thumbnail Ciao,
Diretta Live

Champions League

  • 30 aprile 2013
  • • 20.45
  • • Estadio Santiago Bernabéu, Madrid
  • Arbitro: H. Webb
  • • Spettatori: 79429
2
FIN
0

Borussia Dortmund vince col totale di 4 - 3

Real Madrid-Borussia Dortmund 2-0: Le Merengues sfiorano l'impresa epica ma in finale di Champions ci vanno i tedeschi

Real Madrid-Borussia Dortmund 2-0: Le Merengues sfiorano l'impresa epica ma in finale di Champions ci vanno i tedeschi

Getty Images

Il Real Madrid batte per 2-0 il Borussia Dortmund al Santiago Bernabeu ma non basta per staccare il pass per la finale di Champions League.

Rimonta a metà per il Real Madrid di Mourinho contro il Borussia Dortmund: al Bernabeu finisce 2-0 per i blancos grazie alle reti di Benzema e Sergio Ramos, ma il risultato non basta per capovolgere il 4-1 dell’andata.

La squadra spagnola esce per la terza volta consecutiva in una semifinale di Champions League (Barcellona, Bayern e Borussia) e l’addio del tecnico portoghese sembra ormai cosa quasi scontata. Per la squadra di Klopp, che vola in finale meritatamente, è un traguardo storico e quasi inaspettato all’inizio dell’anno anche se i tedeschi nelle dodici partite disputate hanno perso solamente questa sera ed hanno mostrato un grande gioco, per quanto nel finale abbiano rischiato di pagare cara l’inesperienza.

I tedeschi tornano in una finale europea dopo 11 anni: nella stagione 2001-2002 perse la finale di Coppa Uefa contro il Feyenoord, mentre l’ultima finale di Champions risale addirittura al 1996-1997 quando sconfisse la Juventus per 3-1. L’unica nota negativa è l’infortunio di Gotze (problemi muscolari) che ha dovuto abbandonare il terreno di gioco dopo appena un quarto d’ora.

FORMAZIONI - Mourinho parte con una squadra votata all’attacco. Modric, Ozil, Di Maria, Ronaldo ed Higuain tutti in campo dall’inizio, con Essien nel ruolo di terzino destro. Sull’altra sponda Klopp non si snatura e risponde con il classico 4-2-3-1 con il poker offensivo a mettere paura ai blancos e con la diga centrale formata da Gundogan e Bender.

PRIMO TEMPO - Parte a mille la squadra di Mourinho che già al 4’ ha la palla del vantaggio con Higuain che  da buona posizione spara addosso a Weidenfeller in uscita. I blancos pressano a tutto campo e nei primi 20’ è un assedio spagnolo, ma né Ronaldo in due occasioni (8’ e 13’) né Ozil (14’) riescono a superare il portiere tedesco. Clamorosa specialmente la palla gol sprecata dal tedesco Ozil a tu per tu con Weidenfeller che calcia fuori.

Il Borussia, che perde Gotze al 14’ per problemi muscolari e passata la sfuriata iniziale del Real, prova a mettere in difficoltà una difesa del Real che concede spazi, ma Lewandowski non riesce a superare Diego Lopez. Nel finale di tempo ci prova ancora Ronaldo (46’) su punizione ma questa volta la mira è da dimenticare.  

SECONDO TEMPO - Il Real che cerca la rimonta si sbilancia e al 50’ Lewandowski servito ottimamente da Reus calcia di potenza da appena dentro l’area colpendo la traversa a Diego Lopez battuto. Mourinho si gioca il tutto per tutto inserendo al 57’ Kaka e Benzema al posto di Coentrao e di uno spento Higuain, passando alla difesa a tre e concedendo sempre più spazi ai contropiedi del Borussia, come al 62’ quando Reus serve Gundogan che dall’area piccola, tutto solo, trova la risposta superlativa di Diego Lopez, che gli nega la gioia del goal.

Il Real con il passare dei minuti capisce che la rimonta è sempre più difficile da realizzare ed inizia a sprecare palloni facili quando arriva vicino all’area tedesca. Al 70’ Ronaldo da appena fuori l’area prova la conclusione di punta ma la sfera termina alta. Al minuto 82’ grande azione di Kaka che serve sulla destra Ozil il quale mette in mezzo, ci arriva Benzema che di prima intenzione batte Weidenfeller per l’1-0.

Il Bernabeu prova a riprendere coraggio, e Klopp molto intelligentemente toglie Lewandowski (87’) per Kehl infoltendo il centrocampo, ma è sempre Real che sembra essersi svegliato un po’ troppo tardi anche se al minuto 88’ Sergio Ramos trova il 2-0 grazie ad una fucilata di Sergio Ramos da dentro l’area.

I minuti finali sono una bolgia: il Real getta il cuore oltre l’ostacolo, il Borussia cerca di fare di tutto per perdere un po’ di tempo prezioso, e nonostante 6’ di recupero ed un colpo di testa di Ramos che termina fuori (94’) i tedeschi volano in finale, fra gli applausi del Bernabeu, che ringrazia lo stesso i suoi ragazzi.

CHIAVE - Se la partita fosse durata qualche minuto in più, è probabile che il Real sarebbe riuscito nell’impresa, ma Mourinho forse tarda i cambi e il suo Real si sveglia solamente nel finale. Applausi comunque al Borussia, squadra giovane e che nel finale rischia grosso anche a causa dell’inesperienza, ma alla fine vola meritamente in finale.

MOVIOLA - Dopo appena 40’’ viene fischiato un fuorigioco a Reus che in realtà non c’era, mentre al 28’ Bender viene salvato dal cartellino per una brutta entrata su Xabi Alonso. Giusti i gialli a Coentrao, Gundogan e Bender per gioco pericoloso e quello per poteste sventolato ad Higuain. Vede bene anche l’assistente che alza la bandierina due volte nel finale della prima frazione ad Ozil ed Higuain in posizione leggera di fuorigioco.

Nella ripresa l’unico episodio dubbio arriva al 77’ quando Webb non vede un netto fallo di mano di un difensore del Borussia appena fuori l’area di rigore. Corretti i gialli a Ramos, Khedira e Weidenfeller. Forse eccessivi i 6’ di recupero, ma nel complesso la prova del fischietto inglese è sufficiente.

Dalle Pagelle:

IL MIGLIORE - Ilkay Gündogan
. E' l'anima di questo Borussia a metà campo: centrocampista moderno dal gran dinamismo, abbina perfettamente le due fasi ed è sempre pericoloso negli inserimenti. Solo un grande Weidenfeller gli nega la gioia del goal.

IL PEGGIORE - Cristiano Ronaldo. Partita opaca del fuoriclasse portoghese, che non riesce quasi mai a fare la differenza come dovrebbe: sbaglia anche molte conclusioni da ottima posizione. 

Sullo stesso argomento