thumbnail Ciao,
Diretta Live

Primera Division

  • 08 dicembre 2012
  • • 20.00
  • • Estadio Municipal José Zorrilla, Valladolid
  • Arbitro: Pedro Jesús Pérez Montero
  • • Spettatori: 22714
2
FIN
3

Valladolid-Real Madrid 2-3: 'Merengues' corsari in Castiglia grazie allo show di Ozil e una ripresa super

Valladolid-Real Madrid 2-3: 'Merengues' corsari in Castiglia grazie allo show di Ozil e una ripresa super

getty

La 'banda' Mourinho soffre per un tempo l'arrembaggio dei padroni di casa e l'exploit di Manucho, ma esce alla distanza e conquista i tre punti con una doppietta del tedesco.

Colpo grosso del Real Madrid, che fatica ma alla fine espugna il campo del Valladolid vincendo 3-2. Partita dai due volti, quella dei 'Blancos', che grazie a un ottimo secondo tempo e un Ozil in serata di grazia riescono a conquistare l'intera posta in palio e restare agganciati al treno di vetta.

FORMAZIONI - Negli ospiti Mourinho lancia Nacho dal primo minuto in difesa e dà fiducia a Callejon sulla trequarti insieme a Ozil e Ronaldo a supporto di Benzema. Nei castigliani Djukic si gioca la partita senza timori reverenziali con il trio Ebert-Oscar-Omar alle spalle di Manucho.

PRIMO TEMPO - Avvio di partita scintillante, con il Valladolid che imprime un buon forcing e trova il vantaggio con Manucho, che dopo sette minuti sugli sviluppi di una mischia in area fulmina Casillas.

I 'Merengues' provano a reagire e non stanno a guardare, tanto che al 12' Callejon approfitta di uno svarione della retroguardia di casa e offre un assist al bacio per Benzema che pareggia con un tap-in sotto porta. Al 19' si fa vivo Cristiano Ronaldo, che su punizione impegna Hernandez costretto a respingere di pugni.

Ma al 22', Manucho sale nuovamente in cattedra e riporta avanti il Valladolid: angolo di Ebert e incornata vincente dell'angolano che firma la sua doppietta. Match vibrante, al 24' Callejon ha la palla del 2-2 ma sciupa in malo modo spedendo sul fondo un pallonetto a tu per tu col portiere di casa. Due minuti dopo e i castigliani sfiorano il tris con una punizione velenosa di Ebert che sfiora il palo.

Alla mezz'ora quest'ultimo è costretto a lasciare il campo per infortunio a Bueno, un giro di lancette dopo CR7 sfiora il goal con un destro messo in corner dall'ottimo Hernandez. Da questo momento in poi il Real aumenta il proprio forcing e proprio in chiusura di frazione uno splendido scambio in area tra Benzema e Ozil porta al 2-2 del tedesco.

SECONDO TEMPO - Mourinho capisce che bisogna cambiare qualcosa e inserisce Di Maria al posto del giovane Nacho. I 'Blancos' sembrano più in palla e maggiormente determinati rispetto al primo tempo, tanto che al 51' Sergio Ramos di testa sfiora il palo.

I padroni di casa riescono a guadagnare metri dopo il difficile avvio di ripresa e al 60' Casillas si oppone al tiro da fuori di Oscar. Mou gioca il tutto per tutto con Modric per Arbeloa e arretrando Callejon e Xabi Alonso sulla linea dei difensori, una mossa che paga viste le occasioni prodotte dal Real.

Al 66' goal ingiustamente annullato a Ramos, ma al 72' ecco il goal partita: calcio di punizione di Ozil dai 25 metri, la palla sbatte sotto la traversa e si insacca senza lasciare scampo a Hernandez.

Il Valladolid è incapace di reagire e nel finale Ramos va vicino al poker di testa. I 'Merengues' amministrano fino al triplice fischio e strappano tre punti d'oro.

CHIAVE - La maggiore qualità del Real Madrid, alla fine, ha fatto la differenza: Benzema e Ozil confezionano due goal al 'bacio', l'abilità nelle ripartenze di Ronaldo e Di Maria consente di tenere la palla lontana dalla propria trequarti. Valladolid abile a sfruttare le disattenzioni difensive dei 'Blancos' nel primo tempo, ma non è bastato.

MOVIOLA - Al 16' il gomito alto di Manucho su un duello aereo con Ramos poteva essere punito col rosso anzichè l'ammonizione, così come la manata di Arbeloa sul volto di Omar a inizio ripresa meritava almeno il giallo. Al 66', infine, Sergio Ramos viene fermato per fuorigioco dopo aver messo in rete ma la decisione è sbagliata: il difensore del Real, al momento del tiro, è in linea con un avversario.

Sullo stesso argomento