thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 07 marzo 2012
  • • 18.30
  • • Stadio Ennio Tardini, Parma
  • Arbitro: N. Rizzoli
  • • Spettatori: 13000
2
FIN
2

Parma-Fiorentina 2-2: Tante emozioni al Tardini, Cerci cambia volto ai viola nel secondo tempo

Dopo il vantaggio gialloblù con Okaka, nella ripresa i viola ribaltano il risultato con i goal di Nastasic e Cerci. Nel finale Giovinco dal dischetto fissa il risultato in parità.

Finisce 2-2 al Tardini il recupero della 23ª giornata di Serie A fra Parma e Fiorentina. Gli emiliani dominano nel primo tempo, che chiudono in vantaggio 1-0 grazie a un goal di Okaka al 28’, ma poi subiscono il ritorno dei viola nella ripresa. La squadra di Delio Rossi riesce a ribaltare il risultato con le reti di Nastasic e Cerci, sebbene alla fine un rigore concesso per una trattenuta del serbo su Giovinco, e trasformato dallo stesso numero 10 emiliano, ristabilisca il risultato di parità.

FORMAZIONI – Donadoni schiera davanti a Mirante tre difensori centrali: Zaccardo, Ferrario e Paletta. A centrocampo Jonathan e Modesto agiscono da esterni, con Valdes, Mariga e Galloppa centrali. Le due punte sono Okaka e Giovinco.

Delio Rossi risponde con una formazione piuttosto abbottonata. Fra i pali c’è sempre Boruc, mentre in difesa esordisce da titolare quest’anno Camporese, che compone il terzetto di centrali assieme a Natali e Nastasic. Centrocampo a cinque, con Cassani a destra, Pasqual a sinistra e in mezzo Behrami, Montolivo e Vargas. Lazzari fa il trequartista alle spalle dell’unica punta, il grande ex Amauri.

PARTITA – Il Parma è determinato a portare a casa i tre punti contro un’avversaria diretta per la permanenza in A e fin dai primi minuti imposta la partita in maniera offensiva. I viola invece si difendono cercando di creare pericoli con le ripartenze.

Al 15' Camporese devia di testa verso la propria porta, rischiando una clamorosa autorete. Al 27' Boruc è attento a respingere un tiro di Okaka. I gialloblù comunque continuano a premere, e la rete è solo questione di tempo e arriva puntuale al 28'.

Giovinco lancia in verticale Okaka, che entra in area e si presenta a tu per tu con il portiere polacco: l'estremo difensore è bravo a respingere la prima conclusione dell'attaccante, ma non può nulla sulla seconda.

Punta nell'orgoglio la Fiorentina cerca la reazione. Al 29' va alla girata al volo Pasqual, con il pallone che si spegne sul fondo sulla sinistra. Passano tre minuti ed è il turno di Cassani, che prova il destro dal limite e mette fuori di poco sulla destra.

Nella ripresa la Fiorentina sembra da subito molto determinata a riacciuffare il risultato. Al 58’ Delio Rossi rompe gli indugi e inserisce Cerci per Camporese, passando di fatto al 4-3-3. Al 61' arriva il pareggio dei viola: punizione dalla destra battuta tesa da Vargas, Nastasic batte sul tempo a centro area Ferrario e infila Mirante da distanza ravvicinata.

Donadoni inserisce Biabiany per Okaka e il Parma, prova a riportarsi in vantaggio. Prima Zaccardo impegna Boruc, poi al 68’ l’occasione per il pareggio capita sui piedi di Giovinco, ma la Formica Atomica trova ancora attentissimo il portiere polacco, che gli dice di no nell’uno contro uno.

A sorpresa è così la squadra viola a portarsi sul 2-1 al 71’. Cerci riceve palla da Pasqual sulla sinistra dell’area gialloblù, e con un diagonale preciso infila per la seconda volta Mirante. Entrano anche Valiani per Ferrario nel Parma, che passa così al 4-3-3, e Marchionni per Amauri nella Fiorentina.

All’85’ Cassani commette una grave ingenuità, strattonando Giovinco all’interno dell’area. L’arbitro Rizzoli decreta il calcio di rigore, che lo stesso numero 10 trasforma calciando sulla destra e spiazzando Boruc. Nel finale c'è spazio anche per Morrone al posto di Galloppa, e per un'azione in contropiede di Lazzari, conclusa con un brutto tiro sul fondo. Al Tardini finisce così 2-2.

CHIAVE – L’ingresso di Cerci nel secondo tempo cambia il volto della Fiorentina, che nella ripresa ribalta il risultato prima di venire raggiunta nel finale su calcio di rigore.

CHICCA – Protesta dei tifosi del Parma all’ingresso in campo delle due squadre: ‘panolada’ alla spagnola, con ampio sventolio di fazzoletti bianchi, per protestare contro i torti arbitrali subiti dalla squadra gialloblù nelle ultime giornate di campionato. La contestazione continua poi nel corso della partita.

MOVIOLA – ‘Giallo’ nel finale di gara. Per un fallo su Giovinco, stretto tra due avversari, inizialmente l’arbitro Rizzoli espelle Behrami, molto nervoso, per doppio giallo, poi però, dopo lunghe consultazioni, ci ripensa, ammonendo invece Nastasic. Proteste viola anche per il rigore concesso al Parma, ma in questo caso sembrano non esserci dubbi sulla trattenuta di Cassani.

TATTICA – Gli emiliani giocano con il consueto 3-5-2. Leggermente diverso lo schema dei viola, con Rossi che opta inizialmente per il 3-5-1-1. Nella ripresa con l’ingresso di Cerci i viola passano al 4-3-3. Lo stesso modulo è adottato nel finale di gara anche da Donadoni.

PROMOSSI&BOCCIATI – Miglior ritorno non poteva esserci per Alessio Cerci, che entra in campo nella ripresa e cambia volto alla squadra, realizzando anche il secondo goal dei viola. Molto bene anche Nastasic, un pilastro in difesa, che ha anche il merito di realizzare di testa l’1-1, e la pecca di trattenere Giovinco in area. Fra i viola brutta la gara di Lazzari e Amauri, mai veramente in partita, mentre nelle fila gialloblù Donadoni dovrà rivedere qualcosa in difesa.



Sullo stesso argomento