thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 07 ottobre 2012
  • • 15.00
  • • Stadio Comunale Artemio Franchi - Montepaschi Arena, Siena
  • Arbitro: P. Mazzoleni
  • • Spettatori: 15373
1
FIN
2

Siena-Juventus 1-2: Non basta l'Arciere Calaiò, la freccia finale la scocca il principino Marchisio

I bianconeri hanno sofferto, ma sono comunque riusciti a portare a casa una vittoria che gli consente di rimanere in vetta alla classifica di Serie A.

La Juventus esce vittoriosa dal Franchi di Siena con un 2-1 prezioso quanto sofferto. I toscani giocano una gara tosta e, soprattutto nel primo tempo, mettono in grande difficoltà la Juventus. Nella ripresa, però, il Siena pensa quasi esclusivamente a difendersi e dopo una strenua resistenza, cede solo all'85' quando arriva il gol di Marchisio. Per la Juventus di Carrera e di Conte tre punti fondamentali, utili per arrivare alla pausa per le nazionali con più tranquillità.

FORMAZIONI - Cosmi sceglie il 3-4-2-1, Calaiò è l'unica punta, Ze Eduardo e Rosina agiscono alle sue spalle. Sugli esterni Angelo viene preferito a Sestu, in mezzo c'è spazio per il colombiano Rodriguez. Per Conte, invece, turnover limitato. Marrone sostituisce lo squalificato Bonucci, De Ceglie gioca al posto di Asamoah. In avanti la coppia d'attacco è formata da Giovinco e Vucinic.

PRIMO TEMPO - La gara è subito molto divertente, il Siena ha una buona occasione dopo appena due minuti ma Rosina la spreca malamente. La Juventus prova a fare la partita ma il Siena è sempre pronto a fare male in ripartenza, con Calaiò,Ze Eduardo e Rosina che rappresentano una costante minaccia per la retroguardia juventina. Al 13' è Pirlo a sbloccare la gara con una punizione precisa calciata rasoterra, che supera Pegolo.

Il Siena, però, non intende demordere e crea un'altra occasione limpida con Calaiò, che però manda a lato da posizione davvero invitante. La gara è molto tesa, diverse decisioni di Mazzoleni vengono contestate, soprattutto dal Siena. Cosmi è molto nervoso e intorno alla mezz'ora viene espulso per aver rivolto parole ingiuriose all'assistente dell'arbitro. L'episodio, però, non scuote più di tanto la squadra toscana che continua a fare la sua gara, senza tirarsi indietro. La Juventus, dal canto suo, va vicina al raddoppio in due occasioni, prima con una punizione di Pirlo che colpisce la traversa e poi con una conclusione di Marchisio che trova pronto Pegolo.

Il 2-0 della Juventus non arriva e allora nel finale del primo tempo è il Siena a trovare il gol del pareggio. De Ceglie si fa infilare sulla fascia da Angelo, il brasiliano mette in mezzo un gran pallone e Calaiò di testa batte Buffon. I toscani agguantano il pareggio proprio allo scadere, costringendo la Juventus a dover alzare nuovamente il ritmo. Si va negli spogliatoi sull'1-1 dopo un bel primo tempo, ricco di occasioni da entrambe le parti.

SECONDO TEMPO - Carrera mette subito Asamoah al posto di De Ceglie, colpevole sulla rete del pareggio dei toscani. La Juventus prova subito a mettere grande pressione al Siena e le occasioni per i campioni d'Italia si sprecano. Subito Giovinco sfiora il gol del 2-1 ma Pegolo, in collaborazione con Neto, riesce a salvarsi. I toscani, a differenza del primo tempo, faticano a ripartire e a creare occasioni pericolose. Palazzi, vice di Cosmi, capisce le difficoltà della sua squadra e decide di inserire Sestu al posto di Ze Eduardo, per dare maggiore corsa.

La Juventus continua a creare situazioni pericolose, Vucinic e Giovincono sfiorano il gol in due occasioni ma il Siena si riesce ancora a salvare. Carrera cambia ancora, dentro Giaccherini al posto di uno spento Lichtsteiner. L'allenatore della Juventus cerca di dare ulteriore ampiezza alla manovra  e la mossa sembra funzionare perchè, subito dopo, Vidal sfiora il gol con un gran destro respinto ancora da un miracoloso Pegolo. Il Siena ha un sussulto d'orgoglio e riesce a creare due buone occasioni con Rodriguez e Rosina, ma in entrambi i casi la mira non è quella giusta.

Il finale di gara si avvicina e i toscani si arroccano in difesa per mantenere il risultato, ma all'84' è Marchisio a risolvere la partita con una bella conclusione al volo, dopo un disimpegno non perfetto della retroguardia toscana. La rete sblocca la gara e regala i tre punti alla Juventus. Nel finale non succede più molto, tranne le solite scaramucce fra Vucinic e i difensori del Siena. Alla fine ci sono 10 cartellini gialli complessivi, a dimostrazione del grande nervosismo che ha pervaso tutta la partita.

LA CHIAVE - Troppo importante il gol di Marchisio, autore di una prestazione, come al solito, generosa e ricca di qualità. Questa rete nel finale al Franchi potrebbe rappresentare una risorsa fondamentale per il proseguo del campionato della Juventus.

MOVIOLA - In campo c'è molto nervosismo e Mazzoleni non sempre riesce a gestirlo nel modo giusto. I cartellini si sprecano, Cosmi viene espulso per aver insultato l'assistente. I toscani si lamentano praticamente ad ogni decisione, soprattutto quando Mazzoleni decide di non dare il secondo giallo a Chiellini, dopo un fallo in mezzo al campo su Felipe.

Dalle Pagelle:

IL MIGLIORE - Claudio Marchisio. Il ragazzo ha talento e si dimostra di un'altra categoria. Il goal segnato corona alla perfezione una partita stupenda.

IL PEGGIORE - Ze Eduardo. Deludente la sua prestazione, da lui ci si aspetta sempre qualcosa di più. Viene anche sostituito nel secondo tempo.

Sullo stesso argomento