thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 18 maggio 2014
  • • 20.45
  • • Stadio Giuseppe Meazza, Milano
  • Arbitro: P. Valeri
  • • Spettatori: 38119
2
FIN
1

Milan-Sassuolo 2-1: Subito Muntari e De Jong, ma l'Europa sfuma

Il Milan batte il Sassuolo 2-1 con le reti di Muntari e De Jong nel primo tempo, ma l'Europa League sfuma. Inutile la rete di Zaza su rigore nel finale.

Il Milan chiude bene la stagione davanti al proprio pubblico, battendo 2 a 1 il Sassuolo, anche se il sogno Europa League sfuma per la contemporanea vittoria del Parma. A San Siro sblocca Muntari dopo appena due minuti, raddoppia De Jong e nel finale Zaza su rigore rende meno amara la sconfitta.

Il Milan chiude all’ottavo posto e “salva” almeno il cammino della Coppa Italia; proprio così, perché i rossoneri non saranno costretti a giocare il turno preliminare a metà agosto. Slitta l’esordio del giovanissimo Hachim Mastour, mentre si rivede El Shaarawy autore di una buona prova. Ed ora, in casa Milan, si aspetterà la prossima settimana per decidere il futuro di Seedorf.

FORMAZIONI - Seedorf ripropone il modulo di Bergamo, ovvero il 4-3-2-1. In porta davanti ad Abbiati ci sono De Sciglio e Constant sulle corsie laterali con la coppia francese Rami-Mexes centrali. I tre di centrocampo sono Montolivo, De Jong e Muntari, mentre Kakà e Taarabt supportano Pazzini, preferito a Balotelli. Panchina per El Shaarawy e per il giovanissimo Hachim Mastour, classe 1998.


Sull’altra sponda, Di Francesco, che ha ottenuto domenica una storica salvezza, risponde con il solito 4-3-3. Berardi, Zaza e Sansone sono i tre terminali offensivi, mentre Pomini va in porta al posto di Pegolo.

PRIMO TEMPO - Passano appena due minuti e Muntari lascia partire un bolide di sinistro dal limite, che colpisce il palo ed entra in rete alle spalle di Pomini. L’immediato vantaggio rossonero dà tranquillità alla squadra di Seedorf, anche se al 9’ è graziata dal clamoroso errore di Ariaudo che da ottima posizione calcia alto, divorandosi la palla del possibile pareggio. Ma è un fuoco di paglia, perché il Milan vuole chiudere bene la stagione e prima Pazzini, poi Taarabt impegnano Pomini con due conclusioni dalla distanza.

Al 21’ il Milan raddoppia, ma la bandierina dell’assistente di Valeri è alzata ed il goal è annullato. Rami calcia dalla distanza, Pazzini spalle alla porta si gira in una frazione di secondo e lascia partire un sinistro che si infila sotto l’incrocio. Grande gesto tecnico, peccato però che il rossonero era davanti ai difensori del Sassuolo. Ma sei minuti dopo (27’) De Jong calcia di potenza dal limite su punizione, trovando la deviazione in barriera di Zaza, che sorprende Pomini e si infila in rete.

E’ il secondo goal consecutivo a San Siro per il centrocampista olandese, che va ad abbracciare Seedorf in panchina. Il 2-0 e i risultati dai campi di Firenze e Parma, spingono il Milan alla ricerca del terzo goal, ma Kakà non inquadra lo specchio della porta in due occasioni.

SECONDO TEMPO - Parte meglio il Sassuolo ed al 55’ serve uno straordinario Rami che salva in scivolata su Zaza, che era pronto a calciare a rete. Il Milan soffre ed anche le notizie dagli altri campi (vantaggio di Amauri e pareggio del Torino n.d.i) fanno sì che i rossoneri abbassino il ritmo. Seedorf si gioca la carta El Shaarawy, e lo stesso faraone tenta il destro a giro dal limite, con Pomini bravo a respingere. Al 68’ Milan che resta in dieci per l’espulsione di Mexes, che stende al limite Berardi e si becca il secondo giallo. Seedorf inserisce anche Balotelli per Kakà, mentre Di Francesco getta nella mischia Masucci al posto di Cisbah.

Nell’ultimo quarto d’ora succede di tutto…Il Sassuolo va a segno con Zaza, ma la posizione del giocatore emiliano è irregolare e l’assistente annulla, poi Pazzini sfiora il tris con una conclusione da dentro l’area. A cinque dal termine, espulso Cannavaro per un fallo su El Shaarawy, ma la decisione di Valeri è esagerata. Lo stesso arbitro al 90’ prende un abbaglio clamoroso espellendo De Sciglio, che prende il pallone e non tocca l’avversario, concedendo un rigore al Sassuolo, che Zaza trasforma per il definitivo 2-1.

LA CHIAVE - Il Sassuolo, arrivato a Milano in “vacanza-premio”, non ha nulla da chiedere e lascia giocare i rossoneri, che vogliono chiudere bene davanti ai propri tifosi. Sicuramente il vantaggio di Muntari dopo appena due minuti spiana la strada ai rossoneri, anche se il Sassuolo, specialmente nella ripresa, ha provato ad alzare il ritmo.

MOVIOLA - Scandalosa la prova di Valeri, che va in “palla” specialmente nel finale. Esagerata l’espulsione di Cannavaro, ed anche il rigore concesso al Sassuolo più il rosso a De Sciglio sono due gravissimi errori. Giusto il rosso per doppia ammonizione a Mexes ed i due goal annullati.

Dalle Pagelle:

IL MIGLIORE - Nigel De Jong. Conferma il suo ottimo periodo gestendo con grande personalità la mediana rossonera. La fortuna lo premia in occasione del raddoppio, chiude il match da terzino e non sfigura.

IL PEGGIORE - Domenico Berardi. Non incide come nel match d'andata: fatica a trovare gli spazi giusti e perde anche molti brutti palloni, innescando le ripartenze avversarie.

Sullo stesso argomento