thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 31 agosto 2014
  • • 20.45
  • • Stadio Olimpico di Torino, Torino
  • Arbitro: D. Doveri
  • • Spettatori: 25824
0
FIN
0

Torino-Inter 0-0: Mazzari fermato da Ventura, Larrondo sbaglia un rigore

Inter fermata dal Torino di Ventura 0-0 nella prima giornata del campionato. Nel primo tempo Larrondo calcia male un rigore facendosi ipnotizzare da Handanovic.

Inizia con un pari il campionato dell'Inter che non va oltre lo 0-0 contro un buon Torino che sbaglia un rigore con Larrondo. I nerazzurri protestano per un mancato rigore assegnato nella ripresa anche se da registrare c'è sicuramente il gioco poco fluido offerto dai ragazzi di Mazzarri.

FORMAZIONI - Mazzarri sceglie il 3-4-2-1 per la sua prima Inter versione campionato, con Osvaldo che parte inizialmente dalla panchina. Unica punta Icardi, supportato dal duo Kovacic-Hernanes, col croato reduce dalla bella tripletta messa a segno giovedi sera contro lo Stjarnan. Centrocampo tutto muscoli con M'Vila e Medel, quest'ultimo all'esordio assoluto in maglia nerazzurra, Dodò e Jonathan pronti a scorrazzare sulle fasce; difesa con capitan Ranocchia, Vidic e Jesus, in porta "Iceman" Handanovic.

Ventura invece si affida alla nuova coppia d'attacco Larrondo-Quagliarella, pronti a sfruttare i cross dagli esterni di Darmian e El Kaddouri. In mezzo al campo ci sono Nocerino e Gazzi a fare da diga alla difesa composta da Maksimovic, Glik e Moretti. In porta c'è Padelli. Non convocato invece Cerci, appena ceduto dai granata all'Atletico Madrid.

PRIMO TEMPO - Prima opportunità per l'Inter con una conclusione da fuori di M'Vila che però non impensierisce minimamente Padelli. La gara non vive di grandi emozioni, Torino e Inter sembrano studiarsi a fondo e ciò finisce per influenzare i ritmi di gioco che diventano davvero bassi. A svegliare tutti dal torpore però ci pensa l'arbitro che si inventa un fallo di Vidic su Quagliarella, il quale cade platealmente in area come se qualcuno gli avesse sparato un colpo di pistola: rigore per il Toro, dal dischetto va Larrondo che però calcia malissimo permettendo ad Handanovic di respingere di piede il pallone. Il rigore non accende però la gara che anzi, fino al  duplice fischio offre solo due sterili occasioni, una per Hernanes che però di testa non inquadra la porta, l'altra per Kovacic, il cui tiro senza pretese si spegne sul fondo.

SECONDO TEMPO - Il Torino parte meglio e cerca di impensierire Handanovic con una conclusione da fuori area di Bovo che però è facile preda del portierone sloveno. Poco dopo è Quagliarella che sfiora il vantaggio colpendo il pallone in piena area col destro dopo una sponda aerea di Larrondo: la sfera sfiora il palo mettendoi bbrividi ad Handanovic. A questo punto Mazzarri decide di togliere M'Vila per far entrare Osvaldo e il gioco dei nerazzurri con le due punte migliora: è proprio l'italo-argentino ad impegnare Padelli in uscita, sulla respinta si avventa Medel che però viene toccato in area da Gazzi, il quale impedisce al cileno di tirare a botta sicura. L'arbitro però stavolta non vede e non assegna un penalty che sarebbe stato giusto. Ci prova anche Hernanes la cui sventola da fuori viene disinnescata da Padelli. Il risultato però non cambia e nel finale c'è spazio anche per l'espulsione di Vidic per aver applaudito ironicamente l'arbitro dopo un contrasto di gioco.

CHIAVE - Poca fluidità di gioco nella manovra dell'Inter,  che risente anche della scelta iniziale sbagliata di Mazzarri che schiera solo Icardi in attacco, parso troppo solo lì davanti. Pessima la prestazione di Jonathan che dimostra di non aver raggiunto un'adeguata condizione fisica: nonostante tutto viene sostituito da Mazzarri soltanto all'84'.

MOVIOLA - Rigore molto generoso concesso al Torino: Quagliarella accentua incredibilmente il contatto leggero con Vidic. Decisione giusta sul tocco in area di Gazzi su Medel, brusco ma sul pallone. Giusta a norma di regolamento l'espulsione a Vidic che applaude ironicamente l'arbitro.

Dalle pagelle:

IL MIGLIORE - Kamil Glik: Quando si tratta di battagliare il capitano polacco del Torino risponde sempre presente. Oggi si prende a sportellate Icardi e lo annulla rischiando una sola volta di commettere fallo da rigore.

IL PEGGIORE - Mateo Kovacic: Sublime giovedì, ectoplasma oggi. Fuori dal gioco. Mai un dribbling, mai un assist, ma tiro in porta.

Sullo stesso argomento