thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 22 gennaio 2011
  • • 20.45
  • • Stadio Olimpico, Roma
  • Arbitro: G. Gava
  • • Spettatori: 28249
3
FIN
0

Roma-Cagliari 3-0: Giallorossi cinici, la Lupa vola al secondo posto in classifica

Roma-Cagliari 3-0: Giallorossi cinici, la Lupa vola al secondo posto in classifica

I sardi non riescono a finalizzare il gioco prodotto.

La Roma supera per 3-0 il Cagliari all’Olimpico e vola provvisoriamente al secondo posto in classifica. I giallorossi si portano in vantaggio al 22’ con un rigore di Totti, e poi chiudono la partita nella ripresa con le reti di Perrotta e di Menez nel finale. I rossoblù esprimono un buon calcio ma non riescono a concretizzare le occasioni che riescono a creare.

FORMAZIONI – Ranieri deve fare a meno in difesa di Nicolas Burdisso, squalificato, e schiera al suo posto Mexes, mentre in avanti schiera come punte Francesco Totti e Marco Borriello. Nel Cagliari torna Cossu dopo la squalifica di una giornata, e in attacco Donadoni lancia la coppia Nenè-Acquafresca, con Matri che si siede in panchina.

PARTITA – Il Cagliari inizia la gara con grande determinazione, e mette in grossa difficoltà i giallorossi. Dopo un destro fiacco di Francesco Totti, parato senza problemi da Agazzi, al 6’ Cossu effettua un bel tiro a giro dal limite dell’area, costringendo Julio Sergio a volare all’incrocio alla sua sinistra per mettere in angolo. I rossoblù aggrediscono i giallorossi, che non riescono a produrre una manovra fluida. Va al tiro anche Acquafresca, ma Julio Sergio è ancora una volta attento e blocca. Al 20’ però si verifica l’episodio che sblocca il risultato. Cross di Totti dalla fascia sinistra, De Rossi va giù in area dopo un contatto dubbio con Canini, e Gava fischia il calcio di rigore per i giallorossi. Si incarica della battuta Totti, che trasforma con una botta centrale. Il goal dà fiducia alla squadra di Ranieri, che all’improvviso diventa più viva. È però ancora il Cagliari a rendersi pericoloso con un sinistro di Agostini, che De Rossi devia in angolo con il corpo. Poi è Borriello ad avere la palla del 2-0 sul suo sinistro, ma la conclusione del centravanti giallorosso è respinta con i piedi da Agazzi. Sul finire di tempo è ancora Agostini a provarci dalla distanza: il suo sinistro velenoso è deviato da un difensore, rimbalza sul terreno e chiama Julio Sergio a un intervento non semplice. Le squadre vanno dunque all’intervallo sul risultato di 1-0 per i giallorossi.

La ripresa inizia con i sardi che si spingono in avanti alla disperata ricerca del pari. La squadra di Donadoni tiene il possesso palla, schiaccia la Roma nella propria metà campo ma non riesce a finalizzare le occasioni che crea. Conti va al tiro al volo, ma Mexes devia il pallone e Julio Sergio può bloccare. La Roma arriva alla conclusione con Borriello su contropiede di Totti, con Agazzi che para senza grosse difficoltà. Poi ci prova Acquafresca, ma il tiro dal limite dell’area del centravanti rossoblù è fuori misura e finisce alto sulla traversa. Iniziano le sostituzioni: nella Roma vanno in campo Menez e Vucinic per Taddei e Borriello, nel Cagliari entra Matri al posto di Nenè. Nel momento migliore dei sardi, al 70’ arriva il raddoppio giallorosso su palla inattiva. Calcio d’angolo di Totti dalla sinistra, c’è un colpo di testa di Juan, Agazzi fa una papera e non trattiene il pallone, e Perrotta è prontissimo in scivolata a segnare il 2-0. A questo punto la Roma cresce, mentre i sardi, soprattutto a centrocampo, vanno in difficoltà. Donadoni getta nella mischia Laner e Ragatzu per Nainggolan e Acquafresca, i rossoblù però continuano a non pungere. C’è un tentativo di forcing finale, ma i sardi oltre al danno subiscono pure la beffa. In pieno recupero infatti Menez supera in velocità la retroguardia rossoblù, molto alta, ubriaca di finte Agazzi e lo supera firmando il definitivo 3-0. Grazie a questa vittoria i giallorossi, pur non convincendo sul piano del gioco, salgono provvisoriamente al secondo posto in classifica.

CHIAVE – Il Cagliari tiene il possesso palla ma non punge. I giallorossi sono invece molto cinici a trasformare in oro le poche occasioni che riescono a creare nel corso dei 90 minuti.

CHICCA
– La “perla” della vittoria giallorossa è il terzo goal di Menez. Il francese con uno scatto bruciante buca centralmente la difesa del Cagliari e si presenta a tu per tu con Agazzi. A questo punto ubriaca letteralmente di finte l’estremo difensore avversario, e mette in rete, ponendo la sua firma sull’incontro.

MOVIOLA – Ci sono grossi dubbi sul rigore che spiana la strada alla vittoria giallorossa. L’impressione è che Canini e De Rossi si strattonino vicendevolmente.

TATTICA
– Ranieri teme il Cagliari e sceglie di cambiare modulo, passando dal 4-3-1-2 al più solido 4-4-2. Donadoni vara invece il consueto 4-3-1-2.

PROMOSSI&BOCCIATI – Mexes (voto 7.5) giganteggia nella Roma, e non fa rimpiangere il titolare Nicolas Burdisso, assente per squalifica. Il difensore francese è decisivo in diverse circostanze per mantenere inviolata la porta giallorossa. Il peggiore è invece Agazzi (Voto 4.5), che ha sulla coscienza il secondo goal avversario, al quale contribuisce con un’autentica “papera”.


Sullo stesso argomento