thumbnail Ciao,
Diretta Live

Ligue 1

  • 24 novembre 2012
  • • 17.00
  • • Parc des Princes, Paris
  • Arbitro: B. Varela
  • • Spettatori: 39588
4
FIN
0

Paris Saint Germain-Troyes 4-0: Ibra segna e fa segnare, riscatto della 'banda' Ancelotti

Paris Saint Germain-Troyes 4-0: Ibra segna e fa segnare, riscatto della 'banda' Ancelotti

Gettyimages

Il centravanti svedese manda in rete Maxwell e Matuidi, per poi chiudere i conti realizzando una doppietta. I parigini riagguantano provvisoriamente la vetta della classifica.

Il Paris Saint-Germain liquida con un poker la pratica Troyes e raggiunge momentaneamente la testa della classifica. Gli uomini di Ancelotti hanno vita facile contro la penultima forza del campionato, nonostante una prima parte di match non proprio brillante. Nel finale sale in cattedra Zlatan Ibrahimovic, autore di due goal e altrettanti assist.

FORMAZIONI - Ancelotti alza Maxwell sulla linea dei centrocampisti schierando Armand sull'out sinistro di difesa, in attacco conferma per Lavezzi dal primo minuto al fianco di Pastore e Ibrahimovic. Tra le fila ospiti, Furlan opta per un centrocampista in più con Thiago Xavier in mediana e il 'parigino' Bahebeck unico riferimento offensivo.

PRIMO TEMPO - Inizio arrembante del PSG, che nei primi dieci minuti crea già due palle-goal con Matuidi e Ibrahimovic, ma in entrambi i casi è bravo il portiere ospite Thuram (cugino dell'ex difensore di Parma e Juventus Lilian) a opporsi.

Il forcing dei locali porta a due gialli per Pastore e Verratti, ma anche al vantaggio firmato Maxwell: il terzino brasiliano è abile a deviare in rete un cross basso dalla destra di Ibrahimovic. Lavezzi appare in gran forma e voglioso di far bene, ne sono la riprova l'azione personale del 19' quando cerca un cross dopo aver affondato tra le maglie della difesa ospite e il colpo di testa del 32' che trova la risposta di Thuram (sulla respinta Ibra manda sul fondo col tacco).

Nelle battute finali del primo tempo, finalmente si vede il Troyes che prova ad affacciarsi dalle parti di Sirigu prima un tiro alto di poco di Darbion e al 40' con un destro debole e centrale di Bahebeck. E' l'ultimo sussulto della prima frazione.

SECONDO TEMPO - La ripresa si apre subito con una novità: Pastore viene sostituito da Nenè, ennesimo segnale del momento poco felice del 'Flaco'. Il Troyes si fa vedere al 49' con un gran sinistro di Nivet, ma la sfera finisce sul fondo.

Lavezzi ci mette l'anima, ma i suoi cross finiscono sistematicamente tra le braccia di Thuram. E allora gli ospiti ci credono, Furlan inserisce Marcos per Xavier passando al 4-2-3-1. Ma al 63' ci pensa Ibra a tagliare le gambe agli avversari, servendo in profondità Matuidi che batte Thuram per il 2-0.

Al 70' lo svedese chiude definitivamente i conti, insaccando sotto la traversa ben imbeccato da Nenè. Ancelotti ne approfitta per far rifiatare Van der Wiel e Maxwell, al loro posto Jallet e Rabiot. All'83' Troyes vicino al goal con una splendida rovesciata di Marcos, ma Sirigu vola deviando in angolo.

Nel finale i padroni di casa cercano il poker, che arriva ancora con Ibra che a porta vuota insacca su passaggio di Lavezzi e fa calare il sipario sul match.

CHIAVE - Le scorribande di Lavezzi, la fantasia di Ibra e gli inserimenti di Matuidi: sono loro le pedine che fanno saltare i meccanismi difensivi di un Troyes apparso in affanno quando si trattava di contenere. Per la penultima della classe, inoltre, voler fare goal senza costruire azioni degne di nota diventa dura.

MOVIOLA - Giusta la decisione di Varela di non sanzionare il contatto tra Ibrahimovic lanciato verso la porta e lo stopper ospite Saunier, visto che lo svedese pare lasciarsi cadere con troppa facilità. Resta più d'un dubbio, invece, sul contatto nell'area del PSG tra Verratti e Bahebeck: il centrocampista italiano aggancia il piede della punta del Troyes ma l'arbitro lascia correre. Al 52' Saunier spinge un po' troppo energicamente Lavezzi in area per evitare che il 'Pocho' possa calciare, anche qui l'intervento non sembra pulitissimo.

Sullo stesso argomento