thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 04 maggio 2014
  • • 15.00
  • • Dacia Arena, Udine
  • Arbitro: G. Rocchi
  • • Spettatori: 13247
5
FIN
3

Udinese-Livorno 5-3: Cinquina per Guidolin, amaranto ultimi

L'Udinese torna a vincere con un pokerissimo e condanna il Livorno. Otto reti in totale: doppiette per Paulinho e Di Natale, reti di Badu, Pereyra, Gabriel Silva e Mesbah.

L'Udinese torna a vincere al Friuli con un travolgente 5-2 e riduce ulteriormente le speranze di salvezza per il Livorno, ora all'ultimo posto in classifica. Reti firmate tutte in un primo tempo pazzesco: passa in vantaggio la formazione ospite con Paulinho, che firma la doppietta, ma la reazione della squadra di casa arriva immediatamente.

Doppietta anche per Antonio Di Natale, che sbaglia un rigore ma conclude la sua giornata con una prestazione di altissimo livello. Vanno a segno anche Pereyra, Gabriel Silva, Badu e Mesbah.

FORMAZIONI - Guidolin conferma ancora il 4-3-2-1 con Widmer e Gabriel Silva abbassati sulla linea della difesa, che è completata dalla coppia Danilo-Domizzi. A centrocampo il trio Badu-Allan-Pinzi, con Pereyra e Fernandes a supporto dell'unica punta Di Natale.

Davide Nicola rispolvera Belfodil in avanti accanto al bomber brasiliano Paulinho, con Greco che agisce tra le linee. A centrocampo Biagianti, Duncan e Benassi, in difesa Coda ed Emerson centrali, Piccini e Mesbah sugli esterni. Tra i pali Anania.

PRIMO TEMPO - Il primo tempo del Friuli inizia su ritmi decisamente alti e dopo dieci minuti capitan Di Natale sfiora un goal da manuale con una perfetta rovesciata, che sfiora il palo alla destra di Anania. Passano tre minuti ed il goal che spezza gli equilibri lo segna il Livorno, con una magistrale punizione dal limite battuta da Paulinho. Dopo quattro minuti viene assegnato un rigore all'Udinese, per trattenuta di Coda su Domizzi, ma dal dischetto Anania neutralizza Di Natale con una gran parata.

Sugli sviluppi del conseguente angolo, però, lo stesso capitano bianconero viene lasciato tutto solo di appoggiare in rete all'altezza del secondo palo. Passano solo due minuti e la squadra di Guidolin ribalta il risultato con Badu, che in contropiede finalizza una bella azione del solito Di Natale. Il match non trova un attimo di respiro e al 28' arriva il pari del Livorno, ancora su punizione dal limite: Paulinho questa volta trova la decisiva deviazione di Danilo in barriera e Scuffet è battuto nuovamente.

La reazione bianconera però non si fa attendere e al 34' è di nuovo vantaggio friulano: azione perfetta dei padroni di casa, finalizzata in modo impeccabile dall'inserimento di Pereyra. A questo punto il Livorno si scioglie e la difesa concede ampie praterie. Nel finale di primo tempo arrivano altri due goal per la banda di Guidolin: prima con Gabriel Silva, che raccoglie il favore ricambiato da Pereyra e fa poker da ottima posizione; poi ancora con Di Natale, che realizza la doppietta personale con un preciso esterno destro. Si va al riposo con la cinquina incassata dagli amaranto.

SECONDO TEMPO - Nicola gioca la carta Siligardi tentando un assetto decisamente più offensivo, ma la ripresa inizia su ritmi decisamente più bassi dopo un primo tempo frenetico. La formazione ospite mostra un certo nervosismo e sembra sfiduciata: al 63' ci prova Paulinho con una potente botta da fuori, ma la palla sfiora il palo. L'Udinese concede campo agli avversari e cerca di tenere palla per gestire più agevolmente il risultato. Il Livorno alza il baricentro e cerca spesso la conclusione da fuori area, palesando però tutti i limiti qualitativi nell'esecuzione dalla distanza.

Al 77' la palla-goal più chiara per gli uomini di Nicola: sugli sviluppi di un calcio d'angolo Duncan devia al volo di sinistro sul primo palo, senza però trovare lo specchio della porta. Nel finale c'è spazio per l'inutile goal di Mesbah, bravo a ribadire in rete una buona azione personale di Belfodil in area di rigore. Finisce con un altro ko per la formazione toscana, ora ultima in classifica e sempre più vicina alla retrocessione in Serie B.

LA CHIAVE - La difesa del Livorno si scioglie come neve al sole ad ogni avanzata dell'Udinese: Di Natale e compagni approfittano delle ampie praterie lasciate centralmente dalla retroguardia amaranto.

MOVIOLA - Giusto assegnare il rigore all'Udinese: la trattenuta di Coda su Domizzi c'è. Corretta anche la distribuzione dei cartellini.

Dalle pagelle:

IL MIGLIORE - Di Natale. Esibisce tutto il suo splendido repertorio deliziando il pubblico del Friuli. Trova subito il fondamentale goal del pari dopo il rigore fallito, poi entra in tutte le azioni bianconere e realizza la doppietta personale con un tocco delizioso.

IL PEGGIORE - Emerson. Giornata da incubo per il brasiliano, che evidenzia gravi limiti tattici al centro della difesa. Lascia continuamente ampie praterie per gli inserimenti avversari, totalmente assente in marcatura.

Sullo stesso argomento