thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 29 settembre 2012
  • • 18.00
  • • Stadio Ennio Tardini, Parma
  • Arbitro: G. Rocchi
  • • Spettatori: 14000
1
FIN
1

Parma-Milan 1-1: Il solito El Shaarawy non basta, Galloppa incatena il Diavolo sul pari

Nel primo anticipo della sesta giornata di Serie A rossoneri e gialloblù si sono fermati sull'1-1. Prove di 4-2-3-1 per Allegri, ma il Diavolo non entusiasma.

Finisce con un pareggio l'anticipo delle 18 tra Parma e Milan. I rossoneri hanno sfiorato il successo, mostrando netti miglioramenti nel gioco nonostante il campo scivoloso per l'abbondante pioggia. La squadra di Allegri, dopo essere passata in vantaggio con uno straordinario El Shaarawy, è stata raggiunta dalla punizione vincente di Galloppa.

FORMAZIONI - Il Parma per provare l'impresa contro il Milan si affida al 3-5-2 con Mirante tra i pali, Zaccardo, Paletta e Lucarelli dietro, a centrocampo Donadoni è costretto a rinunciare all'infortunato Palladino, ecco quindi spazio al greco Ninis, a completare il centrocampo Rosi, Musacci, Galloppa e Gobbi, in avanti, anche a causa dell'infortunio occorso a Belfodil, spazio a Pabon e Amauri.

Allegri, in vista della partita contro lo Zenit, lascia inizialmente in panchina Pazzini e Bonera e si affida al classico 4-3-1-2: Abbiati in porta, Abate, Yepes, Zapata e De Sciglio a comporre la linea difensiva, De Jong, Ambrosini e Nocerino davanti alla difesa mentre a supportare le due 'baby' punte Bojan (in campo per la prima volta da titolare) ed El Sharaawy, c'è Boateng che torna in campo dopo aver scontato la squalifica.

PRIMO TEMPO - A Parma si parte a ritmi blandi, le due squadre si studiano e cercano raramente l'affondo decisivo, soprattutto a causa del terreno di gioco reso molto scivoloso dalla pioggia incessante. Gli uomini Donadoni non si fanno spaventare dal Milan e sono i primi ad arrivare vicino al goal grazie alla punizione di Musacci che sfiora l'incrocio, i rossoneri faticano ad uscire perché il Parma si difende molto bene e non concede molto spazio tra le linee.

I ducali sono molto attivi sulla destra grazie alle discese di Rosi, Pabon in avanti cerca di impensierire la difesa milanista, senza però creare grossi grattacapi ad Abbiati; il più vivace del primo tempo però è Stephan El Shaarawy, indubbiamente il migliore in campo, che al 42° fa vedere a tutti le sue doti incredibili partendo dalla difesa e arrivando in area avversaria dopo aver saltato in velocità 3 avversari, l'italo-egiziano però sbaglia al momento di servire la palla a Bojan facendo sfumare l'azione. E' proprio dell'ex Barcellona l'ultima azione pericolosa del primo tempo, lo spagnolo sfiora l'incrocio con un bellissimo destro a giro.

SECONDO TEMPO - Il secondo tempo si apre con il Milan che spinge in avanti e trova subito il goal con El Shaarawy: su un contropiede ben gestito da Bojan, Ambrosini innesca El Shaarawy che punta Zaccardo e lo brucia in velocità, trafiggendo Mirante in scivolata. Sulle ali dell'entusiasmo la squadra di Allegri sfiora il raddoppio due volte con Boateng, prima il colpo di testa del ghanese termina a lato di pochissimo, poi il suo destro violento è deviato in angolo dal portiere del Parma.

Donadoni vuole scuotere i suoi e cambia Pabon con Biabiany, è proprio la freschezza e la velocità del francese a mettere in difficoltà la difesa rossonera, infatti da una sua azione personale nasce la punizione con cui il Parma pareggia: Galloppa buca la barriera milanista e trafigge Abbiati con un tiro a fil di palo. Allegri non ci sta e toglie Boateng inserendo Robinho, cambiando il modulo in un 4-3-3 più offensivo, il Milan però non riesce a rendersi troppo pericoloso, solo Montolivo su punizione sfiora il nuovo vantaggio ma Mirante devia in angolo.

La partita termina 1-1, risultato giusto per quanto si è visto in campo, anche se forse i rossoneri ci hanno provato di più. Continua così l'imbattibilità del Parma tra le mura amiche, il Milan sfiora i 3 punti ma mostra netti segnali di miglioramento rispetto alle partite precedenti.

CHIAVE - La vivacità di El Shaarawy ha spaccato la partita, il giovane rossonero è al 4° goal in 3 partite ed è stato indubbiamente il migliore in campo, dai suoi piedi sono nate tutte le azioni da goal del Milan. Nel Parma invece è la freschezza di Biabiany ad aver creato problemi alla difesa milanista, quando è entrato gli emiliani si sono resi decisamente più propositivi.

MOVIOLA - Nel primo tempo c'è un contatto sospetto tra Zapata e Lucarelli in area rossonera, il contatto c'è, ma il capitano del Parma ha accentuato troppo la caduta. Rocchi ha deciso di non intervenire.

Dalle pagelle:


IL MIGLIORE - El Shaarawy.
E' il migliore in campo. Sembra strano che una squadra come il Milan, si debba affidare ad un ragazzo di 20 anni. Si comporta come un veterano; prende per mano i rossoneri e con le sue continue discese palla al piede fa impazzire i difensori parmigiani. Il piccolo Faraone sta diventando sempre più grande.

IL PEGGIORE - Montolivo. E' il peggiore della partita. Dovrebbe entrare per dare qualità a centrocampo. Dopo 1 minuto dal suo ingresso in campo stende appena fuori area Ninis e dalla relativa punizione regalata al Parma, nasce il goal del pareggio. Ogni pallone che tocca viene indirizzato malamente, fa andare su tutte le furie Allegri e i tifosi rossoneri.

Sullo stesso argomento