thumbnail Ciao,
Diretta Live

Serie A

  • 02 novembre 2013
  • • 20.45
  • • Stadio Giuseppe Meazza, Milano
  • Arbitro: P. Mazzoleni
  • • Spettatori: 44261
0
FIN
2

Milan-Fiorentina 0-2: Diavolo in crisi, Vargas e Valero non perdonano

La squadra di Allegri costringe i viola sulla difensiva per larga parte del primo tempo, ma gli ospiti passano su punizione con Vargas e raddoppiano nella ripresa con Borja Valero.



Disfatta Milan. I rossoneri crollano in casa 2-0 contro la Fiorentina, escono fra i fischi assordanti del proprio pubblico e Galliani abbandona lo stadio dopo il 2 a 0 di Borja Valero al 73’. Un Milan senza idee, senza gioco, con un allenatore che non riesce a dare un’identità a questa squadra, che al 2 Novembre non ha più niente da chiedere al campionato...

Da segnalare che al triplice fischio finale, i giocatori rossoneri hanno provato ad andare sotto la curva, ma sono stati subissati dai fischi ed hanno deciso di rientrare negli spogliatoi. Destinata a saltare, se non già da questa sera - ma probabilmente entro la prossima settimana (si potrebbe aspettare la sosta) - la panchina di Allegri, allenatore che in 3 anni e mezzo non è mai riuscito a dare un volto al Milan.

Bocciato anche Balotelli. Prova incolore, ma soprattutto l'attaccante si becca l’ennesimo cartellino giallo per un’ingenuità, che gli farà saltare la trasferta contro il Chievo Verona. Prova di forza della Fiorentina, che senza tre pezzi da 90 (Cuadrado, Gomez e Pizarro) domina a San Siro.

FORMAZIONI - Allegri perde nuovamente De Sciglio e dà nuovamente fiducia a Constant sulla corsia sinistra dopo la prova disastrosa di Parma. In porta spazio ancora al brasiliano Gabriel, con Abbiati non al meglio che siede in panchina. A centrocampo Muntari vince, almeno inizialmente, il duello con Poli, e in attacco al fianco di Balotelli ci sono Kakà e Birsa.

Montella, oltre a Gomez, perde Pizarro e non ha a disposizione nemmeno Cuadrado fermato dal giudice sportivo. Confermato il 4-3-3 con Rossi che in attacco è supportato da Vargas e dal giovane Matos.

PRIMO TEMPO - Inizia meglio il Milan che al 7’ registra il primo tiro del match: Muntari dalla distanza calcia alto. La gara è equilibrata sin dall’inizio anche se al 14’ Matos salta con facilità Zaccardo, prova a servire Rossi, ma è provvidenziale Gabriel in uscita bassa a deviare il pallone. Sul capovolgimento (17’) e sugli sviluppi di un corner, Zapata di testa anticipa tutti ma manda alto.

Al 27’ la Fiorentina passa in vantaggio a sorpresa: fallo inutile di Muntari su Matos fuori area, Borja Valero tocca per Vargas, il cui sinistro è deviato da Muntari in barriera e finisce alle spalle di Gabriel. Dopo il goal subito il Milan non riesce a reagire, e San Siro inizia a fischiare.

Al 34’ applausi per Ambrosini che lascia il campo per infortunio; al suo posto entra Vecino. Nel finale di gara (45’), Balotelli entra in area e si lascia cadere cercando di beffare l’arbitro Mazzoleni che lo grazia dal giallo. Fischi al Milan da parte dei propri tifosi.

SECONDO TEMPO - Passano due minuti e Birsa ci prova dal limite, con la difesa viola che devia in angolo. Al 55’ Mazzoleni grazia Aquilani che, ammonito pochi istanti prima, ferma irregolarmente Balotelli, ma l’arbitro bergamasco incredibilmente non estrae il secondo giallo.

Allegri prova a giocarsi il tutto per tutto inserendo Niang per Birsa e Saponara per Muntari, passando di fatto al 4-2-3-1. Al 61’ ammonizione gratuita presa da Balotelli (spintone al portiere Neto che stava lasciando scorrere la palla fuori), che era diffidato e quindi salterà la trasferta contro il Chievo.

I rossoneri provano il tutto per tutto, senza mai impensierire Neto, mentre Montella inserisce Joaquin al posto di uno spento Rossi. Al 73’ la Fiorentina trova il 2 a 0 che chiude la gara. Cross dalla destra di Joaquin, Gabriel esce malissimo regalando la palla a Borja Valero che tutto solo fa 2 a 0. Il pubblico milanista inizia a fischiare pesantemente la squadra, esponendo anche striscioni contro la società per un mercato deficitario.

Galliani, scurissimo in volta, abbandona la tribuna d’onore. Nel finale, la Fiorentina controlla e fa girare palla senza affondare il coltello nella piaga fino al triplice fischio finale di un Milan alle corde, fischiato senza pietà dal pubblico.

CHIAVE - La fragilità del Milan che subisce il 18° e 19° goal in campionato. Dopo il goal di Vargas, i rossoneri si spengono e non impegnano mai Neto. Pessima la prova dei rossoneri, che non hanno un gioco e non riescono ad eliminare le gravi lacune difensive.

MOVIOLA - Non sufficiente la prova di Mazzoleni, che sembra essere inadatto a gare importanti. Dubbio il contatto in area fra Rodriguez e Balotelli nella prima frazione. Giusto invece non fischiare sulla caduta di Balotelli in area, ma poi il direttore di gara sbaglia a non ammonire per simulazione lo stesso attaccante rossonero allo scadere del primo tempo.

Al 55’ manca il secondo giallo per Aquilani che trattiene Balotelli; da regolamento deve scattare l'ammonizione in automatico. Corretti i tre gialli a Balotelli (fallo su Neto), Aquilani e Matos.

Dalle Pagelle:

IL MIGLIORE - Borja Valero. Il solito giocatore totale: lo si trova in tutte le zone del campo, in fase di contenimento e in fase di costruzione del gioco. Trova anche il goal del 2-0 approfittando di uno svarione di Gabriel.

IL PEGGIORE - Balotelli. Non si vede praticamente mai, se non nel tentativo di procurarsi goffamente un calcio di rigore. Come al solito è troppo nervoso e rimedia un evitabilissimo giallo che gli costa la squalifica.

Sullo stesso argomento