thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 15 febbraio 2013
  • • 20.45
  • • Stadio Giuseppe Meazza, Milano
  • Arbitro: D. Massa
  • • Spettatori: 33077
2
FIN
1

Milan-Parma 2-1: Il Diavolo veste Balotelli, quarto goal e terzo posto da Champions

Primi 45 minuti molto equilibrati, poi un'autogoal di Paletta facilita il compito ai rossoneri che nella ripresa chiudono i conti grazie ad una splendida punizione di Balotelli.

Il Milan supera anche l'esame Parma grazie ad un'autogoal di Paletta e ad una superba punizione di Balotelli che permettono quindi ai rossoneri di superare momentaneamente l'Inter e agganciare al terzo posto la Lazio. Per gli uomini di Donadoni invece c'è una battuta d'arresto in ottica Europa League, che rischia di allontanarsi ulteriormente.

FORMAZIONI- Mercoledi a San Siro arriva il Barcellona ed Allegri lascia a riposo el Shaarawy inserendo Boateng nel trio d'attacco. Confermato sulla fascia destra, dopo l'ottima prestazione di Cagliari, De Sciglio. Nel Parma torna tra i titolari Nicola Sansone che agisce, assieme ad Amauri e Biabiany, sul fronte d'attacco. Parte dalla panchina dunque Ishak Belfodil.

PRIMO TEMPO - I gialloblù partono decisamente meglio dei rossoneri mettendoli praticamente alle corde almeno per quanto riguarda i minuti iniziali, di stampo parmense appunto. La prima occasione scaturisce da un colpo di testa all'indietro effettuato da Yepes che mette, non poco, in difficoltà Abbiati che con un colpo di reni riesce a deviare in corner. Sull'azione susseguente è Paletta a mettere i brividi alla Curva Sud: il suo tiro-cross attraversa pericolosamente l'area piccola per poi spegnersi a pochi centimetri dal palo.

Il Milan non c'è, e Amauri poco dopo colpisce di testa su corner trovando la pronta risposta di Abbiati. I rossoneri non riescono a rendersi pericolosi tranne quando Boateng scatta ottimamente in posizione regolare e mette in mezzo dalla sinistra un pallone che Niang non riesce a ribadire in rete a causa forse, di una spinta di Mesbah.

Proprio quando il primo tempo sembrava concludersi senza goals, succede l'impensabile: Boateng batte rasoterra una punizione che Paletta, anticipando maldestramente Pavarini in scivolata, trasforma in rete regalando il vantaggio al Milan che, fino ad allora, aveva rischiato più volte di soccombere alle avanzate avversarie.

SECONDO TEMPO - Nei secondi 45 minuti le parti si invertono ed è il Milan a fare la partita. Allegri sposta Boateng dietro il duo d'attacco formato da Balotelli e Niang e la mossa produce fin da subito gli effetti sperati: il ghanese riesce a dare il meglio di sè in quella posizione e va vicino al goal del raddoppio in due circostanze, ottimamente servito da Mario Balotelli.

Boateng esce al minuto 65 per far spazio a Bojan ma la musica non cambia e il Milan mette alle corde gli avversari: Nocerino prova il pallonetto dai 40 metri con Pavarini fuori dai pali ma non inquadra la porta; poco dopo però il goal arriva grazie ad una magistrale punizione di Balotelli che fa passare il pallone sopra la barriera rendendo di fatto vano il tentativo di parata dell'estremo difensore del Parma.

I rossoneri non si accontentano e cercano con insistenza il goal del 3-0 che non arriva nel finale solo grazie a Pavarini che sventa con un grande intervento la minaccia portata da un siluro da fuori area di Montolivo. A pochi secondi dal termine i gialloblù rendono meno amara la sconfitta con Sansone, che sfrutta al meglio un assist di Biabiany e da due passi non ha problemi a battere Abbiati. Su questo episodio si chiude di fatto il match.

CHIAVE - L'episodio che ha cambiato l'inerzia della gara è senza dubbio lo sciagurato autogoal di Paletta che, proprio a pochi minuti dal termine del primo tempo, ha regalato il vantaggio al Milan ed ha indirizzato la gara verso un binario preciso. La mossa di Allegri che fa giocare Boateng come trequartista ha poi contribuito in maniera decisiva a migliorare le trame di gioco dei suoi che in seguito sono riusciti a trovare il goal della sicurezza con Balotelli.

MOVIOLA - Il Milan protesta per una presunta spinta in area di Mesbah ai danni di Niang nel primo tempo: le immagini non chiariscono i dubbi ma il rigore poteva starci. Meritava il giallo, sempre nel primo tempo, una "scoppola" che Coda (volontariamente o meno) rifila a Balotelli provocandogli una vistosa ferita sulla guancia destra.

Dalle pagelle:

IL MIGLIORE - Balotelli. Coda e compagni gli rendono la vita difficile a suon di botte. Lui si ribella un pò, ma poi nel secondo tempo risponde nella maniera migliore: con la splendida punizione che chiude il match. Un fattore, da Champions.

IL PEGGIORE - Paletta. E pensare che oggi è il suo compleanno. Il povero difensore argentino lo festeggia con un autogal ed un bel "Vaffa.." correlato da Ghirardi in tribuna. Auguri.


Sullo stesso argomento