thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 09 dicembre 2012
  • • 15.00
  • • Stadio Adriatico-Giovanni Cornacchia, Pescara
  • Arbitro: D. Celi
  • • Spettatori: 15000
2
FIN
0

Pescara-Genoa 2-0: Boccata d'ossigeno per gli abruzzesi, Abbruscato e Vukusic mandano il 'Grifone' sempre più a fondo

Dopo un primo tempo sfortunato, con le due traverse di Vargas e Kucka, i liguri scompaiono dal campo e cosentono ai biancazzurri di costruirsi una vittoria che vale oro.

Il Pescara ottiene tre punti di importanza capitale e inguaia sempre più il Genoa. All'Adriatico gli abruzzesi vincono 2-0 e si risollevano grazie ad Abbruscato e Vukusic, per il 'Grifone' tanta sfortuna nel primo tempo e una ripresa anonima.

FORMAZIONI - Bergodi passa alla difesa a quattro con Cosic per Balzano e Cosic al posto di Zanon e Romagnoli. In mediana Nielsen rileva Cascione, Weiss fa il trequartista dietro Vukusic-Abbruscato. Nei liguri panchina per l'ex Immobile, alle spalle di Borriello gioca Merkel e Tozser vince il ballottaggio con Seymour in mediana.

PRIMO TEMPO - Nel gelo dell'Adriatico il primo squillo è di Tozser su punizione, il cui destro all'8' impegna Perin che vola all'angolino. Al 16' Granqvist scivola e regala palla ad Abbruscato, ma l'ex vicentino sbaglia l'assist in profondità per Vukusic e l'azione sfuma.

Passa un minuto e Vargas disegna un traversone dalla sinistra, Perin calcola male la traiettoria e la palla scheggia la traversa. Il Pescara ha difficoltà a costruire gioco, il Genoa cerca con maggiore insistenza di rendersi pericoloso.

Due tiri dalla distanza di Weiss e Bjarnason sono troppo poco per gli abruzzesi, che al 40' rischiano di capitolare sul gran destro volante di Kucka che però si infrange nuovamente sulla traversa. Il tiraccio di Bjarnason allo scadere fa calare il sipario su un primo tempo deludente.

SECONDO TEMPO - Pronti via e Tozser scalda i guantoni di Perin, ma al 52' Vukusic si fa parare da Frey la palla del possibile vantaggio. Il Pescara, però, sblocca il risultato sessanta secondi dopo: Bjarnason imbuca per Weiss, cross basso dalla sinistra e Abbruscato insacca a porta vuota.

Del Neri si gioca le carte Immobile e Seymour, al posto di Toszer e un impalpabile Merkel, ma il forcing del 'Grifone' è sterile e non produce pericoli. Anzi, è il Pescara a sfiorare il raddoppio con un rasoterra di Weiss a lato di poco. Ma è questione di attimi, visto che gli abruzzesi chiudono i conti al 74' con Vukusic che si libera in area e sfrutta al meglio l'assist dello slovacco.

Frey ci mette del suo facendosi 'bucare le mani' e l'Adriatico esplode. Nel finale la girandola di cambi spezza i ritmi, i liguri producono poco se non un pallonetto di Borriello dal limite sventato dall'attento Perin. Finisce così, il Genoa perde ancora e va sempre più a fondo.

CHIAVE - L'ottima prestazione della retroguardia abruzzese ha consentito all'undici di Bergodi di neutralizzare le sortite offensive del Genoa. Se poi ci si mette anche il momento 'no' di Frey, allora per il 'Grifone' si fa davvero dura...

MOVIOLA - Rischia grosso Togni, che dopo essersi beccato un giallo al 5' per fallo su Jankovic, al 7' ferma irregolarmente ancora il serbo ma viene graziato da Celi.Al 76' brutta entrata di Seymour su Weiss, ma Celi non ammonisce nemmeno il cileno.

Dalle Pagelle:

IL MIGLIORE - Vladimir Weiss. Bergodi lo piazza tra le linee e lo slovacco lo ripaga con tanto movimento e un assist al bacio per i compagni (vedi Abbruscato e Vukusic).

IL PEGGIORE - Alexander Merkel. Dov'è finito il 'gioiellino' conteso da mezza Europa? L'involuzione del tedesco, adesso inizia a farsi preoccupante.

Sullo stesso argomento