thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 20 marzo 2011
  • • 15.00
  • • Stadio Communale Friuli, Udine
  • Arbitro: C. Russo
  • • Spettatori: 16000
2
FIN
0

Udinese-Catania 2-0: Lampo di Inler e rigore di Totò, le zebrette volano al terzo posto! Ennesimo ko esterno per gli etnei

Udinese-Catania 2-0: Lampo di Inler e rigore di Totò, le zebrette volano al terzo posto! Ennesimo ko esterno per gli etnei

Getty Images

Gli uomini di Guidolin agganciano temporaneamente il Napoli, impegnato stasera contro il Cagliari.

Continua inarrestabile la corsa dell’Udinese. I friulani mettono in cascina altri tre punti fondamentali, agganciando momentaneamente il Napoli al terzo posto in classifica, in attesa del posticipo di stasera. Non un granché la resistenza degli ospiti, che inizialmente hanno provato a mettere in difficoltà i bianconeri, senza però portare seri pericoli alla porta di Handanovic.

FORMAZIONI – Solito undici titolare per i padroni di casa. Guidoni schiera i suoi con il 3-5-2 con cui tanto bene stanno facendo i friulani. In porta c’è Handanovic. Difesa a tre con Benatia, Zapata e Domizzi. Isla e Armero agiscono da esterni. I tre di centrocampo sono Inler, Asamoah e Pinzi. In avanti Sanchez e Di Natale. Simeone risponde con un 4-2-3-1. Andujar a difendere la porta protetto da una linea difensiva composta dal rientrante Augustyn, Spolli, Silvestre e Marchese. Davanti alla difesa la quantità di Carboni e i piedi buoni di Lodi. Schelotto, Ricchiuti e Gomez  formano il trio offensivo alle spalle dell’unica punta Bergessio.

LA PARTITA -
Primo tempo povero di emozioni al “Friuli”. I padroni di casa sfruttano a dovere l’unica vera occasione da gol costruita. Buona prestazione degli ospiti che, però, sono inconcludenti sotto porta. In avvio annullata (giustamente) una rete all’Udinese per fuorigioco di Armero. Arrivano poi un paio di occasioni per gli ospiti, che gli etnei non sfruttano a dovere. La prima capita sui piedi di Bergessio, che ruba palla ad Asamoah, ma poi è egoista e perde palla, invece di servire i compagni meglio piazzati. Poco dopo un’altra bella occasione con Schelotto che vince lo scontro fisico con Asamoah e mette in mezzo una palla bassa. Domizzi la liscia. Ci arriva Lodi che con il sinistro centra in pieno Zapata. Nell’azione successiva arriva il vantaggio dei padroni di casa. Isla mette in mezzo dalla destra, Spolli mette fuori di testa e Inler tira fuori dal cilindro un sinistro micidiale che trafigge Andujar. L’ultima emozione la regala Marchese che sfiora il palo alla sinistra di Handanovic.

Nel secondo tempo i padroni di casa legittimano il vantaggio. In ogni caso non sono quarantacinque minuti da ricordare. In avvio tante occasioni sprecate da entrambe le squadre. Ricchiuti ed Asamoah non vedono la porta, poi Morimoto spreca tirando tra le braccia di Handanovic. L’occasione buona per il 2-0 ce l’ha Isla che, dopo uno scambio con Inler, tenta il destro a giro, che viene facilmente neutralizzato da Andujar. Poco dopo ancora Asamoah prova, senza successo, a mettere in difficoltà il portiere etneo. Alla mezz’ora arriva l’occasione che chiude la partita. Sanchez ubriaca Spolli e punta la porta. Marchese è poco lucido e gli frana addosso, concedendo il calcio di rigore. Per Di Natale è facile arrivare a quota 25 in campionato: pallone da un lato portiere dall’altro. Poche emozioni nel restante quarto d’ora.

CHIAVE - Troppo sprecone il Catania, che in avvio ha avuto qualche buona occasione per portarsi in vantaggio. Gli uomini di Simeone sono però imprecisi e non riescono a sbloccare il risultato in loro favore. Più cinica l’Udinese che sfrutta l’unica vera occasione nel primo tempo e chiude su rigore nella ripresa.

CHICCA -
El nino maravilla Sanchez ed il Cholo Simeone. Oggi si ritrovano da avversari ma, nella stagione 2007-2008 erano rispettivamente giocatore ed allenatore del River Plate. Trentuno presenze e quattro reti totali per il cileno in quella stagione, in un River che, dopo un campionato d’Apertura da dimenticare, si laureò campione nel torneo di Clausura con una giornata d’anticipo, con quattro punti di vantaggio sul Boca.

TATTICA -
Solito gioco di attesa e ripartenze per i padroni di casa. Grandi pericoli partono spesso dal duo di destra Isla-Sanchez, che duettano bene e portano qualche pericolo nell’area etnea. Non mostra un bel gioco il Catania.

MOVIOLA - Arbitra Carmine Russo di Nola. Dobisz e Passeri sono gli assistenti. Primo tempo abbastanza tranquillo, macchiato però da un grosso errore. Alla mezz’ora Isla mette una palla al centro che viene toccata di mano da Augustyn prima e da Gomez poi. Russo lascia giocare. La ripresa passa senza troppi problemi.

PROMOSSI & BOCCIATI -
Brutta prova di Bergessio. Il puntero di Simeone è fuori dal gioco, tocca pochi palloni e spreca un clamoroso contropiede per i suoi. Leggermente meglio Maxi Lopez. Buona prova per Inler che sblocca la partita con un gran tiro da fuori e fa girare (bene) tanti palloni.







Sullo stesso argomento