thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 16 marzo 2014
  • • 15.00
  • • Stadio Città del Tricolore, Reggio Emilia
  • Arbitro: P. Valeri
  • • Spettatori: 12116
3
FIN
1

Sassuolo-Catania 3-1: Sprofondo etneo, il Sasòl ora ci crede

Il Sassuolo vince lo spareggio salvezza col Catania al Mapei Stadium: Bergessio illude gli etnei, Zaza, Missiroli e Sansone ribaltano il match. Rossazzurri ultimi in classifica.

Vittoria essenziale per il Sassuolo nella sfida tra le ultime della classe, l'attacco più abulico (il Catania) contro la difesa più battuta (il Sassuolo) del campionato. Gli emiliani si trovano adesso a soli due punti dalla salvezza. Funziona la cura Di Francesco, richiamato dalla società dopo le cinque sconfitte consecutive sotto la guida di Malesani. Il tecnico abruzzese in due gare è riuscito a racimolare ben quattro punti. Catania in vantaggio al termine della prima frazione, ma nel secondo tempo sale in cattedra la squadra emiliana e chiude la gara sul punteggio di 3 a 1.

FORMAZIONI - Maran vara il 4-3-3 confermando il tridente già visto all'opera contro il Cagliari: Keko vince il ballottaggio con l'argentino Sebastian Leto e completa  il tridente d'attacco a fianco di Bergessio e Barrientos. Ancora panchina per Fedato. In difesa, out Spolli e Rolin, al centro si piazzano Bellusci e Legrottaglie che torna titolare dopo diversi mesi. Peruzzi e Biraghi sugli esterni, Andujar in porta. A centrocampo, Lodi è il regista centrale con Izco e Rinaudo ai lati.

In casa Sassuolo, Di Francesco scioglie gli ultimi dubbi:gli emiliani si schierano con  4-3-3 a specchio. Il tridente offensivo è composto da Sansone, Floccari e Floro Flores. In difesa, Pegolo in porta, Mendes e Longhi terzini, Cannavaro e Ariaudo coppia centrale. In mediana spazio a Brighi, Magnanelli e Missiroli.

PRIMO TEMPO -  Gli etnei iniziano meglio e dopo soli due minuto colpiscono il palo con un destro a giro dello spagnolo Keko. La squadra di Maran approccia alla grande la sfida dettando ritmi e gioco. Dopo un destro di Sansone ribattutto con i pugni da Andujar, al 16' nuovamente Keko va vicino al gol approfittando di un errore grossolano di Longhi. Bravo Pegolo a leggere in anticipo il pericolo bloccando l'involata dell'esterno rossazzurro.

Alla mezz'ora, manovra esemplare del Catania conclusa da un colpo di testa di Bergessio che anticipa Cannavaro ma non trova la porta. Un minuto dopo, arriva la rete del vantaggio etneo. Tutto nasce da un brutto rinvio di Ariaudo sul quale si avventa il pitu Barrientos che pesca Bergessio. La punta argentina arpiona in maniera pregevole il palllone e con un diagonale di pregevola fattura batte l'estremo difensore emiliano.

Spicca la rapidità di Keko, che ha un altro passo rispetto a Mendes. Tutti i pericoli maggior per i neroverdi nascono proprio dalla fascia sinistra. Così, Di Francesco correi ai ripari ed inserisce Gazzola al posto del terzino numero 33 apparso in netta difficoltà.

SECONDO TEMPO - Al rientro dagli spogliatoi, la musica cambia ed il Sassuolo, rivitalizzato dall'ingresso in campo di Zaza, sale in cattedra. Partono fortissimo i ragazzi di Di Francesco, vogliosi di recuperare lo svantaggio. Grande occasione di testa per Ariaudo sugli sviluppi di un calcio d'angolo. Al  56' minuto il neo-entrato Simone Zaza sigla la rete del pareggio dopo una magnifica incursione di Floro Flores sulla fascia sinistra.

Gli emiliani galvanizzati dalla rete, giocano con un entusiasmo differente rispetto al primo tempo. Dopo una grande occasione di Floccari, arriva il 2 a 1 di Missiroli autore di una gara perfetta. Il centrocampista neroverde lasciato solo all'interno dell'area di rigore insacca di testa.

Si vede una sola squadra in campo, così il Sassuolo ha la grandissima occasione addirittura per chiudere il match ancora con Sergio Floccari. Da quì in poi la partita si addormenta, tarda ad arrivare la reazione del Catania, anzi in realtà non arriverà mai. Così, a tre minuti dal novantesimo Sansone chiude la gara con un diagonale destro rasoterra. Poco prima il numero 17 aveva fallito un'ottima opportunità.

CHIAVE - L'uno-due del Sassuolo tra il 56' minuto ed il 62' taglia le gambe al Catania che non riesce più a reagire. Dal vantaggio allo svantaggio passano solo sei minuti, fatali per le sorti rossazzurro. Grande merito del tecnico Di Francesco, che con il cambio Brighi-Zaza cambia il match imprimendo un potenziale offensivo maggiore alla propria squadra. Azzeccatissimo, dunque l'ingresso del numero 10.

MOVIOLA - Pochi, pochissimi gli episodi dubbi in una gara tutto sommato corretta nonostante l'importanza della posta in palio. Da rivedere, forse, l'intervento di Rinaudo che all' 84' minuto strattona la maglia di Missiroli all'interno dell'area di rigore.

Dalle pagelle

IL MIGLIORE - Floro Flores. Floro era proprio 'on fire' quest'oggi. Propizia la rimonta con due assist ed esce stremato dopo una partita giocata a mille all'ora. Trascinatore.

IL PEGGIORE - Alvarez. Entra malissimo in partita e nella ripresa dà il via alla rimonta del Sassuolo facendosi sverniciare da Floro Flores, che diventa il suo incubo.

Sullo stesso argomento