thumbnail Ciao,
Diretta Live

Confederations Cup

  • 23 giugno 2013
  • • 21.00
  • • Itaipava Arena Pernambuco, Recife, Pernambuco
  • Arbitro: Pedro Proença
  • • Spettatori: 22047
8
FIN
0

Grande serata per la Celeste di Oscar Tabarez

Uruguay-Tahiti 8-0: Hernandez guida la goleada, la semifinale è conquistata

Grande serata per la Celeste di Oscar Tabarez

getty

I sudamericani vincono facilmente contro i polinesiani. Brilla la stella di Hernandez autore di una quadripletta. In rete anche Perez, Lodeiro e Suarez. Adesso sotto con il Brasile

Missione compiuta per l'Uruguay di Oscar Washington Tabarez, stasera scesa in campo in versione 'alternativa'. La Celeste regola Tahiti con un secco 8-0 e si regala un'affascinante semifinale tutta sudamericana contro il Brasile padrone di casa. Gara, com'era lecito attendersi, a senso unico: a segno il palermitano Hernandez, mattatore con un poker di reti, e il bolognese Perez, oltre a Lodeiro al minuto 61 e Suarez, autore di una doppietta nel finale.

Espulsi il difensore uruguagio Scotti (51') e Ludivion (59'). Un minuto prima del rosso, proprio Scotti aveva fallito un calcio di rigore, neutralizzato dal portiere avversario Meriel.

FORMAZIONI - Tabarez mescola le carte e manda dentro una formazione inedita ed inaspettata. Silva viene schierato tra i pali al posto di Muslera mentre Coates sostituisce lo squalificato Lugano. Non c'è Gonzalez a centrocampo ma soprattutto mancano Forlan, Cavani e Suarez. Al loro posto giocano Hernandez, Ramirez e Lodeiro.

Anche Etaeta concede il palcoscenico a chi si è visto di meno finora. In porta c'è Meriel con ben cinque giocatori sulla linea difensiva. Caroine ha le chiavi del centocampo, Hue è il terminale offensivo.

PRIMO TEMPO - Neanche il tempo di partire che la 'Celeste' si porta in vantaggio con Abel Hernandez, lesto di testa a correggere in rete la torre di Scotti dopo appena 1 minuto e 27 secondi di gioco. Goal che tra l'altro si rivela il più veloce mai segnato in questa competizione.

Tahiti prova a reagire con un paio di accelerazioni ma va nuovamente sotto con il risultato. E' sempre Hernandez a timbrare il cartellino con un tocco facile facile a tu per tu contro il portiere polinesiano.

Chong Hue cerca qualche giocata degna di nota ma la squadra non sembra riuscire a supportarlo. Quindi arriva la terza segnatura uruguayana con il centrocampista del Bologna Perez che ribatte in rete dopo aver colpito il palo con un colpo di testa.

A due minuti dalla fine arriva anche la tripletta del numero 11 che s'inserisce con i tempi giusti in area di rigore e supera Meriel con una conclusione di precisione.

SECONDO TEMPO – Pronti, via ed è subito rigore per la Celeste: sul dischetto va Scotti, che si fa ipnotizzare da Meriel. Un minuto dopo, seconda ammonizione e rosso per lo stesso difensore, che completa così la frittata. Si tratta del primo espulso in questa Confederations. Già al 59', però, la parità numerica viene ristabilita: espulso anche Ludivion per i polinesiani, sempre per doppio giallo.

Al 61' l'Uruguay si consola fino in fondo, trovando il goal del 6-0 con Lodeiro, ottimamente servito da Gargano. Dopo qualche minuto, nuovo penalty per i sudamericani, stavolta trasformato in maniera impeccabile da Hernandez. C'è tempo per vedere in campo anche Suarez, subentrato a Ramirez al 69': anche il Pistolero partecipa alla festa del goal e sigla una doppietta nei minuti finali.

CHIAVE – Match senza storia dall'inizio alla fine. Decisivo, naturalmente, il superiore tasso tecnico degli uruguagi che, seppur scesi in campo con la formazione B, sono riusciti a regolare con facilità i modesti avversari, già umiliati da Nigeria e Spagna.

MOVIOLA – Partita molto corretta, giusti i due rigori per l'Uruguay, così come le espulsioni di Scotti e Ludivion.

Dalle Pagelle:

MIGLIORE - HERNANDEZ: Va bene che Tahiti è un avversario modesto, ma ha comunque il merito di firmare 4 goal dimostrando una buona condizione fisica.

PEGGIORE - SCOTTI: Probabilmente la sua giornata peggiore da professionista. Nell'arco di 2 minuti prima sbaglia il penalty, poi si fa espellere per doppia ammonizione.

Sullo stesso argomento