thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 16 dicembre 2012
  • • 15.00
  • • Stadio Ennio Tardini, Parma
  • Arbitro: E. Ostinelli
  • • Spettatori: 10797
4
FIN
1

Parma-Cagliari 4-1: Due francesi e un 'Pajarito', mix da tre punti per i ducali

Parma-Cagliari 4-1: Due francesi e un 'Pajarito', mix da tre punti per i ducali

Getty Images

Le reti di Belfodil, Biabiany e Valdes su rigore ribaltano l'iniziale vantaggio di Sau. Torna a vincere il Parma dopo due ko consecutivi, per il Cagliari è invece notte fonda.

Respira Donadoni, affondano Pulga e Lopez. E' questo il borsino di Parma-Cagliari 4-1: i ducali ritrovano i tre punti dopo due ko consecutivi, mentre i sardi allungano l'astinenza da vittorie che dura ormai dal 31 ottobre. Mattatore del pomeriggio il francese Belfodil, autore di due goal e mezzo che riportano il Parma nella top ten.

FORMAZIONI -
Donadoni conferma il tridente e lascia fuori Amauri, al suo posto Belfodil con Biabiany e Sansone. Centrocampo a tre composto da Marchionni, Ninis e Valdes. Difesa a quattro con Benalouane a destra e Gobbi a sinistra, i centrali sono Paletta e Lucarelli. In porta non ce la fa Mirante, spazio a Pavarini.

Dall'altra parte Pulga e Lopez scelgono il 4-2-3-1.  Esordio da titolare sulla fascia sinistra per il talento di casa Murru, che proprio oggi compirà 18 anni. A completare il reparto arretrato ci sono Pisano a destra, Astori ed Ariaudo centrali. In mezzo al campo capitan Conti con Ekdal e Dessena. Davanti Cossu a supporto del tandem Nenè-Sau.

PRIMO TEMPO - I primi 45 minuti del Tardini sono illuminati da una fiammata lunga sessanta secondi. La miccia è accesa da Sau che, servito in profondità da Nenè, beffa Pavarini in uscita con un tocco morbidissimo.

Neanche il tempo di esultare e il Parma riacciuffa il pari: cross di Valdes per la testa di Beldodil che sovrasta tutti e restituisce subito al sorriso ai tifosi di casa.Poco dopo il Cagliari ha addirittura la possibilità di ripotarsi avanti con Astori, ma è soltanto un fuoco di paglia.

 Al Tardini la parola d'ordine è equilibrio. Trovare spazi per le punte risulta molto difficile, e a parte l'intervallo di tempo che va dal 20' al 21' non c'è molto da segnalare in termini di occasioni. Sul fronte infortuni c'è invece da evidenziare l'uscita prematura di Paletta, che va quindi a riempire l'infermeria dei ducali già non proprio vuota in questo periodo.

SECONDO TEMPO - Si inizia con una punizione di Conti che impegna Pavarini e si continua col goal del Parma. Belfodil si inventa un pallonetto pazzesco da posizione defilata, Agazzi fa quel che può e non riesce ad opporsi alla ribattuta sulla linea di Biabiany che di giustezza firma il raddoppio. E' una brutta botta per il Cagliari, che stenta ad organizzare una reazione.

Allora il Parma decide che è arrivato il momento di fare tris. Veloce e concreto il contropiede dei ducali che porta al calcio di rigore, conquistato da Parolo steso in area da Agazzi. Sul dischetto si presenta Valdes: palla da una parte e portiere dall'altra. Pulga e Lopez le provano tutte inserendo Thiago Ribeiro, Naingollan ed Ibarbo, ma putroppo per loro vale la regola che cambiando l'ordine dei fattori il risultato non cambia.

Anzi, cambia a favore del Parma. Nel finale, infatti, uno scatenato Belfodil firma la sua personale doppietta e cala il definitivo poker.

CHIAVE - Nella ripresa il Parma entra in campo con più convinzione e voglia di vincere. ll Cagliari resta troppo schiacciato e patisce l'assenza di una punta di peso. Dall'altra parte, invece, c'era Belfodil che il peso lì davanti lo ha dato eccome.

MOVIOLA - Gara dura e non facile per Ostinelli, che comunque è riuscito a gestirla abbastanza bene. A velocità normale il rigore su Parolo sembra netto, qualche dubbio invece rivedendolo al replay con Agazzi che probabilmente non tocca così nettamente il centrocampista ducale.

Dalle pagelle:

IL MIGLIORE - Belfodil. Partita fenomenale del francesino. Pareggia i conti con un stacco perentorio, favorisce il goal di Biabiany con un pallonetto d'autore e chiude in bellezza con un goal da grande attaccante. La somiglianza con Benzema è sempre più evidente...

IL PEGGIORE - Ariaudo. Pesce fuor d'acqua. Soffre lo strapotere di Belfodil e non riesce mai a giocare d'anticipo.

Sullo stesso argomento