostenuto l'allenatore nerazzurro - perché è molto caldo".

L'Inter proverà comunque a imporre la sua superiorità, anche perché l'obiettivo è quello di arrivare fino in fondo. "Ci teniamo fortemente all'Europa League e vogliamo arrivare in fondo, - ha assicurato il tecnico - ma sarebbe stato un errore arrivare al 2 agosto al top della condizione, questo in vista di tutta la stagione. L'Hajduk potrebbe avere maggior brillantezza per questo motivo domani, ma lo sapevamo, non è un alibi: dovremo sopperire con il carattere".

"Il fatto che l'Inter possa essere un pochino in ritardo di condizione non cambia i nostri obiettivi.
- ha proseguito Stramaccioni - Con grande rispetto per l'Hajduk, noi proveremo a vincere questa gara".

Per l'allenatore nerazzurro c'è tutta la soddisfazione di guidare i nerazzurri in Europa. "Quando mi è stato affidato l'incarico ad aprile, volevo con tutte le mie forze avere queste responsabilità il primo agosto. Oggi conosco meglio gli uomini e i calciatori, quindi rispetto alla prima partita con l'Inter tutto è molto diverso".

Infine un giudizio su Livaja, giocatore croato protagonista della Primavera nerazzurra. "E' un ragazzo interessante che io conosco bene perché lo allenavo nella squadra Primavera, però va lasciato crescere, bisogna dargli il tempo di diventare un giocatore importante".
Quarti di finale
Alkmaar Zaanstreek AZ
v
SL Benfica Benfica
#B1with_AZ
#B1with_Benfica
Olympique Lyonnais Lyon
v
Juventus FC Juventus
#B1with_Lyon
#B1with_Juventus
FC Basel 1893 Basel
v
Valencia Club de Fútbol Valencia
#B1with_Basel
#B1with_Valencia
FC Porto Porto
v
Sevilla FC Sevilla
#B1with_Porto
#B1with_Sevilla

Sullo stesso argomento