thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 17 maggio 2014
  • • 20.45
  • • Stadio Communale Friuli, Udine
  • Arbitro: F. Paolo Saia
  • • Spettatori: 14862
3
FIN
3

Udinese-Sampdoria 3-3: Okaka e Di Natale nel segno dello spettacolo

L'attaccante blucerchiato ha sbloccato il risultato di testa e servito gli assist per le reti di Eder e Soriano. Totò fa tripletta e regala autentiche magie.

Udinese e Sampdoria regalano spettacolo e goal nell'ultima partita di campionato. Protagonisti assoluti Totò Di Natale e Stefano Okaka che si sono resi protagonisti in tutte le reti del match. L'attaccante partenopeo si avvicina ulteriormente a quota 200 goal dopo la strepitosa tripletta realizzata questa sera che potrebbe convincerlo definitivamente a non appendere gli scarpini al chiodo.

FORMAZIONI - Guidolin ritrova Brkic tra i pali mentre al centro della difesa con Domizzi c'è Bubnjic, viste le squalifiche di Heurtaux e Danilo. Allan è coadiuvato da Pinzi e Lazzari con Bruno Fernandes e Pereyra a ridosso di Di Natale.

Mihajlovic conferma Fiorillo al centro della porta con Gastaldello e Mustafi in protezione. A centrocampo con Palombo c'è Kristicic e non Renan mentre Gabbiadini, Eder e Soriano hanno il compito di supportare Okaka.

PRIMO TEMPO - Che si tratterà di una serata piacevole si capisce sin dalle prime battute di gioco con le due compagini che si affrontano a viso aperto. Dopo i tentativi falliti di Gabbiadini, Bruno Fernandes e Soriano è Okaka a sbloccare il risultato con una torsione di testa che non lascia scampo a Brkic.

L'Udinese non ci sta e Di Natale inizia a bombardare la porta difesa da Fiorillo. L'estremo difensore blucerchiato è bravo ad opporsi in più di una circostanza ma nulla può sull'esecuzione perfetta da calcio piazzato del numero 10 friulano che induce, addirittura, Guidolin a 'lustrargli gli scarpini'.

Il pareggio non sembra bastare ai padroni di casa ed ecco arrivare dopo appena cinque minuti il raddoppio di Totò. Pereyra approfitta della scivolata di Mustafi per presentarsi a tu per tu con Fiorillo e, anzichè tirare dopo averlo dribblato in uscita, serve al centro dove irrompe Di Natale che non ha problemi a gonfiare la rete.

SECONDO TEMPO - La ripresa si apre con l'Udinese in avanti ma bastano due contropiedi alla Sampdoria per ribaltare la situazione. Okaka veste i panni del rifinitore, Eder e Soriano quelli dei finalizzatori. Il brasiliano, in sospetta posizione di off-side, trafigge con precisione e freddezza Brkic mentre il trequartista si toglie lo sfizio di saltare anche il portiere avversario prima di timbrare il cartellino.

I friulani sono costretti a rincorrere nuovamente e, così come nella prima frazione di gioco, impensieriscono da tutte le posizioni Fiorillo, decisamente in crescita dopo gli erroracci contro il Napoli di settimana scorsa. Il portiere si rende decisivo sulle conclusioni di Badu e di Di Natale.

E proprio quando la partita si avvia verso il termine è Wszolek ad inventarsi un retropassaggio sballato che innesca il solito Di Natale: a tu per tu con Fiorillo, il partenopeo realizza la personale tripletta che permette all'Udinese di non chiudere la stagione con una sconfitta.

CHIAVE - Totò Di Natale. Semplicemente infinito. Realizza tre goal di ottima fattura che lo avvicinano all'obiettivo dei 200 sigilli in Serie A ma, soprattutto, regala giocate da applausi a scena aperta. E Guidolin gli lustra gli scarpini.

MOVIOLA - Le due squadre danno vita ad una partita molto corretta anche se non sono mancati le occasioni in cui l'arbitro Saia è dovuto intervenire. Eder è lievemente in fuorigioco nell'azione che lo porta al goal ma non si può parlare di vero e proprio errore.

Dalle Pagelle:

MIGLIORE - Di Natale: Un calcio di punizione esemplare e due goal da vero bomber di razza. In mezzo giocate da autentico fuoriclasse. Uno come lui non può smettere con il calcio.

PEGGIORE - Wszolek: Commette un errore imperdonabile nel regalare a Di Natale la palla che vale il pareggio.

Sullo stesso argomento