thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 25 aprile 2012
  • • 15.00
  • • Dacia Arena, Udine
  • Arbitro: L. Banti
  • • Spettatori: 18000
1
FIN
3

Udinese-Inter 1-3: Torna super Sneijder e le speranze Champions, il terzo posto è a soli -3

Al 37' gloria anche per ​Ricky Alvarez​, perfetto destro a incrociare dopo dribbling e contro dribbling in ripartenza. Vantaggio friulano siglato da Danilo.

Non è bastato all'Udinese giocare una gara di cuore e corsa: la bella partita dell'Inter a centrocampo, insieme ad un'ottima interpretazione del contropiede, condannano i friulani alla sconfitta casalinga, nonostante fossero anche passati in vantaggio grazie a Danilo.

FORMAZIONI - Confermato il 4-3-3 dell'Inter, anche se atipico rispetto alle ultime uscite: prima panchina dell'era Stramaccioni per Zarate, al fianco di Milito giocano Alvarez e Sneijder; a causa dell'assenza di Zanetti gioca titolare Guarìn, mentre è confermata la difesa a 4, con Lucio e Ranocchia come centrali.

Anche Guidolin cambia poco: l'allenatore friulano mantiene il 3-5-1-1, con il ritorno di Domizzi in difesa accanto a Danilo e Benatia; a centrocampo i soliti Armero e Basta sulle fasce, con Pinzi e Pazienza e Asamoah in mezzo; Floro Flores in appoggio a Totò Di Natale.  

PARTITA - Parte subito bene l'Udinese e va subito in vantaggio; 'rabona' di Di Natale che trova Danilo in proiezione offensiva, gran tiro del difensore brasiliano che batte Julio Cesar. Immediata la reazione dell'Inter, grazie a Sneijder: l'olandese viene servito da Milito e da fuori area, nonostante la sua conclusione non sia irresistibile, batte Handanovic (qualche respnsabilità dello sloveno).

Dopo questo elettrizzante inizio di gara, rallentano leggermente i ritmi di gioco, con l'Udinese che cerca maggiormente di fare gioco, mentre l'Inter cerca di sfruttare le ripartenze di Alvarez, molto mobile in avanti e pronto agli inserimenti. Dopo una bella azione in velocità dell'Udinese, con bella parata di Julio Cesar, l'Inter passa in vantaggio: ottimo lancio di Cambiasso per Milito in area, grande giocata del 'principe' che difende bene il pallone e serve l'accorrente Sneijder; tocco sotto dell'olandese che beffa Handanovic e realizza la sua doppietta.

Non finisce qui però, perchè un brutto pallone perso da Armero nella trequarti avversaria permette l'ennesimo contropiede di Alvarez: grande giocata dell'argentino che beffa Danilo e supera Handanovic con un destro angolato. L'Udinese sembra subire il colpo, dato che la manovra offensiva non entusiasma e Di Natale è lasciato quasi da solo contro la difesa nerazzurra; da segnalare solo una conclusione di Floro Flores che termina alta.

Le squadre rientrano in campo con gli stessi giocatori del primo tempo e con lo stesso atteggiamento: Udinese che tenta di recuperare, Inter pronta a ripartire. La spinta dei friulani si concretizza prima in un rigore richiesto da Floro Flores che Banti non concede (giustamente), e in un colpo di testa, ancora del brasiliano, che tenta di servire Di Natale, ma calibrandolo male.

Col passare dei minuti aumenta la spinta dell'Udinese, con l'Inter che si affaccia meno nella metà campo avversaria e con il duo Floro Flores - Di Natale che crea qualche problema in più alla retroguardia nerazzurra. Questo aumento di pressione si concretizza in una bella conclusione di Asamoah, ben respinta a terra da Julio Cesar, e da un altro tentativo di Di Natale, con il portiere brasiliano ancora attento. L'Inter si rivede in avanti solo con una delle solite incursione di Maicon, la cui conclusione è però ben bloccata da Handanovic, e con un bel tiro di Sneijder che termina alto sulla traversa.

A conferma del suo buon stato di forma, ancora Sneijder spaventa il 'Friuli': Guarìn fa partire il contropiede che l'olandese tenta di finalizzare, ma ancora una volta il pallone sfila alla sinistra di Handanovic. Dopo questa serie di ripartenze, l'Udinese ha un sussulto, ancora con Floro Flores, ma il suo tentativo  viene frustrato da un ottimo salvataggio di Julio Cesar, e poco dopo è Benatia a sfiorare il gol di testa su calcio d'angolo.

CHIAVE - La scelta di far giocare Sneijder ed Alvarez, unita alla scelta di un centrocampo molto 'tosto', danno all'Inter la possibilità di giocare alla grande in contropiede sfruttando gli spazi lasciati dai friulani. Soprattutto va evidenziata la prova dei due trequartisti, non a caso autori dei tre goal che decidono la partita.

CHICCA - Seconda doppietta per Sneijder in serie A, la prima in trasferta; a confermare l'annata non positiva dell'olandese, basta ricordare che il suo ultimo gol era stato realizzato, ancora in trasferta, a Bergamo, lo scorso ottobre. Chissà che adesso con il suo ritorno l'Inter non risalga ancor di più la china...

TATTICA - Nonostante la superiorità numerica a centrocampo, è qui che l'Udinese non riesce a confermare le sue migliori prestazioni, forse anche a causa delle non perfette condizioni fisiche di alcuni dei suoi interpreti. D'altra parte, il ruolo di Sneijder ed Alvarez, i quali spesso rientravano a dare una mano ed a suggerire trame di gioco, ha sicuramente complicato i piani dei friulani.

MOVIOLA - Poco da segnalare sull'arbitro Banti, anche se alcune decisioni sono sembrate leggermente a favore dell'Inter; si tratta comunque di falli di gioco e non di decisioni rilevanti. L'Udinese chiede due rigori, su Di Natale e Floro Flores, ma non ci sono gli estremi per la massima punizione.

PROMOSSI&BOCCIATI - Nell'Udinese sono poche le sufficienze: buona comunque la gara di Pinzi, ma anche di Floro Flores e Di Natale. In difesa l'unica prestazione decente è quella di Domizzi, mentre per il resto, compreso Handanovic, abbiamo tutte leggere insufficienze. Nell'Inter ottima prova di tutta la squadra, anche se salgono sugli scudi Milito, Alvarez e Sneijder. Bene anche Julio Cesar e Ranocchia, e si è rivisto nelle sue proiezioni offensiva anche Maicon.

Sullo stesso argomento