thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 02 settembre 2012
  • • 20.45
  • • Stadio San Paolo, Napoli
  • Arbitro: A. Damato
  • • Spettatori: 40000
2
FIN
1

Napoli-Fiorentina 2-1: Hamsik-Dzemaili, il Ciuccio vola... sulla 'spiaggia' del San Paolo

Successo azzurro grazie alle reti di Marek Hamsik e Blerim Dzemaili, inutile il 2-1 viola firmato Jovetic a 3 minuti dalla fine. Campo in pessime condizioni.

Alla prima apparizione in campionato al San Paolo, il Napoli trova la vittoria in una partita molto combattuta, contro una Fiorentina in crescita. Mazzarri indovina il cambio di Inler per Behrami mettendo in discesa il match, sbloccato col solito Hamsik di testa su punizione. Sono quindi 6 i punti in due partite con 5 goal all'attivo: i partenopei si candidano subito come anti-Juve per la rincorsa allo scudetto.

Montella e i tifosi viola incassano una sconfitta che però non porta solo lati negativi: la squadra offre bel gioco nel primo tempo e gli spunti dei singoli ci sono eccome, a partire da Jovetic che c'entra di nuovo il goal dopo la doppietta ammazza-Udinese. Ospiti che pagano nel secondo tempo l'agonismo di inizio partita e vengono tramortiti dall'1 a 0; il raddoppio partenopeo innescherà poi la reazione che porta alla rete di 'Jo-Jo', peraltro inutile ai fini del risultato.

FORMAZIONI - Mazzarri schiera gli azzurri secondo il classico 3-5-1-1: Dossena e Pandev sono ancora squalificati, l'allenatore toscano si affida a Cannavaro, Britos e Campagnaro dietro, a centrocampo rientra Zuniga, Dzemaili subentra ad Inler; attacco affidato a Cavani, fresco di rinnovo, e Lorenzo Insigne, che mette piede al San Paolo per la prima volta in campionato.

Montella schiera a specchio la propria squadra: la difesa, orfana di Nastasic, è formata da Roncaglia, Tomovic e Rodriguez. A centrocampo l'assente di turno è Aquilani, spetta a Pizarro impostare le geometrie dei fiorentini; in attacco Jovetic e El Hamdaoui, Toni non convocato.
 
PRIMO TEMPO - Passano 30 secondi e Jovetic entra in area mandando a vuoto il diretto marcatore con il tacco, è allora De Sanctis che ferma sul più bello il fantasista. I ritmi non sono bassi, già dai primi minuti Zuniga attacca la propria fascia provando più volte a pescare Cavani sul secondo palo, come avviene all'8'; tre minuti e sull'altro fronte El Hamdaoui prova da fuori area il tiro, non centrando la porta.

La Fiorentina gioca bene palla a terra e le incursioni sulle fasce regalano calci d'angolo, il Napoli tiene il baricentro leggermente basso e soffre sugli spunti avversari. Al 19' Insigne prova la ripartenza in solitaria e brucia due avversari, venendo poi 'murato' dal terzo, ma è la Viola, poco dopo, a sfiorare di poco il goal: Cuadrado prende palla e fa partire un tiro da fuori area, sfiorando di poco l'angolo sinistro della porta del Napoli.

La partita diventa più equilibrata col Napoli che cerca di avanzare e la Viola che cerca più volte lo spunto con Jovetic. Cuadrado mette più volte in difficoltà Zuniga, più incline ad attaccare che a difendere. El Hamdaoui cerca di nuovo il tiro mancando di nuovo lo specchio al 35', mentre Insigne, in contropiede, fa prendere un giallo a Roncaglia, che è costretto a fermarlo fallosamente dopo aver subìto un sombrero, molto applaudito dal San Paolo. Il primo tempo termina con i partenopei in attacco che però non riescono a trovare la conclusione.

SECONDO TEMPO - La partita continua come nel primo tempo, Fiorentina che cerca la manovra, Napoli che prova la ripartenza ma in difficoltà. Mazzarri cerca di dare una scossa ai suoi facendo entrare Inler al posto di un Behrami poco capace di far ripartire l'azione. La scossa arriva al 10', ma in maniera inaspettata: punizione dalla sinistra di Insigne, palla scodellata sulla testa di Hamsik che indirizza in porta con deviazione di Valero determinante, Viviano va fuori tempo e incassa il goal.

La Fiorentina accusa il colpo e comincia a sentire la fatica, gli azzurri prendono forza e si ricompattano chiudendo gli spazi. Ljajic rileva uno stanco El Hamdaoui. I padroni di casa fraseggiano, Cavani triangola con Hamsik e va in porta, carica il tiro ma viene anticipato sul più bello guadagnando l'angolo che porta al 2 a 0. Inler mette in mezzo, la palla schizza fuori e arriva a Dzemaili, che controlla e scaraventa in porta, Viviano non può nulla.

Jovetic abbozza una reazione provando il tiro da fuori, al 35' Roncaglia da fermo non impensierisce De Sanctis. Dopo alcune conclusioni non andate a buon fine, la Fiorentina trova il 2 a 1 con uno splendido goal di Jovetic su tiro a girare da fuori. La partita, pur riaperta, non offre altre emozioni e il risultato non cambia fino alla fine.

LA CHIAVE - Il Napoli porta a casa una partita che nel primo tempo si era messa in salita grazie al possesso palla viola. Il goal che sblocca la partita arriva su punizione e Mazzarri ci mette del suo inserendo Inler al posto di Behrami: l'ex fiorentino non riesce a far ripartire l'azione ed il numero 88 partenopeo dimostra subito di saper far girare il pallone con ordine compattando la squadra. Il raddoppio di Dzemaili metterà poi in ghiaccio la partita.

Gli ospiti giocano un'ottima prima frazione di gara, ma non trovano mai realmente la porta. Nel secondo tempo si svegliano solo dopo il 2-0 avversario con l'ennesima magia di Jovetic, non riuscendo però ad aggiustare il match.

MOVIOLA - Partita molto tranquilla per la squadra arbitrale: pochi gialli e qualche fuorigioco fischiato in maniera giusta.

Dalle pagelle:

IL MIGLIORE - Jovetic: E' il faro dei viola, l'uomo capace di accendere la lampadina in qualsiasi momento. Si prende una pausa di venti minuti nella ripresa, ma è suo il goal che riapre il match all'87'.

IL PEGGIORE - Behrami: Prova opaca dell'interno, voluto fortemente da Mazzarri in estate. Esce nella ripresa e il Napoli si sveglia...

Sullo stesso argomento