thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 27 ottobre 2012
  • • 18.00
  • • Stadio Comunale Artemio Franchi - Montepaschi Arena, Siena
  • Arbitro: G. Calvarese
  • • Spettatori: 8708
0
FIN
0

Siena-Palermo 0-0: Al 'Franchi' domina la noia, i rosanero ci provano ma non riescono a vincere

Un po' meglio i padroni di casa nel primo tempo, gli ospiti nella ripresa, ma nessuna delle due ha meritato qualcosa di più del pareggio.

Termina a reti inviolate il match del Franchi tra Siena e Palermo. Le due difese la fanno da padrone, il livello di qualità del gioco è molto basso, soprattutto nella prima parte di gara. Nel secondo tempo ritmi più alti, ma non basta. Difese sempre molto attente e numerosi errori di manovra del gioco, mentre Miccoli fallisce un'occasione da goal clamorosa. Pareggio che non serve assolutamente a nessuno.

FORMAZIONI - Le due squadre si schierano entrambe con il modulo a rombo. Cosmi sceglie davanti a Pegolo una linea difensiva composta da Neto Paci e Felipe; propone una linea mediana composta da Angelo, Vergassola, Bolzoni e Del Grosso, mentre Calaiò è la prima punta, sostenuto da Rosina e Zè Eduardo. Gasperini sceglie la classica linea difensiva composta da Muñoz, Donati e Von Bergen, Kurtic, preferito a Rios, agirà di fianco a Barreto in mezzo al campo, mentre gli esterni sono Morganella e Mantovani. Miccoli viene supportato dalla fantasia di Ilicic e Brienza.

PRIMO TEMPO - Dopo un minuto di raccoglimento per il militare caduto in Afghanistan, inizia la partita tra le due squadre alla disperata ricerca di punti. La formazione di Gasperini inizia leggermente meglio, grazie a fraseggi palla a terra con cui cerca di insidiare la difesa del Siena. Il trio offensivo del Palermo prova qualche azione d'attacco veloce, con scambi immediati, senza però creare occasioni da rete. La squadra di Cosmi cerca di ripartire in contropiede, affidandosi a lanci lunghi per le sponde di Calaiò, commettendo però diversi errori in fase di impostazione.

Brienza e Miccoli ci provano con conclusioni da fuori area, molto velleitarie però per creare problemi a  Pegolo. Nell'attacco del Siena Zè Eduardo è impalpabile, mentre Calaiò è arginato molto bene da Donati. Angelo sulla fascia destra prova qualche cross, ma con risultati poco soddisfacenti. Si continua con pochissima qualità e tantissimi errori , con molto agonismo a centrocampo e con le due difese a far da protagoniste del match; Donati soprattutto è sempre perfetto nei suoi interventi, mentre Neto è il migliore della retroguardia senese. Ilicic ci prova al 39' con una girata che finisce lontanissima dai pali di Pegolo. Dopo 1' minuto di recupero, finisce un prima frazione di gioco soporifera e priva di emozioni.

SECONDO TEMPO - Si ricomincia con una sostituzione nel Siena: Cosmi sceglie di sostituire Rosina, praticamente inesistente nel primo tempo, con Valiani. Al 48' prima vera occasione del match: Valiani crossa da destra, Calaiò impatta di testa, non centrando però la porta di Ujkani. I ritmi di gioco sono sicuramente più alti rispetto al primo tempo: nel Siena l'ingresso di Valiani reca inizialmente più vivacità al reparto offensivo, mentre Miccoli si divora un gol clamoroso davanti a Pegolo. Gasperini cambia qualcosa in attacco, inserendo Bertolo al fianco di Ilicic, al posto di Brienza.

In generale le due squadre provano con maggiore insistenza a sbloccare la partita, anche con diversi tiri da fuori area. Il Palermo tiene più il pallino del gioco in questo secondo tempo, mentre il Siena si affida a delle ripartenze, spesso non precisissime. Bertolo sfiora il gol al 75', grazie ad un ottimo fraseggio con Miccoli; Pegolo riesce a salvarsi. Nel finale,Gasperini tenta il doppio cambio per portare a casa la partita: Dybala e Budan per Ilicic e Miccoli. E' proprio il giovane Dybala nei minuti di recupero ad avere un'ottima occasione con una conclusione in area di sinistro, sulla quale però si oppone molto bene il portiere del Siena. Finisce una gara di bassa qualità, con un pareggio che serve poco a entrambe le squadre.

LA CHIAVE - Il match regala poche emozioni, un pò meglio il secondo tempo ,ma rimangono i diversi errori di impostazione da parte delle squadre. Miccoli può sbloccare il match, ma fallisce clamorosamente davanti a Pegolo.

MOVIOLA - Manca un giallo a Zè Eduardo nel primo tempo per una entrata a "martello". Giusta la valutazione su Mantovani: colpisce di mano in maniera involontaria nella sua area di rigore.

Dalle pagelle:

IL MIGLIORE - Donati. Guida la difesa rosanero agendo anche da regista arretrato, con l’iniziativa della sua squadra che passa spesso dai suoi piedi.

IL PEGGIORE - Zè Eduardo. Non riesce a supportare l’azione di Calaiò in avanti, risultando inoffensivo dalle parti di Ujkani.

Sullo stesso argomento