thumbnail Ciao,
Diretta Live

Campionato europeo

  • 15 giugno 2012
  • • 21.00
  • • NSK Olimpijs'kyj, Kyiv (Kiev)
  • Arbitro: D. Skomina
  • • Spettatori: 64640
2
FIN
3

Svezia-Inghilterra 2-3: Gara rocambolesca, ma una prodezza di Welbeck regala la vittoria alla squadra di Hodgson

Svezia-Inghilterra 2-3: Gara rocambolesca, ma una prodezza di Welbeck regala la vittoria alla squadra di Hodgson

Getty Images

Su un bel cross di Walcott, l'attaccante del Manchester United ribalta il risultato con una prodezza, vanificando la doppietta del difensore svedese Mellberg, micidiale in attacco.

Cinque goal, mille emozioni ed alla fine l'Inghilterra che fa festa, mentre la Svezia viene eliminata dall'Europeo. Finisce 3 a 2 per i leoni inglesi, grazie ad una prestazione superlativa di Walcott, che entra e spezza l'equilibrio. A questo punto, decisiva la sfida di martedì fra gli inglesi e i padroni di casa dell'Ucraina. Chi vince approda ai quarti (all'Inghilterra basterà anche un pari), probabilmente in compagnia della Francia che ha quattro punti e troverà una Svezia con poche motivazioni.

FORMAZIONI - Il ct svedese Hamrèn opta per il solito 4-2-3-1, con Ibrahimovic (che nei giorni scorsi è stato nervoso con il compagno di squadra Mellberg e con il vice allenatore) a supportare Elmander preferito al compagno Rosenberg in attacco. L' Inghilterra di Hodgson risponde con il 4-4-2 con Welbeck e Carroll punte offensive; panchina almeno all'inizio per Walcott.

PARTITA - Parte meglio l'Inghilterra che al 7' è pericolosissima con un destro dal limite di Parker che chiama Isaksson alla grande parata. La prima conclusione pericolosa della Svezia, dopo un tiro di Larsson (11') che non crea problemi ad Hart, arriva al minuto 20' con Ibrahimovic che ci prova con un rasoterra dalla distanza che viene bloccato a terra dall'estremo difensore inglese. E' un fuoco di paglia degli svedesi, perché al 23' Gerrard crossa dalla trequarti e Carroll, piazzato all'interno dell'area, di testa salta più in alto di Mellberg e Granqvist trafiggendo Isaksson per l'1 a 0. La Svezia accusa il colpo e l'Inghilterra gestisce il vantaggio senza grandi affanni, anzi al 35' Young lanciato in velocità, spreca la palla del possibile 2 a 0 calciando fuori da buona posizione. L'unico svedese a farsi pericoloso dalle parti di Hart è il milanista Ibrahimovic, ma è troppo isolato per far male agli inglesi. Il primo tempo si chiude con l'Inghilterra in vantaggio meritatamente sulla Svezia, apparsa troppo abulica dalle parti di Hart.

La ripresa si apre con la Svezia che si getta subito in avanti e al 49' trova il pareggio: punizione dal limite di Ibrahimovic deviata dalla barriera, pallone che arriva sui piedi di Mellberg, lasciato solo dentro l'area, con il difensore che calcia di prima intenzione trovando la deviazione di Johnson, che la mette nella propria rete. L'Inghilterra sembra essere rimasta negli spogliatoi, tant'è che al 59' gli svedesi passano a sorpresa in vantaggio sempre con Mellberg: punizione dalla distanza di Larsson e il difensore centrale anticipa Johnson e batte l'incolpevole Hart.

Hodgson ci sta e getta nella mischia Walcott (61') per uno spento Milner e la mossa si rivela subito azzeccata. Passano tre minuti (64') e l'Inghilterra pareggia proprio con il nuovo entrato Walcott che da fuori area lascia partire una conclusione velenosa, forse appena deviata da un difensore svedese, che sorprende Isaksson.

La gara a questo punto diventa divertente ed aperta ad ogni risultato con le due squadre che cercano la vittoria. Al 76' Ibrahimovic ci prova dalla distanza, ma sulla sua strada trova un Hart prodigioso che devia in angolo. Sul capovolgimento di fronte (78'), Walcott se ne va in velocità lasciando sul posto i difensori svedesi, mette in mezzo un pallone d'oro per Welbeck che con un preciso colpo di tacco beffa Isaksson e riporta i leoni inglesi in vantaggio. E' il goal che spezza gli equilibri e di fatto chiude la partita, perché la Svezia non ha più la forza di reagire e non si rende più pericolosa dalle parti di Hart. In pieno recupero Gerrard ha la palla del possibile 4 a 2 ma Isaksson risponde alla grande.

CHIAVE - Dopo un primo tempo abbastanza noioso che si era chiuso con l'Inghilterra in vantaggio grazie al colpo di testa di Carroll, la ripresa è divertentissima e ricca di emozioni (e di gol). Vince l'Inghilterra, ma la Svezia almeno nel secondo tempo gioca a pallone.

CHICCA - Il gran goal di tacco di  Welbeck che sigla il 3 a 2 e regala la vittoria all'Inghilterra ed elimina la Svezia dall'Europeo.

MOVIOLA - Skomina, sloveno, dirige senza grandi affanni meritandosi una sufficienza piena. Il primo tempo scorre via senza cartellini e con pochi falli fischiati. Ad inizio ripresa ci starebbe il cartellino giallo per un fallo abbastanza brutto di Carroll, ma Skomina lo richiama soltanto verbalmente. La prima ammonizione arriva al 58' ed è giusta per un fallo commesso dall'inglese Milner. La ripresa però è più nervosa e più emozionante, ma Skomina gestisce bene. In 94' solo tre ammonizioni.

PROMOSSI&BOCCIATI - Il migliore in campo è senza dubbio Walcott che entra in campo con la sua squadra in svantaggio e la porta al successo. Prima sigla il pareggio con una conclusione velenosa dal limite, poi si beve in velocità la difesa svedese e serve a Welbeck la palla del 3 a 2. Buona anche la prestazione di Gerrard, che oltre il cross per la rete di Carroll, recupera mille palloni e dai suoi piedi partono sempre le migliori azioni inglesi. Tocca pochi palloni, ma sigla il 3 a 2 con un grande colpo di tacco Welbeck che si merita un bel voto in pagella.

Insufficiente la prova di Milner sostituito ad inizio ripresa. Nella Svezia il migliore in campo è il difensore Mellberg che sigla una doppietta preziosa, prima con una conclusione velenosa e fortuita, poi con un preciso colpo di testa. Bene anche Ibrahimovic che lotta come un leone contro la difesa inglese. Al milanista manca solo il gol per chiudere in bellezza la gara.

Sullo stesso argomento