thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 12 maggio 2013
  • • 15.00
  • • Stadio Communale Friuli, Udine
  • Arbitro: N. Rizzoli
  • • Spettatori: 15000
2
FIN
1

Udinese-Atalanta 2-1: Di Natale è un mostro! Settima vittoria consecutiva per la banda Guidolin

I bianconeri subiscono il goal di De Luca dopo 10 minuti, ma reagiscono e con una doppietta di un fantasmagorico Di Natale centrano la 7a vittoria consecutiva che sa di Europa.

Udinese sette bellezze. La banda Guidolin rimonta e vince 2-1 sull'Atalanta grazie ad un mostruoso Totò Di Natale, autore di una doppietta che lo porta a quota 22 reti in campionato. Soltanto il suo infortunio nel finale (è uscito dolorante in barella) macchia la festa di un'Udinese vicino per il terzo anno consecutivo ad aprire la porta che dà sull'Europa.

FORMAZIONI - Guidolin recupera Domizzi e Danilo in difesa, mentre per il resto conferma la stessa formazione che ha vinto a Palermo, con l'unica eccezione di Pinzi titolare a centrocampo a discapito di Badu. Davanti ancora Di Natale-Muriel.

L'Atalanta di Colantuono propone un attacco inedito con De Luca al fianco di Parra, vista l'assenza per infortunio di Denis. Bonaventura parte dalla panchina, al suo posto Maxi Moralez. La difesa torna a quattro, con capitan Bellini al posto di Scaloni sulla destra.

PRIMO TEMPO - Dopo quattro minuti Totò Di Natale dimostra subito di avere il piede caldo, colpendo una traversa su punizione a Consigli battuto. Il capitano dell'Udinese avrà modo di rifarsi. Anche se da qui in poi i ragazzi di Guidolin scompaiono dal campo.

E' l'Atalanta, infatti, a conquistare il pallino del gioco e trovare il meritato vantaggio grazie ad un tap-in della 'Zanzara' De Luca, abile a sfruttare una respinta non esemplare di Brkic su tiro da fuori di Giorgi. La Dea va in vantaggio e lo leggittima.

Sette minuti più tardi Moralez va vicino all'eurogoal e fino all'intervallo i bergamaschi riescono con facilità ad entrare nell'area di rigore friulana. I ragazzi di Guidolin appaiono infatti decocentrari e non riescono ad organizzare un'azione offensiva, ma poco prima dell'intervallo di pensa come sempre lui: Di Natale.

Il numero 10 bianconero sfrutta un perfetto filtrante di Allan e buca Consigli con un pregevole esterno sul secondo palo. Chapeau.

SECONDO TEMPO - Negli spogliatoi Guidolin si fa sentire e l'Udinese inizia la ripresa con un piglio totalmente diverso. Ed al 52' raccoglie i frutti: un rimpallo al limite dell'area tra Bellini e Pinzi favorisce ancora Di Natale, che non si fa problemi dalla sua zolla ad incrociare col destro e ribaltare il match.

Trovato il vantaggio l'Udinese gestisce il match e prova a sfruttare gli spazi che l'Atalanta concede. Guidolin nel frattempo manda dentro il gioiellino polacco Zielinski al posto di un Muriel evanescente a mai in partita.

La gara scorre verso la fine senza particolare sussulti, fatta eccezione per un infortunio occorso a Di Natale a due minuti dalla fine. Il capitano bianconero cade male dopo un contrasto ed è costretto a lasciare in campo in barella visibilmente dolorante.

Speriamo ovviamente non sia nulla di grave per Totò, che per l'ennesimo anno ha preso per mano l'Udinese che è adesso è vicinissimo all'ennesima qualificazione in Europa.

CHIAVE - Ha un nome e cognome: Totò Di Natale. E' lui a risvegliare l'Udinese dal sonno della prima frazione e regalargli con l'ennesima doppietta la settima vittoria consecutiva.

MOVIOLA - Sia il primo goal di De Luca che il secondo di Di Natale sono viziati da una posizione di fuorigioco degli attaccanti. Più facile vedere quello della 'Zanzara', millimetrico quello di Totò.

Dalle Pagelle:

IL MIGLIORE - Di Natale. Una traversa su punizione e due realizzazioni: assolutamente fantastico. Esce per infortunio nel finale, speriamo nulla di grave per lui.

IL PEGGIORE - Muriel. Molto in ombra oggi, anche per non le perfette condizione fisiche con cui è sceso in campo.

Sullo stesso argomento