thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 16 aprile 2011
  • • 20.45
  • • Stadio Giuseppe Meazza, Milano
  • Arbitro: D. Celi
  • • Spettatori: 51000
3
FIN
0

Milan-Sampdoria 3-0: Niente scampo per i blucerchiati a San Siro! Il Diavolo cala il tris con Sedoorf, Cassano e Robinho!

Milan-Sampdoria 3-0: Niente scampo per i blucerchiati a San Siro! Il Diavolo cala il tris con Sedoorf, Cassano e Robinho!

Seedorf apre le danze con un gran calcio di punizione nel primo tempo. Nella ripresa trovano il goal anche il grande ex Antonio Cassano e il brasiliano Robinho.


Il Milan vince ancora e si conferma prima solitaria. Per i rossoneri una buona partita sbloccata da Seedorf e chiusa nella ripresa con una certa facilità Note negative gli infortuni di Abbiati e Pato. Per la Samp l’ennesima sconfitta di questo orribile 2011. I blucerchiati ora rischiano veramente una clamorosa retrocessione.

FORMAZIONI
– Senza lo squalificato Ibrahimovic il Milan ritrova la coppia brasiliana Pato Robinho. Conferma per Boateng trequartista, per Seedorf nei tre di centrocampo e di Van Bommel davanti alla difesa. Al fianco di Thiago Silva c’è Yepes.  Nella Samp attacco di ex giovani rossoneri, Pozzi, Maccarone. Manca Mannini squalificato, sulle fasce giocano Laczko e Dessena. In difesa non c’è Lucchini, al suo posto gioca Martinez con Volta e Gastaldello.

PARTITA – Milan tutto in avanti, Samp tutta indietro. Sembrano passi di un ballo di gruppo ed invece è l’atteggiamento delle due squadre condizionate da obiettivi totalmente diversi. La squadra di Allegri pressa molto ed attacca con ostinazione. Una mezza occasione per Pozzi e poi, al 20’, gli sforzi rossoneri vengono ripagati da una super punizione di Seedorf. Palla in rete e Milan in vantaggio. I blucerchiati iniziano così a giocare un po’ più scoperti e con la voglia di creare qualche azione. Fanno fatica, non ci riescono e la palla è quasi sempre nei piedi dei giocatori del Milan. Si fa male Pato, si era fatto male Abbiati. Entrambi costretti ad uscire rendono meno bello il primo tempo rossonero. La ripresa inizia con una bella occasione per Robinho che, come già capitatogli più volte in stagione, sbaglia solo davanti al portiere. Al 54’ fallo di mano di Volta in area, calcio di rigore e trasformazione di Cassano. Due a zero Milan. Passano otto minuti e Cassano ritorna uomo assist, ne fornisce un altro al volo a Robinho che questa volta non sbaglia e mette, di testa, la palla alle spalle di Curci. Il resto della partita serve solo a sancire la superiorità del Milan e l’impotenza della Samp. Arrivano un paio di occasioni per Cassano ma non altri goal.

CHIAVE – La punizione di Seedorf indirizza la partita e fa sì che il Milan possa avere un po’ di spazi. Senza la rete in avvio per i rossoneri sarebbe stato molto più difficile abbattere il muro blucerchiato.

CHICCA – Si dice che i guai della Samp sono dovuti dalle partenze di Pazzini e Cassano. La cosa è verissima e se il barese si mette anche a punirla quando ci gioca contro la cosa si fa ancora più crudele.

TATTICA
– Milan proiettato in avanti con un Boateng libero di spaziare da destra a sinistra. Terzini molto alti e, dopo l’uscita di Pato, attacco tutta tecnica con Robinho prima punta. Samp molto coperta. Gli esterni aiutano in difesa e raramente attaccano. Pozzi e Maccarone sono molto soli.

MOVIOLA – Dubbio il fallo di Volta su Boateng che porta alla punizione vincente di Seedorf . Sembra sfondamento. Netto il fallo di mano in occasione del rigore. Forse Yepes sbilancia un po’ l’avversario.
 
PROMOSSI&BOCCIATI – Cassano (Voto 7) assist e gol. Una partita alla Cassano versione Samp proprio nella serata che lo vede giocare contro la sua ex squadra. Impossibile trovare un bocciato nei rossoneri. Stessa difficoltà in casa Samp, ma questa volta impossibile da trovare è un promosso. La squadra appare allo sbando ed incapace di reagire. Maccarone (Voto 5)  e Pozzi (Voto 5) sono l’emblema di una squadra che non è più quella di pochi mesi fa.

Sullo stesso argomento