thumbnail Ciao,
Diretta Live

Champions League

  • 04 dicembre 2012
  • • 20.45
  • • Parc des Princes, Paris
  • Arbitro: C. Thomson
  • • Spettatori: 45512
2
FIN
1

Paris Saint-Germain-Porto 2-1: Primato griffato Serie A, Parigi fa festa grazie a Thiago Silva e Lavezzi

Paris Saint-Germain-Porto 2-1: Primato griffato Serie A, Parigi fa festa grazie a Thiago Silva e Lavezzi

Gettyimages

La squadra di Ancelotti tiene in mano il match e va a segno con Thiago Silva e Lavezzi, ma deve ringraziare la clamorosa 'papera' del portiere ospite. Lusitani secondi.

Il Paris Saint-Germain supera il Porto per 2-1 e approda agli ottavi di finale come prima del girone A. I francesi tengono in mano il match per larghi tratti ma devono ringraziare una papera di Helton, che sul punteggio di parità si fa sfuggire il pallone sul tiro di Lavezzi che vale i tre punti.

FORMAZIONI - Ancelotti cambia modulo passando al 4-2-3-1, inserendo Pastore al posto di Verratti. In difesa c'è Van der Wiel a destra, mediana con il duo Chantome-Matuidi. Nei lusitani, Pereira conferma la formazione tipo col tridente James Rodriguez-Martinez-Varela.

PRIMO TEMPO - L'avvio sembra essere favorevole al PSG, visto che dopo due minuti Ibrahimovic si fa subito vedere colpendo male in spaccata a due passi da Helton su cross di Pastore. Al 10' Menez mette in mezzo per Lavezzi, ma il 'Pocho' viene anticipato.

Un minuto dopo il Porto va vicino al vantaggio con un tiro di Jackson Martinez che esce di poco. Ancora il colombiano, al 15' aggancia un pallone in area ma il suo tiro-cross non trova compagni pronti al tap-in. Al 18' Alex decolla in area, la sua zuccata viene bloccata da Helton. Ancora uno sciupone Ibra protagonista al 23': cross di Menez e piattone che non inquadra lo specchio.

Alla mezz'ora esatta, ci pensa Thiago Silva a sbloccare il risultato con un colpo di testa perfetto su punizione dalla sinistra di Maxwell: palla che sbatte sotto la traversa e si insacca. Strada in discesa per i francesi? Nemmeno per sogno, visto che passano solo quattro minuti e Martinez ristabilisce la parità incornando un traversone del caparbio Danilo.

Al 40' i portoghesi si fanno ancora pericolosi con un tiro dal limite di Rodriguez, mentre l'ultimo sussulto è di Ibra che al 43' alza un pallonetto con la testa che Helton disinnesca volando in angolo.

SECONDO TEMPO - La ripresa si apre con i transalpini all'arrembaggio. Al 51' grande occasione per Menez che rientra sul destro in area ma trova la risposta di Helton, la pressione aumenta e al 61' Lavezzi sigla il vantaggio: il 'Pocho' calcia in porta sul primo palo, Helton sembra bloccare ma invece la palla gli sfila sotto il corpo finendo in rete.

Al 68' il PSG, sulle ali dell'entusiasmo, va vicino al tris con una ripartenza micidiale conclusa da Menez che calcia di poco a lato. Al 70' si rivede il Porto e lo fa nel modo più pericoloso: Sirigu si oppone da campione al tentativo di 'cucchiaio' di Martinez, sulla respinta Lucho Gonzalez spara alle stelle con la porta spalancata.

Ancelotti capisce che è il momento di coprirsi e inserisce Verratti per Lavezzi, ma al 78' ancora lusitani in attacco con Varela che prova la mezza girata sul primo palo e la sfera finisce sul fondo. Nel finale i portoghesi provano a chiudere i parigini nella propria trequarti, i padroni di casa vivono di contropiede e sulla voglia di goal di Ibrahimovic.

All'87' lo svedese raccoglie una respinta corta di Helton sul tentativo al volo di Pastore, ma il suo tiro viene deviato all'ultimo da un difensore. Per lo svedese il muro lusitano stasera è troppo irto, ma il PSG porta a casa i tre punti che significano primo posto nel girone.

CHIAVE - Il PSG ha pagato la mancanza di un metronomo in mezzo al campo ma nella ripresa è riuscita a sfondare sulle corsie esterne, fino a quel momento ben controllate dai terzini ospiti. Nel Porto, prestazione opaca della mediana che ha senza dubbio limitato la possibilità di offendere.

MOVIOLA - Due i contatti dubbi nella sedici metri del Porto, ma in entrambi i casi (sia su Menez che su Lavezzi) l'arbitro Thomson fa bene a lasciar correre.



Sullo stesso argomento