thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 22 settembre 2012
  • • 18.00
  • • Stadio Ennio Tardini, Parma
  • Arbitro: P. Valeri
  • • Spettatori: 16750
1
FIN
1

Parma-Fiorentina 1-1: Jovetic questa volta tradisce, Valdes pareggia al 92'

All'88' la Fiorentina può chiudere la partita, Jovetic fallisce però il rigore del 2-0. In precedenza ne aveva sbagliato uno Valdes.

Che beffa per la Fiorentina. Dopo un primo tempo dominato sotto tutti i punti di vista, i viola si fanno acciuffare ad un minuto dal termine grazie ad un rigore trasformato da Valdes per fallo di mano di Toni.
Al Tardini sono stati i portieri a fare la voce grossa. Prima Viviano e poi Mirante neutralizzano un penalty ciascuno a Valdes, che poi si rifarà, e ad uno Jovetic in giornata no. Uno a uno il risultato finale, ma la Viola avrà da recriminare per non essere riuscita a chiudere la partita quando ne ha avuto occasione.

Il Parma, da parte sua, ha condotto una partita accorta, acciuffando il pari quando le speranze sembravano terminate. 90 minuti bellissimi, un grande spettacolo ricco di emozioni e un gol, quello di Roncaglia del temporaneo 1-0 viola, delizioso.  

FORMAZIONI - Il Parma cerca la settima vittoria consecutiva in casa con un 3-5-2 che vede la sorpresa di Benaluane in difesa e la coppia d’attacco formata da Belfodil e Pabon. Amauri e Marchionni partono dalla panchina. Qualche novità anche per l’undici di Montella che, davanti alla difesa a tre, schiera Mati Fernandez, al debutto, affiancato da Pizarro, Borja Valero, Cassani e Cuadrado.  E’ Seferovic, e non Ljajic, a completare la coppia d’attacco con Jovetic.

PRIMO TEMPO - Dopo il minuto di silenzio in onore della scomparsa di Arrigo Gattai e Pino Colombi, la partita inizia a buoni ritmi senza però grosse occasioni per i primi 20 minuti. La Fiorentina fa un ottimo possesso palla e gode di alcuni spunti da fuoriclasse della sua stella Jovetic. Il Parma tende a controllare e a ripartire sfruttando la velocità di Pabon e Belfodil.

E proprio al ventesimo minuto, ‘El Torito’ Roncaglia, prende palla sulla trequarti d’attacco e con il destro scarica un missile terra-aria ad incrociare sul secondo palo. Palla sotto l’incrocio e Viola in vantaggio. Un goal fantastico da parte dell’argentino ex Boca, che legittima la supremazia territoriale degli uomini di Montella.

La rete subita non cambia l’atteggiamento tattico della squadra crociata che rischia di capitolare a causa di due azioni pericolose di Cassani e Jovetic. Quando però 15 minuti alla fine della frazione il Parma ha l’occasione più ghiotta. Colpo di testa di Lucarelli sugli sviluppi di un calcio d’angolo, e palla che si stampa sul palo, per il disappunto di Donadoni.

E’ solo un fuoco di paglia per il Parma che rischia ancora tantissimo quando, sugli sviluppi di un calcio piazzato, è di nuovo Roncaglia a trovarsi completamente libero in area piccola. Il suo tiro però finisce sul palo. E con un legno per parte e una rete di vantaggio per la Fiorentina, l’arbitro Valeri decreta la fine del primo tempo

SECONDO TEMPO -  Sono gli stessi 22 della prima frazione a scendere in campo. Dopo 10 minuti il Parma ha l’occasione di svoltare il match quando Roncaglia, ancora lui, diventa protagonista in negativo causando un calcio di rigore, del tutto evitabile, per fallo su Pabon. Dagli undici metri si presenta Valdes, ma il suo destro è intuito ed addirittura bloccato da Viviano.

Inizia così la girandola delle sostituzioni, avviata da Montella che toglie un ottimo Mati Fernandez per dare spazio a Romulo, uomo di maggiore copertura. Subito dopo entrano nell’ordine, Amauri, Palladino e Toni per Belfodil, Pabon e un impalpabile Seferovic. Donadoni però è costretto subito a fare uscire Palladino che si fa male dopo un colpo di tacco. Al suo posto il greco Ninis. Siamo al 70’ e il Parma ha finito i cambi.

Le squadre si allungano molto nei minuti finali, con gli emiliani che provano a premere sull’acceleratore e i viola pronti a colpire in contropiede. Montella decide di coprirsi ulteriormente, giocandosi l’ultimo cambio; Migliaccio per Cuadrado. Il Parma non riesce a produrre grossi pericoli, se non con un movimento a tagliare l’area di Gobbi che però arriva in ritardo su un pallone proveniente dalla trequarti. E’ così la Fiorentina, a tre minuti dal termine, ad avere l’occasione per chiudere definitivamente il match con un calcio di rigore, e annessa esplusione, di Rosi su Cassani. Ma non è giornata per i rigoristi, infatti anche Jovetic si fa immobilizzare da Mirante. Niente di fatto. Ma la partita è tutt’altro che finita. C’è ancora un rigore per il Parma per fallo di mano di Toni, ed è di nuovo Valdes a presentarsi sul dischetto. Tiro potente, 1-1, e la partita di conclude così.

CHIAVE - Il centrocampo di Montella è di una qualità ben oltre la media e lo dimostra il 63% di possesso palla, in trasferta, nel primo tempo. Alla Fiorentina è però mancata la fase di finalizzazione. Il Parma è stato bravo a crederci fino all’ultimo. Protagonisti assoluti i portieri con un rigore parato per parte.

MOVIOLA - Al 10’ Pabon dopo una bella serpentina viene atterrato in area da Borja Valero. Il contatto però non sembra da penalty, Valeri lascia proseguire. Ancora il Parma a recriminare il calcio di rigore per un presunto mani di Cassani, impegnato in un corpo a corpo con Rosi. Anche in questo caso Valeri lascia giustamente proseguire; sembra infatti che sia stato proprio Rosi a toccare di braccio.

Nel secondo tempo al 55’ giusto rigore assegnato al Parma per un fallo di Roncaglia su Pabon che era girato di spalle al limite del lato lungo dell’area di rigore. Grossa ingenuità per l’argentino. Al 73’ Rosi, dopo una fantastica veronica su Borja Valero, cade in area ma la simulazione è evidente. Cartellino giallo per lui. Netti gli altri 2 rigori assegnati e giusta l’espulsione per Rosi.

Dalle pagelle:

IL MIGLIORE - Viviano. Compie due autentici miracoli, neutralizzando il brutto rigore di Valdes e la zuccata di Amauri, poi non può nulla sul secondo penalty.

IL PEGGIORE - Toni. Dopo la giornata di grazia di domenica scorsa, vive un sabato da incubo: l'episodio del rigore lo paga a carissimo prezzo.



Sullo stesso argomento