thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 30 marzo 2013
  • • 15.00
  • • Stadio Renzo Barbera, Palermo
  • Arbitro: G. Calvarese
  • • Spettatori: 17000
2
FIN
0

Palermo-Roma 2-0: Ilicic e Miccoli fanno risorgere i rosanero, crolla la Lupa

Una brutta Roma è stata sconfitta per 2-0 dal Palermo al 'Barbera': di Ilicic e Miccoli le segnature dei rosanero.

Lo avevano detto in tanti, sia calciatori che addetti ai lavori. Le sorti del Palermo, in questa stagione disperata, sarebbero dipese esclusivamente da Fabrizio Miccoli e Josip Ilicic. Il Romario del Salento, recuperato e schierato dal primo minuto, incanta e concretizza. Lo sloveno lo segue nel festival delle emozioni. Potrebbe non servir a nulla, ma i siciliani rispondono alle critiche e contestazioni di tifosi e Presidente con una vittoria preziosa e prestigiosa. Il malato grave è guarito?

Si complica intanto la situazione della Roma, nella settimana che porterà al derby: un brusco stop che rende ancor più difficile la corsa dei giallorossi verso l'Europa.
 
FORMAZIONI - Giuseppe Sannino recupera il Capitano Fabrizio Miccoli e lo schiera in campo sin dal primo minuto. Al suo fianco lo sloveno Josip Ilicic. Altro recupero illustre per i rosanero è quello di Dossena. Il modulo di gioco è il 3-5-2 con il ritorno di Donati a centrocampo. Andreazzoli si affida a Totti, nei suoi 20 anni di Serie A, come unica punta nel suo 3-4-2-1. Dietro di lui Lamela e Florenzi. Parte dalla panchina Osvaldo.
 
PRIMO TEMPO - Parte fortissimo il Palermo nei primi quarantacinque minuti di gioco. I rosanero, alla disperata ricerca di punti in quella che è stata definita l'ultima spiaggia, colpiscono una traversa con il Romario del Salento dopo soli sette minuti. Il capitano batte di destro con l'estremo difensore giallorosso immobile. La Roma si vede qualche minuto più tardi con una punizione di Totti. Ma i siciliani continuano a provarci fino a trovare il goal con Josip Ilicic che, con un sinistro, dopo un super assist del rinato Miccoli, batte Stekelenburg. Un minuto più tardi ancora i rosanero colpiscono un palo con Kurtic. A dieci minuti dal termine Miccoli punisce ancora la Roma: 2 a 0. Nella prima frazione di gara la compagine di Andreazzoli non riesce ad imporsi a centrocampo. Di contro grandissima prova d'orgoglio dei ragazzi di mister Sannino. I capitolini usciranno, con una timida reazione, soltanto nel finale.
 
SECONDO TEMPO - La ripresa si apre con gli ingressi in campo di Osvaldo e Pjanic rispettivamente al posto di Perrotta e Tachtsidis. Le mosse di Andreazzoli rianimano la Roma che si fa viva fin dai primi minuti impegnando in diverse occasioni Sorrentino. Sannino risponde con Dybala al posto dello scatenato Fabrizio Miccoli, protagonista indiscusso della prima frazione di gara. Poi nel corso del match, l'ex tecnico del Siena manderà in campo anche Faurlin e Santiago Garcia. Sicuramente è una Roma diversa e più pericolosa che ci proverà fino al triplice fischio finale con tutte le sue risorse, da Lamela a Osvaldo neutralizzati dall'ex portiere del Chievo. Dopo ben cinque minuti di recupero, Calvarese fischia e si arrende la Roma, forse sorpresa da un Palermo dato da tutti per deceduto.
 
CHIAVE - Il recupero di Fabrizio Miccoli potrebbe risultare la chiave di volta del finale di campionato per i rosanero e non soltanto di questa partita. Frizzante e superbo, oggi il capitano del Palermo ha confezionato un assist delizioso per l'1 a 0 e siglato in gran stile il raddoppio nel primo tempo, colpendo anche una traversa. E' la sua giornata e magari potrebbe rivelarsi l'asso nella manica di Sannino per mettere a segno quella che resterebbe nella storia come l'impresa siciliana.
 
MOVIOLA - Direzione di gara tutto sommato buona da parte del signor Gianpaolo Calvarese di Teramo. I padroni di casa protestano soltanto al quarto minuto quando nell'area di rigore della Roma succede un po' di tutto con una serie di batti e ribatti e con i rosanero che reclamano la concessione di un penalty a loro favore. Ad inizio ripresa qualche protesta di Ilicic sanzionata dall'arbitro con un cartellino giallo.

Dalle Pagelle:

IL MIGLIORE - Ilicic. Prestazione maiuscola la sua, per noi il migliore. Segna, colpisce un palo e gioca alla grande per tutto l'arco dell'incontro. Il suo difetto? Non giocare sempre in questo modo.

IL PEGGIORE - Tachtsidis. Brutta partita del centrocampista greco, dopo una buona prestazione in casa con il Parma. Sbaglia tutti i palloni che tocca e il suo match dura solo 45 minuti.

Sullo stesso argomento