thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 09 dicembre 2012
  • • 15.00
  • • Stadio Renzo Barbera, Palermo
  • Arbitro: A. De Marco
  • • Spettatori: 17000
0
FIN
1

Palermo-Juventus 0-1: Ritorno con vittoria per Conte, decide Lichsteiner in avvio di ripresa

La Juventus espugna Palermo grazie ad un goal siglato dal terzino svizzero. Il campo estremamente pesante ha condizionato il regolare svolgimento del secondo tempo.

La Juventus esce vittoriosa dal Barbera grazie ad una prestazione solida e di carattere. Vucinic illumina la scena con delle giocate di alta classe, Pirlo dirige l'orchestra con grande precisione e maestria. I bianconeri avrebbero potuto chiudere la gara con un punteggio molto più largo ma a causa della solita imprecisione sotto porta il risultato resta risicato. Per il Palermo di Gasperini un passo indietro sul piano del gioco, Miccoli è troppo isolato e non riesce a rendersi pericoloso. Per i rosaneri è la seconda sconfitta stagionale al Barbera.

FORMAZIONI - Gasperini manda in campo un 3-5-1-1 con Miccoli unica punta, a sostegno dell'attaccante leccese c'è Ilicic. In mezzo al campo spazio per Morganella,Barreto e Kurtic, Pisano e Garcia giocano larghi sugli esterni. Nella difesa a tre c'è ancora Donati, assieme a Munoz e Von Bergen. Conte ritorna in panchina dopo la squalifica ma non cambia modulo, sempre il 3-5-2. Giovinco è squalificato, dunque affianco di Vucinic gioca Matri. Anche a centrocampo tutto confermato con Lichtsteiner e Asamoah sugli esterni, Marchisio,Pirlo e Vidal in mezzo.

PRIMO TEMPO - Nei primi minuti le due squadre si studiano, la Juventus cerca di far circolare il pallone ma il Palermo è sempre molto reattivo e pronto a ripartire. Soprattutto in mezzo al campo i rosanero agiscono con grande efficacia, mettendo in difficoltà la mediana bianconera. La prima occasione degna di nota arriva dopo 10 minuti, quando,dopo una serie di rimpalli, Matri sfiora il gol con un tocco sotto ma Ujkani riesce a recuperare il pallone in tempo. Il Palermo si fa vedere dalle parti di Buffon con una conclusione di Kurtic dalla distanza e poi con un'iniziativa di Ilicic, ben bloccata da Barzagli. Il Palermo sembra essere più reattivo, mentre la Juventus è un po' farraginosa e non riesce ad esprimersi con grande fluidità.

Le cose iniziano a cambiare intorno alla mezz'ora del primo tempo, quando la Juventus comincia a spingere con maggiore efficacia. Al 36' la squadra di Conte sfiora il gol del vantaggio: gran cross di Vidal, sponda di petto di Matri per l'accorrente Marchisio, il tiro del centrocampista della nazionale viene deviato e successivamente Vucinic prova a toccarlo in rete ma colpisce il palo. Il Palermo si salva ma gli ultimi dieci minuti del primo tempo sono tutti di marca bianconera. Matri sfiora il gol al 41' dopo un bell'assist di Vidal ma Ujkani si salva con una grande uscita. Le due squadre vanno negli spogliatoi sullo 0-0 dopo un primo tempo sostanzialmente equilibrato, anche se la squadra di Conte ha creato le occasioni più pericolose.

SECONDO TEMPO - Nella ripresa il campo diventa veramente pesante, a causa della grandinata nell'intervallo, e giocare in alcune zone del rettangolo del Barbera diventa davvero difficile, a causa della presenza di pozzanghere. La Juventus parte subito forte e dopo neanche un minuto colpisce un palo con Mirko Vucinic, sfortunato il montenegrino che aveva indirizzato bene la traiettoria del tiro. Il palo, però, è solo il preludio al gol e tre minuti dopo la Juventus passa in vantaggio con un gol di Lichtsteiner. Lo svizzero viene servito alla perfezione da Vucinic con un gran colpo di tacco. I bianconeri sembrano in completo controllo della gara, con il Palermo costretto nella propria metà campo, incapace di ripartire con efficacia. La squadra di Conte crea un altro paio di occasioni pericolose con Matri, che però non riesce ad inquadrare lo specchio della porta.

Le due squadre, anche a causa del campo molto pesante, abbassano i ritmi. Arrivano i primi cambi, nella Juventus entrano Padoin e Pogba, al posto di Vidal e Lichtsteiner. Nel Palermo c'è l'ingresso di Dybala al posto di Donati, Gasperini vuole una squadra tutta a trazione anteriore. L'ingresso di Pogba nella Juventus è molto prezioso, il centrocampista francese vince tutti i contrasti in mezzo al campo e permette alla Juventus di ripartire spesso in contropiede. Il Palermo si fa vedere dalle parti di Buffon con un tiro a giro di Dybala che finisce largo.

Arrivano anche gli ultimi due cambi, nel Palermo dentro Viola per Kurtic, nella Juventus dentro Bendtner per Matri. L'attaccante danese ha subito una buona occasione ma calcia largo su assist di Vucinic. La Juventus crea molte occasioni ma non riesce a chiudere la partita, Bonucci e Vucinic sprecano in malo modo a tu per tu con il portiere. Il Palermo negli ultimi 5 minuti prova un disperato forcing, ma anche a causa dell'inferiorità numerica per l'espulsione di Morganella, non riesce a trovare il gol del pareggio. Al Barbera finisce 0-1 per la Juventus, Conte torna sulla panchina e ritrova subito la vittoria, per il Palermo arriva la seconda sconfitta interna del campionato.

LA CHIAVE- Partita monumentale di Andrea Pirlo. Anche su un campo molto pesate, non certo adatto alle sue caratteristiche tecniche, il centrocampista della Juventus detta i tempi alla sua squadra in modo impeccabile e risulta molto prezioso anche in fase di interdizione.

MOVIOLA- De Marco conduce bene la gara, giusta la decisione di annullare per fuorigioco la rete di Miccoli nel primo tempo. Perfetto anche sulla doppia ammonizione di Morganella, poi espulso. L'unica pecca è rappresentata da un tocco di braccio di Pirlo al limite dell'area non visto, in quel caso era giusto assegnare una punizione al Palermo.

Dalle pagelle:

IL MIGLIORE - Vucinic. Il migliore in campo. Fa salire sempre la squadra, è il punto di riferimento per i suoi compagni. L'assist di tacco per Lichtsteiner è un qualcosa di sublime.

IL PEGGIORE - Morganella. Non entra mai in partita e tanto per concludere in bellezza si fa ammonire la seconda volta (abbastanza ingenuamente) lasciando la sua squadra in 10 uomini.

Sullo stesso argomento