thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 16 ottobre 2010
  • • 20.45
  • • Stadio Olimpico, Roma
  • Arbitro: A. Damato
  • • Spettatori: 18000
2
FIN
1

Roma-Genoa 2-1: Totti rinato, Borriello implacabile, i giallorossi tornano a respirare!

Roma-Genoa 2-1: Totti rinato, Borriello implacabile, i giallorossi tornano a respirare!

Di Rudolf il goal della bandiera per i rossoblù.

La Roma ottiene la seconda vittoria in campionato (sempre in casa) e si porta ad 8 punti in classifica. Contro un buon Genoa decidono le reti di un super Borriello nel primo tempo e Brighi nella ripresa. Gli uomini di Gasperini ci provano fino al termine ma non riescono ad agguantare il pari nonostante la prima marcatura in serie A dell'ungherese Rudolf.

FORMAZIONI – Ranieri deve fare a meno di Julio Sergio, De Rossi, Vucinic, Adriano e Menez. In
avanti fiducia a capitan Totti e Borriello, con Brighi a far coppia a centrocampo con Pizarro. Sulla fascia destra torna Taddei, con Perrotta ad agire sulla sinistra. Gasperini punta sul suo classico 3-4-3, con l'ex giallorosso Toni punta centrale coadiuvato da Mesto e Palacio. In mezzo al campo Milanetto e Kharja, con Rossi e Criscito a spingere sugli esterni.

PARTITA – Dopo pochi minuti Borriello cade in area dopo un'uscita bassa di Eduardo, l'arbitro
Damato lascia correre senza ammonire il giallorosso. Ancora l'ex centravanti del Milan semina
il panico tra i difensori rossoblù colpendo il palo al 18' da posizione laterale dopo aver superato in dribbling il portiere portoghese. Sul capovolgimento di fronte grande chance per Toni, che sbaglia clamorosamente di testa sotto misura. Molto attivo capitan Totti, che prima (al 33') imbecca bene Perrotta che si vede respingere un tocco morbido sulla linea da Dainelli e poi (un minuto più tardi) confeziona un cross al bacio per Borriello che regala il vantaggio ai padroni di casa grazie ad una zampata in area piccola con Chico ed Eduardo ad assistere inermi.

Gasperini ad inizio ripresa inserisce Rudolf al posto di un opaco Palacio, ma a passare è ancora la Roma al 53'. Splendida azione in stile 'spallettiano': Perrotta inventa, Borriello rifinisce e Brighi beffa Eduardo con un pallonetto in spaccata sporcato da Rossi. I liguri provano subito a reagire con Rudolf, ma il suo sinistro di controbalzo scheggia la traversa. Un legno lo colpisce di nuovo anche Borriello, che fa tremare la traversa dopo un assist di un ispirato Totti. I padroni di casa subiscono un leggero calo fisico e il Genoa prova ad approfittarne. Al 78' è l'ungherese Rudolf a superare Lobont con una conclusione velenosa dopo un magnifico tacco volante di Toni. Nelle fase finali tenta il tutto per tutto Sculli con un sinistro potente dal limite, ma Lobont è ben piazzato e fa suo il pallone. La difesa giallorossa, guidata da un superbo Juan, regge fino al quinto minuto di recupero e Ranieri può festeggiare la seconda vittoria in campionato.

CHIAVE – Borriello, da solo, ha cambiato il volto del match. L'ex attaccante del Milan stravince il duello fisico e tecnico con i difensori del Genoa ed entra in tutte le azioni più importanti della Roma.

CHICCA - La seconda rete giallorossa ricorda in maniera impressionante la tipica manovra della Roma 'champagne' di Spalletti: azione in stile rugbistico tutta in velocità, la palla passa rapidamente tra i piedi di Perrotta, Borriello e Brighi e finisce alle spalle di un Eduardo che non deve averci capito un granchè...

MOVIOLA - Ad inizio gara Borriello cade in area dopo un'uscita bassa di Eduardo, ma non sembra esserci contatto tra i due. Nella ripresa è Toni a reclamare un rigore per una spinta piuttosto vistosa di Burdisso, Damato lascia correre.

TATTICA – Il ritorno al 4-4-2 dona compattezza alla Roma, con Taddei ad agire da esterno puro sulla destra e Perrotta libero di inserirsi in posizione centrale partendo dalla sinistra. Gasperini sbaglia nello schierare nel primo tempo Mesto e Palacio, che non aiutano nè Toni in fase offensiva nè i compagni di centrocampo nei ripiegamenti. Con l'ingresso di Rudolf il Grifone diventa molto più pericoloso.

PROMOSSI&BOCCIATI - Borriello (voto 8) è l'anima della squadra. Colpisce due legni, segna un goal da manuale e mette lo zampino nel raddoppio. Al suo fianco è confortante la rinascita di Totti (voto 7), evidentemente le critiche lo hanno stimolato a puntino. Bene Juan (voto 7), Riise è ancora lontano dalla migliore condizione (voto 5.5). Toni (voto 6.5) lotta fino al termine con caparbia, da applausi il suo tacco volante nell'azione del goal di Rudolf (voto 7). Chico non ne azzecca una (voto 4.5), Eduardo (voto 5) è lontano parente del buon portiere ammirato in Sudafrica con la maglia del Portogallo. Sotto tono Kharja (voto 5).





Sullo stesso argomento