thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 11 maggio 2014
  • • 15.00
  • • Stadio Olimpico di Torino, Torino
  • Arbitro: A. Damato
  • • Spettatori: 25559
1
FIN
1

Torino-Parma 1-1: Biabiany risponde a Immobile, tutto in gioco per l'EL

Termina 1-1 tra Torino e Parma: Biabiany risponde a Immobile, espulso nella ripresa al pari di Lucarelli. Tutto aperto per il sesto posto che vuol dire Europa.

Immobile prima, Biabiany poi, Torino e Parma non vanno oltre il pareggio, almeno per ora nessuno va in Europa e tutto è rinviato all'ultima giornata. I granata hanno fatto la partita ma non sono riusciti a segnare la seconda rete, finendo in dieci per l'ingenua espulsione di Immobile.

I ducali, invece, anch'essi in dieci per l'espulsione di capitan Lucarelli, non sono riusciti a sfruttare la velocità dei propri esterni, andando a segno soltanto grazie ad una respinta fortuita dopo l'errore dal dischetto di Cassano. Ora, l'ultima giornata vedrà ben quattro squadre (Parma, Torino, Verona e Milan) lottare con le unghie e con i denti per staccare l'ultimo biglietto per l'Europa League.

FORMAZIONI -  Il Toro si presenta davanti al proprio pubblico con il consueto 3-5-2: l'ex tecnico del Bari, Ventura, schiera Padelli tra i pali, Moretti, Glik e Bovo nel terzetto difensivo, Darmian e Maksimovic sulle corsie laterali, Kurtic in mezzo al campo affiancato dal tandem El Kaddouri - Vives e la solita coppia d'attacco Immobile - Cerci in avanti. Di contro, i ducali di Donadoni optano per il 4-3-3, con Molinaro e Cassani esterni bassi, Parolo a centrocampo e Cassano, Marchionni, Biabiany nel tridente offensivo, con Amauri in panchina pronto a subentrare nella ripresa.

PRIMO TEMPO - Torino 55 punti, Parma 54: in un Olimpico gremito si prospetta una partita dalle mille emozioni in quanto entrambe le squadre vogliono approfittare del passo falso del Milan e staccare l'ultimo biglietto valido per il treno che conduce ai preliminari di Europa League.

I granata provano a prendere in mano le redini del gioco fin dalle prime battute, sfruttando le verticalizzazioni e i lanci per le punte ma la retroguardia del Parma è brava a stroncare qualsiasi sortita, ripartendo in contropiede. La prima vera occasione da gol capita sui piedi di Immobile che per poco non fa cadere giù tutto lo stadio con una rovesciata (33'). I ducali rispondono con destro potente di Parolo sul quale Padelli compie miracolo (37').

Pochi istanti dopo però, in seguito all'ennesimo lancio lungo dalla difesa, Immobile trova il gol del vantaggio: l'ex centravanti del Genoa si avventa sul pallone, approfitta di un retropassaggio sbagliato di Paletta, salta Mirante e insacca a porta spalancata, siglando la rete numero 22 che potrebbe valere l'Europa, sempre e comunque Ciro Immobile.

SECONDO TEMPO - La ripresa si apre con un cambio tra le fila dei ducali: l'ex interista Schelotto rileva Molinaro, Gobbi arretra a terzino sinistro e Marchionni prende il suo posto in mezzo al campo andando a costruire un Parma molto più offensivo rispetto alla prima frazione di gioco.

Col passare dei minuti la squadra di Donadoni prende coraggio ed attacca con continuità, lasciando però molti spazi alle rapide punte del Toro che infatti ne approfittano al 58': Immobile si fa beffe di Lucarelli, il capitano del Parma lo stende e viene espulso, lasciando i compagni in 10 in un momento delicato. Tuttavia, la squadra reagisce e pochi istanti dopo si guadagna un calcio di rigore, con Glik che stende Acquah in piena area. Sul dischetto si presenta Cassano, Padelli para con i piedi ma non può nulla sulla ribattuta vincente di Biabiany che riporta il risultato in parità (70').

Ma non è finita qui perché Immobile, nell'azione successiva, simula in area di rigore e viene espulso per doppia ammonizione (75'). Entrambi i coach rivoluzionano le formazioni: fuori Marchionni e Cassano, dentro Amauri e Obi per gli ospiti, dentro Tachtsidis e Meggiorini per Vives ed El Kaddouri nel Torino. Nel finale Kurtic va vicino al gol ma il suo destro da fuori termina alto  e la partita termina con un pareggio che non serve a nessuno(89').

MOVIOLA - E' netto il rigore concesso al Parma, Glik atterra Acquah con un fallo da tergo. Giusta anche l'ammonizione ad Immobile, non c'è alcun contatto in aerea e l'ex giocatore del Pescara si lascia cadere.

CHIAVE - Se non fosse stato per l'ingenua espulsione, il migliore in campo sarebbe stato Ciro Immobile, bravo a portare in vantaggio il Torino con una rete da grande attaccante. Tuttavia, anche Kurtic ha disputato una buona gara, recuperando diversi palloni ed andando vicino alla rete nel finale.

Dalle Pagelle:

IL MIGLIORE - Acquah. Il migliore in campo è lui: controlla le scorribande di Cerci ed El Kaddouri praticamente sempre e in avanti è letale quando decide di entrare in area palla al piede, come nel caso del rigore provocato. Dalla Premier Arsenal e Tottenham preparano i soldi per acquistarlo.

IL PEGGIORE - Lucarelli. Il peggiore in assoluto del match: troppi spazi lasciati agli uomini del Torino in avanti e senza Paletta in suo aiuto il risultato sarebbe stato ben diverso. L’espulsione l’episodio che ha fatto crollare ancora di più la sua prestazione.

Sullo stesso argomento