thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 27 aprile 2014
  • • 15.00
  • • Stadio Olimpico Grande Torino, Torino
  • Arbitro: P. Valeri
  • • Spettatori: 15292
2
FIN
0

Torino-Udinese 2-0: Granata sul velluto, per Immobile sono 21

Apre El Kaddouri nel primo tempo, raddoppia nella ripresa il capocannoniere: il Torino batte una spenta Udinese e continua a sognare l'approdo in Europa League.

“Portaci in Europa, oh Ventura portaci in Europa” . Il coro riecheggia in un Olimpico bagnato e fortunato. Sotto una pioggia insistente, il Torino batte agevolmente l’ Udinese con un goal per tempo e continua la caccia a un posto in Europa League. A segno El Kaddouri nel primo tempo e il solito Immobile, al centro numero 21 di un campionato da ricordare. È lui l’uomo simbolo di un Toro da copertina.

FORMAZIONI – Ventura ritrova Cerci dopo la squalifica che ha costretto il romano a saltare la gara con la Lazio. Accanto al mancino, titolare in luogo di Meggiorini, c’è ovviamente Immobile. Maksimovic ancora esterno destro di centrocampo, con Darmian dalla parte opposta.

Guidolin parte con una difesa a 4, ma deve ancora rinunciare all’infortunato Di Natale: al posto dell’attaccante napoletano c’è ancora Muriel, con Bruno Fernandes e Pereyra a sostegno. Dietro c’è Bubnjic per Domizzi.

PRIMO TEMPO – La gara dell’Olimpico fatica a decollare, poi basta un lampo per far gioire il popolo granata. È il 15’ quando El Kaddouri scambia con Immobile sulla sinistra, si accentra, entra in area e con il destro fulmina sul primo palo uno Scuffet forse non irreprensibile. 1-0, meritato per un Toro che fin lì aveva svolto più gioco dell’avversario.

In un’Udinese confusa e senza troppe idee, i tentativi sono affidati al giovanissimo Bruno Fernandes. Peccato che quasi tutti siano inoffensivi per Padelli: un destro del portoghese viene bloccato dal portiere, ex dell’incontro, un altro non trova e di molto i pali granata.

Così, capita che le opportunità più grosse siano ancora per il Torino. Cerci sfiora l’incrocio direttamente da punizione, Immobile viene murato in area da Heurtaux dopo un presunto fallo precedente di Allan su El Kaddouri, quindi né Moretti né Immobile, entrambi di testa, trovano la porta di Scuffet in quella che, verso l’intervallo, è una sorta di tiro al bersaglio.

SECONDO TEMPO – Al ritorno dagli spogliatoi, il Torino pensa bene di chiudere in fretta la pratica. Nei primi minuti fa le prove con Cerci e Immobile: i due gemelli del goal si servono a vicenda, ma non riescono a trovare la porta di Scuffet, con il romano che manca la deviazione a porta vuota e il napoletano che allarga troppo il sinistro.

Siccome uno come Immobile non sbaglia due volte, però, è quasi inevitabile che la pressione portata dal Torino si traduca in un suo goal. Trovato alla grande da Maksimovic, il centravanti in comproprietà con la Juventus è abile nel freddare il portierino avversario col piatto destro. Goal numero 21 in campionato. Con dedica, come sempre, a Cesare Prandelli.

Il finale è un lento e tranquillo percorso verso un’altra vittoria granata. Cerci e Meggiorini potrebbero fare il tris, ma il primo è impreciso nello stop e il secondo trova un grande Scuffet. Poco male: vince il Torino, che ora più che mai non può più nascondere le proprie ambizioni europee, 21 anni dopo l’epica delusione di Amsterdam.

LA CHIAVE – Torino affamato, Udinese in campo solo per timbrare il cartellino. Ecco, in sintesi, lo stato d’animo e la condizione di due squadre che danno vita a un match dal finale tutto sommato prevedibile.

MOVIOLA – Un solo episodio dubbio nella direzione dell’arbitro Valeri: nel finale di primo tempo, El Kaddouri si inserisce in area e viene probabilmente steso in maniera irregolare da Allan. Ma il fischietto romano lascia correre.

 

Dalle pagelle

IL MIGLIORE - Immobile. Segna la rete numero 21 del suo portentoso campionato, ma il suo pomeriggio comprende molto altro: corsa, movimento, assist ai compagni. Altra prestazione mondiale.

IL PEGGIORE - Heurtaux. Che giornataccia. Non tiene mai Immobile, facendosi sfuggire l'avversario in occasione del secondo goal granata.

Sullo stesso argomento